Notizie.it logo

Coronavirus, il parere dell’epidemiologo sui guanti di lattice

guanti lattice

I guanti in lattice possono davvero aiutare a prevenire il contagio del nuovo Coronavirus? Il parere dell’epidemiologo.

Il Coronavirus ha sconvolto la vita delle persone e le domande in merito sono davvero tante. Il contagio da Covid19 fa paura e ognuno si sta ‘attrezzando’ come meglio crede. Dalle mascherine protettive ai guanti da lattice passando per il gel disinfettante e la Vitamina C. Questi prodotti possono davvero metterci al riparo? I guanti sono realmente indispensabili come molti credono?

Coronavirus e guanti di lattice

Da quando è esplosa l’emergenza Coronavirus alcuni prodotti sono andati letteralmente a ruba. In primis le mascherine protettive, che ormai sono introvabili o vendute a prezzi esorbitanti, seguite da gel igenizzanti e guanti in lattice. Nell’ultima puntata di Agorà l’epidemiologo Pierluigi Lopalco ha cercato di fare chiarezza in merito e ha spiegato il motivo per cui i guanti sono non solo inutili ma anche pericolosi.

Il medico ha dichiarato: “Vedo molta gente che, in questi giorni, usa i guanti. Ma i guanti non solo non servono a nulla, ma possono essere controproducenti. Le mani le posso lavare. I guanti o li butto ogni minuto oppure si insozzano e possono veicolare il contagio”. In molti, con l’utilizzo dei guanti, credevano di poter limitare il contagio, ma pare che non sia affatto così. Effettivamente, soffermandoci a riflettere sulla spiegazione di Lopalco, è chiaro come questo prodotto possa essere del tutto controproducente. Pensate, ad esempio, alla cassiera di un supermercato: lavora per un turno intero, quindi ore e ore, con lo stesso paio di guanti ed entra in contatto con prodotti e denaro maneggiati da altre mille mani.

Le mascherine

Il dottor Lopalco ha voluto fare chiarezza anche in merito alle mascherine.

Ha dichiarato: “Servono a non contagiare gli altri. Ma chi ha dei sintomi di malattie respiratorie deve restare a casa, non andare in giro. Mettersi una sciarpa sulla bocca quando siamo sul bus, per esempio, serve a ben poco. Perché, poi, mi attacco ai sostegni, mi stropiccio gli occhi con le mani e la frittata è fatta”. Così come ripetuto dal Ministero della Salute e dal governo, lavarsi spesso e bene le mani è l’unico modo efficace per proteggersi dal Coronavirus. A questa piccola ‘norma’ di base, ovviamente, vanno aggiunte anche altre raccomandazioni, o meglio obblighi: mantenere una distanza di sicurezza di almeno un metro rispetto alle altre persone, evitare abbracci e strette di mano e se si tossisce/starnutisce bisogna farlo nell’incavo del gomito o utilizzare fazzoletti monouso.


Integratori e Vitamina C

Il dottor Lopalco ci ha tenuto a ribadire più volte che i guanti in lattice non sono solo inutili, ma potrebbero anche diffondere maggiormente il contagio.

In conclusione, l’epidemiologo ha voluto fare chiarezza anche su un altro punto: integratori e Vitamina C. Con l’esplosione dell’emergenza Coronavirus, infatti, sono molti gli individui che hanno sostenuto che alcuni comportamenti potrebbero prevenire il contagio. Questi sarebbero: bere bevande calde, assumere integratori a base di Vitamina C e fare gargarismi. Lopalco ha dichiarato: “Sono tutte cose che al Coronavirus fanno il solletico”. Insomma, è chiaro: dobbiamo stare a casa ed uscire solo se strettamente necessario.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Fabrizia Volponi
Fabrizia Volponi nata ad Ascoli Piceno nel 1985. Laureata in "Scienze Storiche" e in "Scienze Religiose", sono da sempre appassionata di lettura e di scrittura. Divoro libri e li recensisco sul mio Blog Libri: medicina per il cuore e per la mente. Lasciatemi in una libreria, possibilmente piccolina e vintage, e sono la donna più contenta del mondo.
Leggi anche
Leggi anche