Fare pace dopo una discussione: Ecco alcuni consigli utili

Alcuni consigli utili per fare pace dopo un’accesa discussione che possiamo aver avuto con una persona. Ecco come comportarsi.

Mantenere la propria prospettiva e pensare ad entrambe le versioni è più semplice quando la discussione non è stata violenta. Se invece, sono scoppiati insulti e sono volate anche le sedie, è più difficile riuscire a parlare in modo calmo e sereno.

-Dobbiamo considerare i punti di viste di entrambe le parti. Se ognuno rimane immobile sulle proprie posizioni non se ne uscirà. L’obiettivo principale è quello di cercare di capire la posizione dell’altro. Non serve a niente rimarcare i difetti e gli errori degli altri. Nemmeno cercare di convincere l’altro che si ha ragione. Il primo passo verso la riconciliazione deve essere l’accettare che ogni persona è diversa da noi e, dunque, pensa in modo diverso.

E’ necessario interrogarsi sulla natura del conflitto. A volte, le apparenti motivazioni nascondono cause più profonde. Spesso si parla della “la goccia che fa traboccare il vaso”. In questo caso, risolvere la scintilla che ha causato il confronto non è sufficiente, è necessario impegnarsi in un dialogo e tentare di spiegare ognuno il proprio atteggiamento.

Consigli utili

-Non si deve cercare di convincere l’altro a pensare come noi: è da supporre che l’altro continuerà a pensare come prima.

-In alcuni casi dobbiamo saper ammettere che non sempre agiamo bene In questo modo, inoltre, dimostriamo che il rapporto con l’altra persona è più importante dell’avere torto o ragione.
-Al contrario, quando cerchiamo di essere nel giusto, implicitamente pensiamo che la vittoria personale sia più importante di trovare un punto di accordo. La nostra strategia si basa su una lotta permanente, in cui ci sarà ovviamente un vincitore e un vinto. Per ottenere la riconciliazione si deve lavorare come una squadra, con una strategia che consideri entrambe le parti. Sotto questo punto di vista, due persone saranno liete di ottenere buoni risultati.

Fare il primo passo

Uno stato di umore propizio alla riconciliazione è necessario, per venir meno al conflitto con gli altri. Per questi, il conflitto è equivalente a un vicolo cieco.
-Nel migliore dei casi, è necessario fare il primo passo. Questo significa andare incontro alle loro emozioni negative. e con buona ragione! Si cerca di andare incontro agli altri. Questo è ciò che si può chiamare un comportamento maturo.
E’ necessario parlare. Ma non è tutto. Ci sono diversi modi di comunicare: i gesti e le azioni ne fanno sicuramente parte. Ad esempio, facendo un favore ad un amico con cui voi avete discusso, dimostrerete che per voi il conflitto è ormai lasciato alle spalle.

E se dovete riconciliarvi col il partner? Vai sul divano con la tua dolce metà Tra una carezza ed un bacio, sarà necessario dire “perdonami” è tutto è già risolto. ” È possibile, ad eccezione del fatto che il vostro corpo non può fingere. Evitiamo, invece, di camuffare rabbia o risentimento. Non sono buoni motivi per negare il dialogo. Avrete così modo di mostrare al vostro ragazzo che lo amate, nonostante la vostra rabbia. Questo è un modo per dimostrae che, davvero, avrete voltato pagina!

Scritto da Selena Papi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

080 Barcelona: le proposte di BCN, Punto Blanco e TCN

Barcelona 080: Carlotaoms, Krizia Robustella, Celia Vela

Leggi anche
  • tecnica della bolla cos eTecnica della bolla: cos’è e come difendersi dai negativi

    La tecnica della bolla è un modo per proteggersi e difendersi da chi ci “preleva” troppa energia con discorsi negativi, come si attua?

  • perchè donne sempre in ritardoDonne sempre in ritardo: luogo comune o realtà?

    È vero che le donne sono sempre in ritardo? Una ricerca ci spiega il perché.

  • male gaze sguardo maschile significatoMale Gaze, guardarsi con “sguardo-maschile”: qual è il significato

    “Male gaze” o “sguardo maschile” è un’espressione dal significato radicato nella cultura mainstream e relega il ruolo delle donne a ciò che ci si aspetta da loro.

  • White fragilityWhite fragility, la difficoltà dei bianchi nell’affrontare il razzismo

    Le persone bianche, secondo la scrittrice DiAngelo, tendono a respingere o a negare ogni accusa di razzismo: così si concretizza la “white fragility”.

Contents.media