Notizie.it logo

Come fare un’efficiente pressoterapia da casa

pressoterapia

La pressoterapia è utile per curare vari tipi di inestetismi e problemi localizzati. Come effettuarla, anche da casa, grazie all'uso di macchinari?

Che cos’è la pressoterapia e come si fa? Si tratta di un trattamento medico, ma anche estetico, che permette di risolvere diversi tipi di problemi. Va a migliorare il rendimento del sistema circolatorio e di quello linfatico, in chi si sottopone a questo tipo di trattamento. Viene impiegato per combattere gli inestetismi della cellulite, ma anche per ridurre la ritenzione idrica da linfedema, nonché per ridefinire alcune parti del corpo, ad esempio le gambe. Può servire per aiutare ad eliminare le sostanze tossiche dal corpo e nel favorire lo snellimento, ad esempio di cosce e glutei. Generalmente offre un’immediata sensazione di benessere e i risultati non tardano mai da arrivare.

Come fare la pressoterapia

La pressoterapia si esegue in diversi modi. Attraverso un drenaggio linfatico si riesce a ridurre inestetismi come la ritenzione idrica e, solitamente, vengono trattate zone del corpo come le gambe o le braccia, o comunque le estremità del corpo. Il drenaggio, consiste nell’esercitare una pressione esterna sulla zona da trattare.

A questo proposito, vi è proprio uno strumento che è progettato appositamente per tale scopo.

Dall’applicazione di tale pressione nasce, appunto, il termine pressoterapia. Le aree anatomiche di trattamento sono, come abbiamo visto, gli arti superiori e quelli inferiori. In ogni caso, esiste il modo di agire anche a livello addominale, sulla schiena, ma anche sul basso ventre. Gli interventi a livello degli arti inferiori sono senza dubbio quelli più adottati.

I risultati che si possono ottenere con la pressoterapia sono davvero molteplici. Questa va a migliorare la circolazione, riducendo il gonfiore e l’edema agli arti, sia superiori che inferiori. Riesce a contrastare, inoltre, gli stati infiammatori di natura non infettiva, migliora il tono e l’integrità della pelle e anche l’ossigenazione cutanea. Serve anche per ridurre il linfedema post operatorio, ma anche per alleviare il dolore provocato da traumi sportivi. Riduce, infine, lo stress e favorisce il rilassamento del corpo.

Ma come fare la pressoterapia? Come si esegue? Intanto, dobbiamo iniziare dicendo che il macchinario è collegato a dei cuscini, che il terapeuta metterà attorno all’area da trattare.

Questi cuscini sono particolari: essi vanno ad esercitare, infatti, sulla zona interessata, una pressione tramite dei getti d’aria. Attraverso tale pressione, è possibile riattivare efficacemente il sistema circolatorio e quello linfatico, poiché vengono stimolati. Questo apparecchio elettronico serve a regolare l’intensità di questi getti d’aria e, quindi, l’intensità della pressione. Dobbiamo considerare che la pressoterapia non richiede una particolare preparazione da parte della persona che si sottopone al trattamento. L’unica accortezza da seguire, è quella di presentarsi a digiuno agli appuntamenti.

Il terapista farà stendere il paziente su un un lettino. Successivamente, applicherà sulla zona da trattare i sopracitati cuscini, collegandoli all’apparecchio elettronico. In genere, una seduta dura da un minimo di mezz’ora fino ad un massimo di 50 minuti. Le sensazioni sono molto simili a quelle di un massaggio. In genere, tale trattamento non apporta benefici in una sola seduta: affinché la pressoterapia sia efficace, infatti, sono richieste almeno 8 sedute.

In genere, queste sono suddivise in 2 o 3 appuntamenti settimanali.

Quali sono i costi della pressoterapia? In genere, questi si aggirano sui 60 euro a seduta. I prezzi non sono, quindi, molto economici. Vi sono però dei siti, come ad esempio Groupon, che spesso offrono periodicamente dei pacchetti completi con una decina di sedute. Gli sconti possono arrivare anche al 90%, in alcuni casi. I costi possono essere facilmente ammortizzati, acquistando un macchinario ed effettuando la pressoterapia a casa.

Macchinari

I macchinari, abbiamo visto, servono per regolare l’intensità dei getti d’aria che provengono dagli appositi cuscini. In vendita, ce ne sono molti: su Amazon, ad esempio, ne possiamo trovare di diversi, di marche differenti. La Amzdeal, ad esempio, ma anche l’apparecchio Vein Angel appartengono alle marche forse più conosciute del settore. Facendo un giro su Amazon è possibile vedere quanto sia vasto il mondo degli apparecchi per la pressoterapia.

-Amzdeal massaggiatore

L’Amzdeal massaggiatore è un tipo di apparecchio molto utilizzato per la pressoterapia.

Il suo costo non è molto elevato: su internet è possibile trovarlo ad una cifra che si aggira intorno a 60 euro, non considerando le spese di spedizione. Si tratta di un prodotto altamente innovativo, che permette di massaggiare gambe e braccia per andare a stimolare la circolazione sanguigna, ma anche i muscoli. Viene usato sia su arti inferiori che quelli superiori e presenta tre livelli di intensità: basso, medio e alto.

Vi sono, poi, due modalità, quella manuale e quella automatica. E’ previsto anche un telecomando per regolare il tutto, a nostro piacimento. Risulta essere molto semplice da utilizzare: la striscia è ampiamente regolabile ed è adatta sia per le gambe che per le braccia. Una volta che è stata opportunamente caricata, è in grado di lavorare per ben due ore. Può essere usata per alleviare le vene varicose, ridurre il dolore e la stanchezza dei piedi dopo lunghe passeggiate o l’utilizzo di scarpe con il tacco. E’ composto di materiale PU di alta qualità e si spegne, automaticamente, dopo 15 minuti di inutilizzo.

-apparecchio Vein Angel

L’apparecchio Vein Angel è un prodotto che costa un po’ di più rispetto al precedente. Su Amazon, ad esempio, lo troviamo ad un prezzo che si aggira sui 299 euro. Si tratta, comunque, di un prodotto in promozione, dato che su altri siti costa molto di più. E’ un apparecchio per massaggio ad onde d’urto. Possiede dei gambali molto semplici da indossare ed ha una chiusura a cerniera che permette di chiudere il dispositivo, a vantaggio della nostra sicurezza e stabilità durante il suo uso.

Si può regolare l’intensità e la durata del trattamento grazie a delle manopole che sono disposte sul davanti. Vi sono ben 4 cuscinetti d’aria che sono completamente coprenti e che garantiscono un massaggio uniforme. Il massaggio verrà effettuato dai piedi fino all’addome. La particolare coprenza dei cuscinetti evita che si formino degli spazi vuoti, per una maggiore efficienza del trattamento. Il dispositivo dura a lungo ed è coperto da garanzia. E’ senza dubbio molto semplice ed intuitivo da utilizzare, anche per gli anziani.

Consigli pratici

Ecco, infine, alcuni consigli pratici, derivanti dall’uso dei macchinari per la pressoterapia. Al termine del trattamento, molte persone avvertono lo stimolo di urinare. E’ normale che ciò avvenga, poiché questo dipende dalla mobilizzazione dei liquidi corporei. Per mantenere più a lungo gli effetti della pressoterapia, dobbiamo ricordare inoltre di adottare semplici accorgimenti, come evitare di bere alcolici, fumare e ridurre il sale nella dieta. Questi piccoli accorgimenti, aiutano ad eliminare la ritenzione idrica presente nel nostro corpo.

Vi sono, però, delle controindicazioni per la pressoterapia. Intanto, chi soffre di flebite o di troboflebite dovrebbe evitare di sottoporsi a questi trattamenti. Sono processi infiammatori caratterizzati da coaguli di sangue, spesso presenti nelle gambe. Oltre a questi soggetti, non dovrebbero sottoporsi a tale trattamento coloro che soffrono di trombosi venosa profonda. Attenzione anche a chi possiede vene varicose. E’ provato, comunque, che l’uso della pressoterapia migliori lo stato delle vene varicose.

Meglio sempre chiedere consiglio al medico in caso di presenza di vene varicose, se volete sottoporvi a sedute di pressoterapia. Altre controindicazioni riguardano persone che soffrono di grave aterosclerosi, ma anche diabete mellito e cirrosi epatica. Anche coloro che soffrono di insufficienza cardiaca, epatica e renale dovrebbero stare cauti nell’uso di tali macchinari, onde evitare complicazioni gravi. Infine, anche le donne in gravidanza non dovrebbero sottoporsi a questo trattamento. Secondo alcuni studi scientifici, è stato dimostrato che la pressoterapia potrebbe provocare danni al feto, ma anche alla donna stessa. Meglio, quindi, evitare e rimandare l’appuntamento con la pressoterapia una volta passata la fase di gravidanza.

I soggetti, reputati come sani e che non hanno caratteristiche particolari per le quali dovrebbero astenersi dal trattamento, possono in ogni caso avere degli effetti collaterali. Questi si manifestano in modo molto raro e, in ogni caso, vi è sempre una predisposizione genetica. Una conseguenza secondaria riguarda la possibile infiammazione, di durata non passeggera, di questa particolare zona trattata. Si può, infatti, andare incontro ad un indurimento cutaneo o ad una rottura dei capillari, in base alla pressione esercitata dal macchinario. E’ importante, quindi, che la pressione sia commisurata alla zona da trattare.

Una maggiore pressione, infatti, non sempre corrisponde ad effetti e benefici maggiori. Dobbiamo considerare che la pressione massima esercitata non dovrebbe mai superare la pressione arteriosa minima, per non andare ad ostacolare l’arrivo di sangue ossigenato nei tessuti. Può essere ottimizzata dall’applicazione in modo complementare di sinergie di oli essenziali specifici, che possono essere ad azione drenante. Questi possono essere applicati sia manualmente, sia attraverso l’ausilio di particolari e specifici bendaggi.

Scegliere una buona pressoterapia è fondamentale: è sempre meglio affidarsi a centri specializzati, che abbiano macchinari garantiti. I gambali, le fasce, i bracciali devono essere costruiti con materiali sicuri. Le sacche devono essere resistenti e sovrapposte, in modo che si possano adattare bene alle diverse corporature e che possano produrre pressioni controllate. E’ necessario, infine, che vi sia esperienza da parte dell’operatore. Questa persona dovrà essere in grado di analizzare in modo corretto l’esigenza della persona che si sottopone al trattamento. I benefici della pressoterapia saranno maggiori se la persona che si sottopone al trattamento adotta anche uno stile di vita sano, basato su una alimentazione sana, varia e bilanciata, assieme all’assunzione di grandi quantitativi di acqua, per un miglior drenaggio di tutto il corpo e per ottenere maggiori risultati.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche