Quarto Grado, l’ex pm Angioni su Denise Pipitone: “Ritengo che sia viva”

In occasione dell’ultima puntata di Quarto Grado, l’ex pm di Marsala Maria Angioni ha rilasciato alcune nuove dichiarazioni sul caso di Denise Pipitone.

Nel corso dell’ultima puntata di Quarto Grado, è stato nuovamente affrontato il caso di Denise Pipitone: in merito alla vicenda, si è espressa l’ex pm Maria Angioni.

Quarto Grado, l’ex pm Angioni su Denise Pipitone: le nuove intercettazioni

Nella prima serata di venerdì 5 novembre, è stata trasmessa una puntata inedita di Quarto Grado durante la quale si è tornati sul caso di Denise Pipitone, la bambina sparita da Mazara del Vallo, in Sicilia, nel 2004.

In relazione al caso, infatti, sono state recuperate nuove intercettazioni che sono state commentate dall’ex pm della procura di Marsala, Maria Angioni. La donna, attualmente indagata per aver diffuso informazioni e rilasciato dichiarazioni prive di riscontro e fondamento, è stata ascoltata a Quarto Grado e ha sottolineato che “le nuove cose emerse in questi mesi dalle intercettazioni sono molto importanti”.

Quarto Grado, l’ex pm Angioni su Denise Pipitone: “Ritengo che sia viva”

L’ex pm della procura di Marsala, infatti, ha precisato: “Sono importanti perché dimostrano anche il fatto che se si sta zitti non esce fuori niente, se si fa un po’ di caos qualche spunto esce. Qualcuno cede, qualcuno ha voglia di parlare e qualcosa esce fuori. Adesso quello che si deve fare è capire chi è Giuseppe, cercare di avere il massimo delle informazioni. Qualsiasi cosa sia successa io ritengo che lei sia viva.

Se fosse morta sarebbe già uscita fuori, qualcuno avrebbe fatto trovare le tracce”.

Quarto Grado, l’ex pm Angioni su Denise Pipitone: la pista tunisina

Infine, Maria Angioni ha deciso di esprimersi in merito alla pista tunisina, asserendo: “Io per adesso non romperei le scatole alle persone. La mia massima preoccupazione è sui cambiamenti interni che possono avvenire nelle persone se davvero Denise è in una certa situazione familiare in cui sta bene. Andare a molestare le persone, eventualmente, vicino a lei o anche proprio a lei, non è utile. Se da qualche parte in quella zona tunisina c’è Denise, lei ormai è grande e può fare da sola delle riflessioni”.

Scritto da Ilaria Minucci
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • PensioniCalderone sulle pensioni: “Prendiamo Quota 41 come riferimento”

    La ministra del Lavoro e delle Politiche sociali, Marina Calderone, ha parlato dei prossimi interventi sulle pensioni: a riferimento Quota 41

  • Catherine DahmerCatherine Dahmer: chi era la nonna di Jeffrey Dahmer

    Catherine Dahmer era la nonna di Jeffrey Dahmer, serial killer e cannibale, di cui si è parlato anche nella famosa serie Netflix.

  • Sabrina MinardiVatican Girl: chi è Sabrina Minardi

    Sabrina Minardi è stata legata per ben dieci anni ad Enrico De Pedis, Boss della Banda della Magliana, conosciuto come Renatino.

  • Renatino De PedisVatican Girl: chi è Renatino de Pedis

    Enrico De Pedis, conosciuto come Renatino, è stato il boss della Banda della Magliana, ucciso nel 1990 a Campo de’ Fiori.

Contentsads.com