La pubblicità di assorbenti Nuvenia mostra il sangue mestruale: è polemica

Nuvenia rompe il web con il suo nuovo spot con assorbenti sporchi di sangue. Il lavoro dell'azienda e del social media manager sta creando una nuova normalità, oltre i tabù.

Il mondo del web è sorprendente, a volte è in grado di creare scandali sulla base del nulla. Questa volta nel mirino ci è finita Nuvenia con la sua nuova pubblicità per assorbenti che, a sorpresa di tutti, ha mostrato del sangue. In uno spot per assorbenti, incredibile vero?

La pubblicità Nuvenia mostra assorbenti sporchi di sangue

Nello spot presentato da Nuvenia, parte del progetto “Viva la vulva”, una canzone accompagna una serie di oggetti inanimati che prendono parte ad un coro simulando il movimento delle labbra. Tra questi una grande conchiglia posizionata sul pube di una donna, una pesca aperta a metà, un pupazzetto e degli assorbenti.

pubblicità nuvenia assorbenti sangue11

Attenzione però, questi assorbenti non sono sempre puliti, una volta appaiono addirittura sporchi di sangue. Il popolo di internet ha sentito l’esigenza di far sapere all’azienda che la vista di sangue mestruale urta la loro sensibilità e soprattutto quella dei bambini.

La risposta del social media manager alle critiche degli utenti

Sul profilo Instagram di Nuvenia viene pubblicata la foto di un assorbente e una provetta piena di sangue che lo riempie.

L’azienda dichiara di non voler più utilizzare il liquido blu per riferirsi al ciclo mestruale e appoggiare l’insieme di iniziative nate per la liberazione del corpo femminile dai tabù imposti dalla società.

pubblicità nuvenia assorbenti sangue1

Al post seguono una serie di commenti indignati a cui il social media manager risponde con estrema calma e gentilezza, mostrando come questa sia l’arma perfetta per combattere odio e ignoranza.

Per quale motivo questo spot ha turbato così tanto?

Le argomentazioni che ricorrono più spesso tra chi contesta lo spot sono principalmente due: la prima che ritiene non necessaria la cosa dato che nemmeno le pubblicità di preservativi mostrano liquido seminale e quelle di carta igienica non mostrano feci e urina. La seconda esprime schifo e necessità di tutelare i più piccoli da queste immagini. Capiamo perché nessuna di queste due tesi può funzionare, iniziando con quest’ultima.

I bambini devono abituarsi a conoscere le mestruazioni

Parliamoci sinceramente, i bambini oggi sono esposti ad una violenza esagerata tra i programmi tv e i videogiochi quindi non può essere il sangue a sconvolgerlo. Lo sconvolge entrare in una zona inesplorata quale quella dell’intimità femminile. Abituare già dall’infanzia al ciclo mestruale può diventare un ottimo modo per normalizzare la cosa.

assorbenti nuvenia pubblicità sangue

Spiegare ai bambini che è un processo naturale e necessario per il corpo della donna e alle bambine che non devono provare vergogna è doveroso. Queste ultime infatti crescono senza avere la possibilità di decidere quanto poter parlare di questo argomento, sono obbligate e tenerlo nella sfera intima. O al massimo di poterlo condividere esclusivamente con il genere femminile, come per argomenti paralleli quali la masturbazione o il desiderio sessuale.

Normalizzare il corpo della donna è sempre più faticoso

Come già accennato, si contesta inoltre il fatto che non sia fondamentale mostrare il liquido mestruale poiché nemmeno in spot su prodotti simili accade di mostrare liquidi corporei. Anche questo è un grande bias cognitivo dato che invece secondo le marche di assorbenti è sempre stato necessario mostrarlo, senza che però fosse rosso.

pubblicità nuvenia sangue assorbenti

Se quello che vi dico non vi risulta andate a cercare uno spot realizzato da alcuni dei più noti produttori e noterete, come aveva già sottolineato Nuvenia, che si usava del liquido blu indefinito per mostrare le proprietà del prodotto. Il problema ora è quindi mostrare del sangue vero perché riporta alla realtà? Forse è il caso di riflettere e chiedersi perché la vista di sangue mestruale crea così tanto disagio.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Esercizi da fare a casa in 15 minuti: alcuni consigli preziosi

Cappotto nero per l’inverno 2020-21: le tendenze

Leggi anche
  • fabio cantelli chi èChi è Fabio Cantelli, dalla carriera come scrittore a San Patrignano

    Fabio Cantelli è uno dei protagonisti della docu-serie Netflix SanPa, nella comunità aveva vissuto 10 anni sia come ospite che come collaboratore.

  • revenge porn maestra torino licenziata direttriceRevenge porn maestra di Torino licenziata: condanna per la direttrice

    Maestra d’asilo di Torino vittima di revenge porn nel 2018: richiesta la condanna per la preside che l’aveva licenziata e per una mamma.

  • pubblicità nuvenia codice media e minoriLa pubblicità Nuvenia ha infranto il codice media e minori: i motivi

    Lo spot “Nuvenia – Viva la vulva” è stato giudicato inadatto a un pubblico di minori, ma perché tanto scalpore su alcuni fenomeni legati alle donne?

  • aumento richiesta divorzio dopo il lockdownCoronavirus, aumento richiesta di divorzio dopo il lockdown: i dati

    Boom di richiesta di divorzio e di chiamate ai centri antiviolenza: il lockdown ha avuto effetti non trascurabili anche sui nuclei familiari.

Contents.media