Pandemia e salute mentale dei lavoratori: le conseguenze

Pandemia da coronavirus, salute mentale e lavoro. I dati rivelano un sovraccarico di stress e sintomi negativi sulla psiche, cosa fare?

La correlazione tra pandemia e salute mentale ha già fatto emergere alcune implicazioni negative a danno della seconda. Ma se inseriamo un terzo fattore, cioè, la forza lavoro, avremo un’altra scoperta. Un recente sondaggio ha constatato come, dall’inizio dell’emergenza sanitaria, il 78% dei lavoratori abbia avuto degli effetti negativi sulla propria salute mentale.

Pandemia, salute mentale e lavoratori

Oltre alle preoccupazioni legate alla situazione economica, il 2020 ha messo a dura prova buona parte dei lavoratori mondiali anche per il doversi adattare a una nuova routine. Una ricerca di Oracle su 12mila impiegati in 11 Paesi ha evidenziato come l’emergenza sanitaria in atto abbia avuto effetti negativi sulla salute mentale del 78% del campione. Di questi, poi, l’85% ha dichiarato che tali effetti hanno avuto conseguenze negative anche nella propria vita privata.

I dati ci parlano di un adulto su 4 che negli Stati Uniti ha iniziato a manifestare sintomi di depressione e di 7 lavoratori su 10 che hanno confessato di avere maggiore stress rispetto agli anni precedenti. Buona parte dello stress pare causato dal cosiddetto smart working, tanto che il 41% del campione dice di non riuscire più a distinguere la vita professionale da quella privata.

Leggi anche: Smart working e coronavirus: le donne lavorano di più

Cosa possono fare le aziende

Alcune aziende hanno già sostenuto come, per loro, la salute mentale dei propri dipendenti sia una priorità. Del tema se n’è parlato nel corso della Advertising Week, convegno annuale di New York a cui prendono parte personaggi di spicco del marketing e della tecnologia. Dall’evento è emerso come gli uffici del personale di molte aziende dovessero, non solo riorganizzare tutto il lavoro in termini pratici, ma anche sostenere emotivamente i dipendenti. Regola d’oro è, come spesso accade, ascoltare. La miglior strategia è essere informati sul benessere dei propri lavoratori ed essere sempre disponibili all’ascolto. Avere dei dipendenti felici è anche sinonimo di maggiore produttività, quindi preoccuparsi delle proprie risorse umane farà bene all’anima ma anche al portafoglio.

Cosa possono fare i lavoratori, da casa

I sintomi maggiormente riportati dai lavoratori durante la pandemia sono legati alla sfera fisica: poca energia, difficoltà di concentrazione e insonnia. Fondamentale, secondo alcuni esperti, è ritagliarsi del tempo per sé stessi e soprattutto, in quei momenti, stare lontano dai social o dalla tecnologia in generale. Essere online h24 porta inevitabilmente a un sovraccarico di stress quindi, se si può, ogni tanto bisogna staccare. Soluzioni pratiche e veloci sono fare una passeggiata, da soli o con amici, o impegnarsi a praticare qualche hobby. La mente, dopo, sarà più produttiva.

Leggi anche: Smart working e stress, aumenta o diminuisce?

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Leggings invernali da ginnastica: l’ideale per allenarsi a casa

Equal Pay Day, dal 4 novembre le donne lavorano gratis

Leggi anche
  • israele cosa sta succedendoCosa sta succedendo in Israele?

    Nuova escalation di scontri tra Israele e Palestina che oppongono manifestanti palestinesi e forze dell’ordine israeliane dopo gli sfratti da Sheikh Jarrah.

  • Crossdressing uomini eteroCrossdressing, perché uomini etero si sentono bene con abiti femminili

    L’abbigliamento è sempre più gender fluid e uomini etero che preferiscono vestirsi da donna ne sono l’esempio, sono i crossdresser.

  • Gender fluid chi sonoGenerazione Z, gender fluid e sognatrice: chi sono gli adolescenti oggi

    Sono impauriti dal futuro ma non si tirano indietro e cercano di cambiare il mondo: chi sono i ragazzi della Generazione Z?

  • mamme donne realizzateNon è vero che le donne si sentono realizzate solo con la maternità

    Le donne solo se mamme, secondo l’opinabile parere dell’europarlamentare Antonio Tajani, acquisirebbero la loro realizzazione.

Contents.media