Notizie.it logo

Coronavirus, smart working e famiglia: le donne lavorano di più

Coronavirus: cosa vuol dire smart working per le donne

Cosa vuol dire Smart working per le donne? Una donna su tre, tra lavoro, casa, figli e marito, lavora più di prima ai tempi del Coronavirus.

L’emergenza Coronavirus, che ha imposto la chiusura delle scuole e indicato alle aziende la via del lavoro a distanza, ha portato tutti a casa con una evidente problematica di spazi e di tempi. “Lo smart working ha reso la vita meno frenetica“, dicono in tanti. Sì ma non è proprio così per tutti. Soprattutto non per le donne, che tra lavoro da casa, videochiamate, marito e figli da gestire, casa da pulire e bucato da fare si ritrovano immerse in un lavoro che di “smart” ha ben poco. Ecco cosa vuol dire Smart working per le donne: ai tempi del Coronavirus una donna su tre lavora più di prima senza più avere la divisione fra tempo dedicato alla casa e tempo dedicato all’ufficio.

È quanto emerge dalla ricerca #IOLAVORODACASA condotta da Valore D.

Smart working: il lavoro delle donne al tempo del Coronavirus

Quanto è grande una casa? Troppo grande per una donna che deve riuscire, in sole 24 ore, a trovare un equilibrio tra la gestione e pulizia della casa e il lavoro da remoto. Troppo poco, per le donne costrette allo smart working, in una casa piena di bambini, con tutta la famiglia tra i piedi, senza che si abbia un stanza dove potersi concentrare per qualche ora. L’emergenza Coronavirus, che ha imposto lo stop delle scuole, la chiusura delle attività «non essenziali» e che ha incoraggiato il lavoro da casa è un fardello che comincia a essere troppo pesante per le donne.

coronavirus smart working donne

Difficile trovate lo spazio necessario per telefonate, videochiamate e riunioni senza perdere d’occhio i figli. Ma difficile è anche trovare il tempo necessario per tutto questo fra un pranzo da preparare e una lavatrice da svuotare. Nell’arco di 24 ore una madre deve riuscire a trovare del tempo per un’innumerevole quantità di attività.

Devono preparare colazione, pranzo e cena. Devono gestire le ora di scuola online dei figli: a seconda dell’età ci sono i compiti assegnati da scaricare, c’è da ripetere la prima guerra mondiale o da svolgere gli esercizi sulle frazioni e sui poligoni regolari, c’è da fare l’autocorrezione dei compiti svolti durante la settimana scorsa e così via. Leggi, scarica, fotocopia altrimenti finisce che pensano davvero di essere in vacanza.

Bisogna anche trovare il tempo per un pò di faccende (la casa va disinfettata da cima a fondo di questi tempi) e per la spesa: lunghe ore di fila davanti ai supermercati ci aspettano! E in tutto questo, non dimentichiamoci del lavoro!

Miniguida per le donne stressate dal multitasking

Il peso delle misure di emergenza contro la diffusione del Covid-19 ricade in maniera particolarmente dura sulle donne e sulle mamme. Non è facile nella quotidianità, poter trovare un equilibrio perché dovrebbe esserlo in una situazione straordinaria come quella di una pandemia? Ma le mamme, si sa, di competenze manageriali e multitasking se ne intendono eccome. Con un occhio al computer e uno sui figli, tra una chiamata di lavoro e le pentole in cucina, tra una riunione e i vestiti da stirare il risultato di queste lunghe giornate di isolamento tra le mura domestiche non può essere altro che uno stress infinito.

E il tempo per prendersi cura di sè?

Con un po’ di allenamento e la giusta strategia è possibile trovare un equilibrio tra l’impegno per il lavoro e la cura della famiglia (e una passata di disinfettante per casa). Ecco una mini-guida per sopravvivere alle 24 ore di lavoro non proprio smart che vi siete ritrovate ad affrontare.

  1. Siamo chiare con i figli: per alcune ore della giornata, la mamma è impegnata con il lavoro. Potrà essere disturbata solo per le urgenze, ma per il resto non ce n’è per nessuno.
  2. Prepariamo e allestiamo uno specifico ambiente per il lavoro: lavorare e concentrarsi con i bambini attorno sarà impossibile! trovate una stanza per voi, un luogo della casa più isolato. Può andar bene anche trasferire una piccola scrivania o un tavolino in camera da letto.
  3. Cercate di non stilare una lista di cose da fare lunga pagine e pagine: anche se la casa non brillerà da cima a fondo andrà bene lo stesso. Occupatevi solo delle priorità o non avrete il tempo per il lavoro.
  4. Non è vero che l’abito non fa il monaco. Prima di metterci all’opera, optiamo per un abbigliamento professionale: siamo a casa, ma per lavorare. Non servono i tacchi ma bisogna essere sempre pronti per una videochiamata di lavoro.
  5. Stabilite una nuova routine. Scandire il tempo dedicato al lavoro e quello dedicato alla casa e alla famiglia, secondo una sana e utile routine, può essere un buon espediente per rendere proficua la giornata mantenendo il giusto equilibrio.
  6. Dovrete pur staccare la spina ogni tanto. Manteniamo un po’ di tempo per il rilassamento del corpo e della mente, per prenderci cura di noi stesse oltre che degli altri. Prendetevi qualche ora per una lunga doccia, qualche maschera per il viso o un pò di palestra. Il vostro corpo vi ringrazierà, ma anche la vostra mente ne beneficerà.
© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
  • Gravidanza: sintomi e cosa fareGravidanza: sintomi e cosa fare

    Sospetti di essere incinta ma non sai bene quali sono i sintomi? Leggi per scoprire i sintomi della gravidanza nelle prime settimane. Scopri tutto sulla gravidanza extrauterina o gemellare, cosa fare se prendi la pillola o hai la spirale, se hai ciclo, endometriosi od ovaio policistico. Sintomi gravidanza prime settimane Ovviamente il campanello d’allarme che ti fa capire che probabilmente sei incinta è il mancato arrivo del ciclo mestruale. Tuttavia, prima del ciclo successivo è possibile percepire alcuni segnali causati dagli sbalzi ormonali conseguenti al concepimento. Tra gli ormoni che si attivano dopo la fecondazione dell’ovulo troviamo la Beta hCG,

Leggi anche
  • Onicomicosi: come curarlaOnicomicosi: come curarla

    L’onicomicosi riguarda le unghie di mani e piedi ed è molto frequente. Vediamo meglio di cosa si tratta. Cos’è onicomicosi L’onicomicosi è un’infezione fungina (ovvero provocata da funghi) che colpisce le unghie. Può riguardare una o più unghie, che siano dei piedi oppure delle mani. Di solito l’onicomicosi inizia con una macchia di colore bianco o giallo sotto la punta dell’unghia interessata. Se la micosi arriva a diffondersi in profondità, l’unghia può perdere colore, ispessirsi e sviluppare margini frastagliati. Oltre a risultare chiaramente antiestetica, questa situazione può provocare dolore. Cause L’onicomicosi delle unghie è generalmente provocata dall’azione di funghi, in