Chi era James Joyce: storia dello scrittore irlandese

James Joyce è lo scrittore irlandese che ha segnato la rivoluzione stilistica della prosa novecentesca.

La tecnica del flusso di coscienza usata per dare voce ai protagonisti dei romanzi ha portato grande successo a tre autori del ‘900. Diventa un segno distintivo della penna di Virginia Woolf, dello scrittore italiano Italo Svevo e del grande James Joyce.

Chi era James Joyce

James Augustine Aloysius Joyce, conosciuto come James Joyce (Dublino, 2 febbraio 1882 – Zurigo, 13 gennaio 1941), è stato uno scrittore e poeta irlandese. Cresce in una famiglia borghese di stampo cattolico con i suoi nove fratelli e i genitori John e Mary. A soli nove anni scrive il suo primo testo, un saggio di accusa verso uno dei politici e giornalisti più discussi del momento.

chi era james joyce

Frequenta diversi college prestigiosi di vocazione cristiana ma a 16 anni il giovane dimostra il suo rifiuto verso la religione orientandosi più verso la filosofia. Si iscrive poi allo University College di Dublino per studiare lingue moderne, nello specifico inglese, francese e italiano. Continua nel frattempo a trascrivere le sue prese di posizione su carta e si dedica anche per un po’ al mondo del teatro.

Il trasferimento a Parigi e l’anno del successo

Si trasferisce, una volta laureato, nella capitale francese per seguire i corsi di medicina alla Sorbona, ma la madre si ammala di tumore e torna in Irlanda. Il suo ritorno non è completamente negativo per la sua carriera che prende il volo nel 1904 con una serie di eventi.

chi era james joyce

Completa la sua prima opera “Ritratto dell’artista da giovane”, incontra Nora, l’amore della sua vita che influenzala stesura di “Ulisse”. Esce poi “The Holy Office” una raccolta di poesie e una serie di racconti che entreranno a far parte di “Gente di Dublino”.

“Gente di Dublino” e il racconto tramite epifanie

Il desiderio di coronare un successo all’estero si avvera quando ottiene un posto come insegnante alla Berlitz School di Zurigo, ma si interrompe presto. Scopre infatti che il posto riservato a lui si trova in realtà a Trieste e una volta trasferitosi riesce a continuare “Gente di Dublino”. L’opera si conclude durante un soggiorno a Roma ed è pronta ad essere pubblicata.

chi era james joyce

Joyce torna quindi a Dublino nel 1909 e decide di occuparsi del lancio che riesce però a concludersi solo nel 1912. Oltre ad ottenere grandissimo successo per la tecnica del flusso di coscienza, l’opera mette in evidenza la paralisi della città attraverso le epifanie. Con questo termine l’autore intende i momenti di realizzazione improvvisa che invadono i suoi personaggi.

Scritto da Alessandra Coman
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Articoli correlati
Leggi anche
  • Chiara Ferragni Sanremo 2023Sanremo, Chiara Ferragni vestirà Schiaparelli: gli outfit

    Chiara Ferragni sarà una delle 4 co-conduttrici del Festival di Sanremo 2023. C’è attesa per gli outfit che sceglierà, firmati Schiaparelli

  • Michael Jackson biopicJaafar Jackson sarà il re del pop nel nuovo biopic

    Ormai è ufficiale: il film sulla vita di Michael Jackson si farà. A interpretare il re del pop sarà il nipote del cantante, Jaafar Jackson: l’attesa è già alta

  • Netflix FigliFigli: trama e cast del film di Mattia Torre

    Figli è un film sceneggiato da Mattia Torre disponibile in streaming su Netflix.

  • Peacemaker 2Peacemaker 2 si farà? Cast, uscita, trama, episodi

    Peacemaker, serie afferente all’universo DC, avrà una seconda stagione per HBO.

Contentsads.com