Notizie.it logo

La tua seconda pelle: l’intimo tecnico da uomo di Olimpia 1960

intimo tecnico

L'intimo tecnico viene usato non solo dagli sportivi, ma anche per l'uso quotidiano: quali capi acquistare e perché.

L’intimo tecnico non è più ormai solo un capo utilizzato da appassionati di sport e di attività all’aperto, ma adatto anche all’uso quotidiano. Infatti, molto spesso ci troviamo davanti a situazioni lavorative di stress in cui la sudorazione può essere eccessiva e metterci in imbarazzo.

Basti pensare a meeting e colloqui, viaggi di lavoro per raggiungere un cliente dopo l’altro, o semplicemente a casa mentre si fanno lavori pesanti in giardino. Sudare è vitale per la nostra salute, ci aiuta ad abbassare la temperatura corporea in determinate situazioni, in condizioni di sforzo fisico, di febbre o, appunto, di stress mentale. Inutile negare, però, che in certi casi non c’è altra considerazione se non di un compagno di viaggio estremamente fastidioso, di cui faremmo volentieri a meno, tanto per ragioni visive quanto di olfatto. La tecnologia nel settore dei filati, però, può venirci davvero in soccorso.

Il sudore, una risorsa che può diventare problematica

La biancheria intima viene indossata come primo strato direttamente sulla pelle ed è quindi l’elemento base di un abbigliamento a strati che deve permettere al nostro corpo di sudare e farlo traspirare. Ridurre il sudore, ma non prevenirlo: questo è il motto della biancheria intima moderna e funzionale.

È importante ricordare sempre che il corpo non suda in maniera casuale, e che le gocce di sudore svolgono un’importante funzione nella regolazione del calore: tramite la fuoriuscita e l’evaporazione fanno in modo di provvedere al raffreddamento dell’organismo.

Tuttavia, se il sudore viene tamponato sulla pelle attraverso la classica biancheria intima non traspirante, possono insorgere problemi appunto nella fase di raffreddamento, fondamentale per limitare la proliferazione incontrollata della flora batterica, o flora cutanea. Conseguenza ulteriore di questo processo è l’inevitabile cattivo odore che tanto può mettere in imbarazzo. Ora però la tecnologia nella realizzazione del tessuto può venirci in soccorso. Vediamo come.

O.Block: la valida soluzione di un’eccellenza italiana

Con la linea di intimo da uomo O.Block di Olimpia 1960, azienda varesina che da oltre cinquant’anni s’impegna nella creazione di capi di intimo maschile, calzineria e piagiameria, con un focus particolare sulla qualità dei tessuti e sull’innovazione nel settore dei filati, si può tranquillamente dire di trovarsi di fronte ad una nuova generazione di capi traspiranti e blocca odore.

Gli slip, i boxer elasticizzati e le T-shirt in tessuto trattato col metodo wavetex sono comodissimi sotto gli altri indumenti, e regalano una sensazione di sicurezza e serenità in riferimento a quelle situazioni in cui potrebbe verificarsi il rischio di spiacevole disagio dato dal sudore, tanto in termini di macchie quanto di odore.

Tra le caratteristiche dei capi della linea O.Block, realizzati con un tessuto innovativo creato da Olimpia, bisogna citare sicuramente anche il comfort e la libertà di movimento: in poche parole, un autentico “must have” che non deve mancare né nel guardaroba a casa né nel bagaglio da viaggio di ogni uomo.

L’assortimento comprende comodissimi slip e boxer, T-shirt con scollo a V o girocollo nei classici colori bianco, grigio e nero, il tutto acquistabile comodamente online direttamente all’interno dello Shop di Olimpia 1960.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche