Demi Lovato scrive una lettera ai fan dopo il ricovero

Le condizioni di salute di Demi Lovato migliorano di giorno in giorno. La cantante ha scritto una lettera molto commuovente ai fan.

Migliorano giorno dopo giorno le condizioni dell’ex stellina Disney, Demi Lovato. La cantante era stata ricoverata in ospedale in seguito ad un overdose di oppiacei nella sua villa di Hollywood. Dopo circa due settimane è quasi pronta ad essere dimessa e molto probabilmente intraprenderà un percorso riabilitativo.

In un post su Instagram la Lovato ha voluto ringraziare i fan e la famiglia per il sostegno. Ha inoltre dichiarato di avere l’intenzione di lottare per sconfiggere la sua dipendenza.

Demi Lovato: la lettera ai fan

Sono stati giorni difficili per Demi Lovato da quando è stata ricoverata lo scorso 24 luglio 2018. Prima l’overdose e lo stato di incoscienza poi la febbre e la nausea. Per fortuna sembra che ora il peggio sia passato.

Dopo due settimane passate in un letto di ospedale la cantante ha deciso di rompere il silenzio scrivendo una lettera: “Sono sempre stata trasparente riguardo al mio viaggio nella dipendenza – scrive – Quello che ho imparato è che questa malattia non è qualcosa che sparisce o svanisce col tempo. È qualcosa che devo continuare a superare e io non ho ancora finito“.

Ha inoltre voluto ringraziare tutti coloro che le sono stati vicini durante questa battaglia, compresi i fan: “Voglio ringraziare Dio per avermi tenuta viva e vegeta.

I miei fan, sarò sempre grata per tutto il vostro amore e supporto di questa settimana e oltre. I vostri pensieri positivi e le preghiere mi hanno aiutata in questi tempi difficili. Voglio ringraziare la mia famiglia, il mio team e l’equipe medica che sono rimasti al mio fianco tutto il tempo. Senza di loro non sarei qui a scrivere questa lettera”.

Pronta per il percorso riabilitativo

La cantante ha proseguito scrivendo di essere pronta a intraprendere una vera e propria battaglia contro la sua dipendenza: “Ho bisogno tempo per guarire e concentrarmi sulla mia sobrietà. Non dimenticherò mai l’affetto che mi avete mostrato. Guardo avanti, al giorno in cui potrò dire di aver superato tutto questo. Non smetterò di combattere.”

Nuovi dettagli sulla sera del ricovero

Mentre le condizioni fisiche di Demi Lovato migliorano, sorgono nuovi dettagli sulla sera del suo ricovero. Pare che il provvidenziale intervento del suo bodyguard sia stato determinante per la cantante che quella sera ha seriamente rischiato di morire. Pare che infatti la ragazza sia stata trovata in stato di incoscienza da un suo assistente. Quest’ultimo, spaventato, avrebbe urlato richiamando l’attenzione della guardia del corpo che ha soccorso immediatamente la star prima dell’arrivo dell’ambulanza. Gli amici della cantante nel chiamare i soccorsi hanno inoltre richiesto di tenere le sirene spente probabilmente per evitare di attirare l’attenzione. I paramedici però si sono rifiutati di farlo spigando che “Questa è un emergenza medica. Non abbiamo controllo sulle sirene. Inoltre, trattandosi di un emergenza dobbiamo arrivare più in fretta possibile.”

Scritto da Alice Sacchi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Federica Pellegrini 30 anni: party a sorpresa a Glasgow

Belen e il vestito che piace ai fan: ecco dove l’ha comprato

Leggi anche
  • Chi era James Matthew BarrieChi era James Matthew Barrie: tutto sul padre di Peter Pan

    James Matthew Barrie si è fatto conoscere per aver scritto uno dei romanzi più amati di sempre: Peter e Wendy.

  • Chi era Saul BassChi era Saul Bass: vita dell’illustratore statunitense

    Resosi famoso per i suoi poster cinematografici, Saul Bass ha attuato una vera e propria rivoluzione del cinema in questo settore.

  • Chi era Paul GauguinChi era Paul Gauguin: storia del pittore francese

    Conosciuto oggi specialmente per le opere realizzate negli ultimi anni della sua vita in Polinesia, Paul Gauguin è uno dei pittori francesi più amati.

  • Chi era Eadweard MuybridgeChi era Eadweard Muybridge: tutto sul fotografo inglese

    Eadweard Muybridge è stato una mente fondamentale nel mondo di fotografia e cinema attraverso l’esperimento de “Il cavallo in movimento”.

Contents.media