Demi Lovato va in rehab: migliorano le condizioni di salute

Demi Lovato è cosciente: dopo l'overdose di eroina le sue condizioni migliorano. La catante entrerà in clinica per disintossicarsi.

Dopo la grave overdose del 24 luglio 2018 Demi Lovato si sta finalmente riprendendo. Dopo le preoccupanti notizie degli ultimi giorni sulle condizioni di salute sembra che ben presto lascerà l’ospedale. Per più di una settimana è stata tenuta sotto osservazione dei medici del Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles.

A breve sarà dimessa e si recherà per sua scelta in una struttura riabilitativa. L’ex stellina Disney manterrà dunque la promessa fatta ai suoi familiari, ai collaboratori e ai fan, di disintossicarsi.

Demi Lovato: come sta

Migliorano di ora in ora le condizioni di salute di Demi Lovato, dopo essere stata ricoverata per un overdose di eroina che ha fatto temere il peggio. In seguito ad un party a casa sua infatti sarebbe finita in condizioni critiche.

In un primo momento la cantante era del tutto incosciente e incapace di reagire agli stimoli esterni. Nessuno degli amici che ha chiamato l’ambulanza ha voluto rivelare di quale sostanza avesse abusato. Dopo poco è subentrata la febbre e il timore che la situazione non avrebbe fatto altro che peggiorare.

Ora dopo una decina di giorni di ricovero pare che i suoi parametri si siano stabilizzati. E’ pienamente cosciente e le sue condizioni fisiche sono buone anche se il morale non sarà certo dei migliori.

“Demi si è scusata con i suoi genitori e la sua famiglia per le sue ricadute – ha rivelato il sito Tmz – Sarà una strada lunga, dolorosa, difficile per lei. Si sente demoralizzata dopo il suo calvario e non vuole più sentirsi così“.

Demi Lovato andrà in riabilitazione

Una volta riacquistata la lucidità e la capacità decisionale Demi Lovato ha immediatamente deciso che dopo aver lasciato l’ospedale si recherà in una clinica per disintossicarsi. Il grande spavento causato dall’ultima overdose e la delusione dell’essere di nuovo ricascata nel tunnel dell’alcol e della droga hanno spinto la 26enne decidere di farsi aiutare.

Inoltre numerosi componenti del suo staff hanno dichiarato che o la situazione cambia o si troveranno costretti a interrompere il rapporto lavorativo. Ad ogni modo la Lovato può contare sull’appoggio di numerose persone amici e familiari. Una persona a lei molto vicina ha affermato che “Potrebbe morire se non la smettesse e una cosa del genere non mi rimarrà sulla coscienza senza che io abbia fatto niente per impedirlo”

Inizialmente rifiutava gli aiuti

L’overdose che le è quasi costata la vita è stata la molla decisiva che ha spinto la cantante a voler cambiare vita. Poco prima del tracollo però man mano che la situazione andava peggiorando, in molti raccontano che Demi Lovato rigettasse l’idea di disintossicarsi. Tutto il suo entourage che lavorava a stretto contatto con lei era molto preoccupato e nervoso per la situazione. L’unica nota positiva di tutta questa faccenda è che la Lovato abbia finalmente riconosciuto di avere un problema serio e abbia deciso di affrontarlo.

Scritto da Alice Sacchi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Rick Genest: modello più tatuato al mondo morto suicida

GF VIP, Claudio Sona scartato perché poco effeminato?

Leggi anche
  • Chi era James Matthew BarrieChi era James Matthew Barrie: tutto sul padre di Peter Pan

    James Matthew Barrie si è fatto conoscere per aver scritto uno dei romanzi più amati di sempre: Peter e Wendy.

  • Chi era Saul BassChi era Saul Bass: vita dell’illustratore statunitense

    Resosi famoso per i suoi poster cinematografici, Saul Bass ha attuato una vera e propria rivoluzione del cinema in questo settore.

  • Chi era Paul GauguinChi era Paul Gauguin: storia del pittore francese

    Conosciuto oggi specialmente per le opere realizzate negli ultimi anni della sua vita in Polinesia, Paul Gauguin è uno dei pittori francesi più amati.

  • Chi era Eadweard MuybridgeChi era Eadweard Muybridge: tutto sul fotografo inglese

    Eadweard Muybridge è stato una mente fondamentale nel mondo di fotografia e cinema attraverso l’esperimento de “Il cavallo in movimento”.

Contents.media