Cosmetici e trucchi ispirati ai cartoni: perché questa strategia?

Linee di make-up e di cosmetici dedicate alle principesse Disney o a Barbie. Perché i brand di beauty tendono a "infantilizzare" le donne?

Il fatto di dedicare le linee di beauty al mondo dell’infanzia e dei cartoni animati non è un caso, e nemmeno un tentativo di far leva sull’effetto nostalgico che potrebbe avere sul cliente. Dietro alla strategia di marketing c’è un motivo ben preciso legato alla psicologia.

A svelarlo è stata la psicologa Martina Paglia, fondatrice di The International Psychology Clinic.

Cosmetici e trucchi ispirati ai cartoni

I cosmetici e i prodotti per il make-up ispirati a cartoni e giocattoli sono sempre più presenti e costituiscono una vera e propria moda seguita da molti brand di beauty. La scelta non è casuale. La strategia di marketing di “infantilizzare” le donne ha uno scopo ben definito e non c’entra col probabile “effetto nostalgia” che potrebbe suscitare in chi osserva i prodotti.

A parlare di questa scelta all’apparenza così innocua è stata sul Daily Mail la dottoressa Martina Paglia, fondatrice di The International Psychology Clinic. La sua analisi è partita dalla nuova limited edition di make-up di Estee Lauder ispirata alle principesse Disney, ma questo è solo uno dei tanti brand che si sono voluti ispirare al mondo infantile: tra gli esempi che possiamo citare ci sono MAC con la sua linea ispirata a Barbie e Kiko con quella di Wonder Woman.

L’articolo della dottoressa Paglia parte da un presupposto ormai noto: molte donne adulte non si sentono abbastanza belle. Ma nella nostra cultura esiste un’altra constatazione: bellezza e giovinezza coincidono. Ecco allora il crearsi di un messaggio subliminale, se acquisti un prodotto legato al mondo dell’infanzia o comunque dell’adolescenza, in qualche modo darai prova di essere sia giovane che bella esteticamente. In sostanza, se i marchi di beauty spingono le donne a identificarsi con personaggi legati al mondo giovanile è perché questo fatto le farà sentire giovani e attraenti. Da questa strategia nascono sia linee di cosmetici ispirate ai cartoni animati che confezioni che si rifanno ai primi trucchi usati dalle adolescenti, come quelli glitterati e colorati del famosissimo “Cioè”. Oltre a queste riflessioni però, bisogna ammettere che il mondo del beauty debba essere per sua natura divertente e creativo, la spensieratezza, e quindi la gioventù, ne fanno parte a prescindere dalle strategie di marketing.

Leggi anche: Curiosità su Mulan, il film più atteso dell’anno

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Sciatica: sintomi, cause e come rimediare subito al dolore

Black friday 2020: cosa aspettarsi e come funziona

Leggi anche
  • Crossdressing uomini eteroCrossdressing, perché uomini etero si sentono bene con abiti femminili

    L’abbigliamento è sempre più gender fluid e uomini etero che preferiscono vestirsi da donna ne sono l’esempio, sono i crossdresser.

  • Gender fluid chi sonoGenerazione Z, gender fluid e sognatrice: chi sono gli adolescenti oggi

    Sono impauriti dal futuro ma non si tirano indietro e cercano di cambiare il mondo: chi sono i ragazzi della Generazione Z?

  • mamme donne realizzateNon è vero che le donne si sentono realizzate solo con la maternità

    Le donne solo se mamme, secondo l’opinabile parere dell’europarlamentare Antonio Tajani, acquisirebbero la loro realizzazione.

  • astrazeneca donneAstrazeneca, Antonella Viola: “Non per le donne sotto i 60 anni, è rischioso”

    Il dibattito sulla differenza di genere rimane aperto anche in tema vaccini dopo il parere dell’immunologa Antonella Viola secondo cui Astrazeneca non andrebbe somministrato sulle donne al di sotto dei sessant’anni.

Contents.media