Chi era Corrado Mantoni: curiosità e vita privata del conduttore

Chi era Corrado Mantoni? Tutto quello che c'è da sapere sul primo conduttore della televisione italiana.

Corrado Mantoni, noto ai più con il solo nome di battesimo, è stato il primo presentatore della televisione italiana. Tanti i programmi, sia radiofonici che tv, scritti da lui, così come i brani musicali per diversi artisti. Da sempre esempio di stile e professionalità per quanti l’hanno succeduto, cosa sappiamo della sua vita?

Corrado Mantoni: chi è?

Corrado Mantoni, conosciuto da tutti semplicemente come Corrado, è nato il 2 agosto del 1924 a Roma. Dopo aver frequentato il liceo classico, si è iscritto alla facoltà di Giurisprudenza ma non ha portato a termine gli studi perché ha iniziato a lavorare in radio. Nei primi anni ’40 ha collaborato con la radio americana PWB, poi è passato alla EIAR che successivamente è diventata Rai.

Per la Rai, Corrado ha annunciato e trasmesso alcune notizie storiche di grande importanza, come la fine della Seconda Guerra Mondiale e la costituzione della Repubblica italiana.

Nel frattempo ha collaborato anche con diversi cinegiornali come attore – doppiatore. Nei primi anni ’50 è già famosissimo, tanto che è stato ‘eletto’ primo presentatore della storia della televisione italiana. Corrado, inoltre, ha partecipato a molti film con protagonisti attori che hanno fatto la storia della cinematografia, come: Walter Chiari, Aldo Fabrizi e Marcello Mastroianni.

La malattia e la morte

Nel periodo tra gli anni ’60 e ’70, Corrado ha condotto la trasmissione radiofonica Il rosso e il nero.

In tv, invece, ha presentato programmi come: Controcanale, La Prova del Nove e La lotteria di Capodanno. Mantoni ha ottenuto enorme successo anche con format musicali che hanno fatto la storia della televisione italiana, in particolare: Canzonissima, Fantastico e il Festival di Sanremo.

Fino alla fine degli anni ’70, Corrado ha lavorato per la televisione svizzera RSI, poi è approdato in Fininvest. Qui ha presentato i programmi di punta dell’emittente televisiva di Silvio Berlusconi.

Nel 1985 ha subito un intervento alle corde vocali e, nel 1990, uno ai polmoni. Quest’ultimo lo ha costretto a lasciare la conduzione de Il pranzo è servito a Claudio Lippi.

Il grande presentatore si è congedato dalla conduzione televisiva nell’ultima puntata de La Corrida, datata 20 dicembre 1997. L’8 giugno del 1999, è morto a Roma a causa dell’acutizzarsi di un carcinoma al polmone diagnosticato qualche mese prima. Corrado è sepolto nel cimitero Flaminio di Roma.

Il successo di Corrado

Il programma televisivo più importante e famoso realizzato e condotto da Corrado è La Corrida. Si tratta della trasposizione televisiva, in onda nel 1986, di un programma radiofonico sempre ideato da lui. Inoltre, è stato ideatore di Tira e Molla, condotto da Paolo Bonolis tra il ’91 e il ’96. Sempre per Bonolis ha scritto il format Il Gatto e la Volpe.

Un altro grande successo di Mantoni è stato Il pranzo è servito, quiz televisivo trasmesso dal 1982 a 1992 da Canale 5. Il grande successo ottenuto da Corrado lo ha reso indimenticabile per le famiglie italiane, che ancora oggi lo ricordano con grande affetto. Oltre ad essere stato il conduttore, è stato spesso l’autore dei suoi programmi. In veste di autore utilizzava lo pseudonimo di Corima, nato dall’unione del suo nome e cognome con quello del fratello Riccardo.

Corrado Mantoni: la vita privata

Per quanto riguarda la vita privata, Corrado si è sposato due volte. La prima nel 1949 con Luciana Guerra, dalla quale si separa nel 1972. Subito dopo la rottura ha conosciuto Marina Donato, con la quale ha convissuto per 23 anni prima di arrivare all’altare. I due si sono giurati amore eterno nel 1996. Corrado ha avuto un solo figlio, Roberto, nato nel 1953 dalla prima moglie.

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chi era William Burroughs: quello che non sai sul saggista

Chi è Isabel Allende: curiosità sulla scrittrice peruviana

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.