Torino, carabiniera vittima di revenge porn: ricattata per foto nuda

Una carabiniera vittima di revenge porn e di violenza: l'aggressore l'aveva minacciata di far vedere il loro scambio di messaggi ai superiori.

Questa triste vicenda risale ad alcuni anni fa ma si sta concludendo solo ultimamente. Una carabinera di Torino è stata vittima di revenge porn e di violenza sessuale. Il carnefice si era finto un collega carabiniere e l’ha indotta a compiere atti sessuali virtualmente.

Al rifiuto della vittima, l’aggressore l’ha minacciata: “Mandami tue foto dove sei nuda o dico tutto a tua madre e ai tuoi superiori”.

Carabiniera vittima di revenge porn

È iniziato oggi nelle aule del Tribunale di Torino il processo per stalking, violenza privata e violenza sessuale aggravata che ha visto come vittima una giovane carabiniera. L’imputato è accusato di essersi finto un collega carabiniere per guadagnarsi la fiducia della giovane e indurla a compiere atti sessuali contro la sua volontà.

Quando la donna ha manifestato l’intenzione di interrompere quella relazione online, l’uomo l’avrebbe minacciata di rivelare lo scambio di messaggi ai suoi superiori se non gli avesse inviato ulteriori foto nuda. Ricatti e minacce che hanno portato la ragazza a essere vittima anche di stalking.

Il rapporto tra i due risale ad alcuni anni fa ed era stato esclusivamente telematico perché non si sarebbero mai incontrati di persona ma la procura ha comunque contestato il reato di violenza sessuale perché la vittima è stata “violentata virtualmente“.

La vicenda è inquadrabile come l’ennesimo atto di violenza contro una donna, in questo caso, anche rappresentante delle forze dell’ordine. Il revenge porn e la violenza perpetrata attraverso internet sono cresciuti nel periodo del lockdown e questo caso dimostra come ogni donna o uomo possano esserne facilmente vittima.

Leggi anche: Violenza psicologica: cos’è e come uscirne

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Neat: cos’è, i benefici e perché è importante

Commissione parlamentare: femminicidio per gelosia non è giustificato

Leggi anche
  • Denise Pipitone, Piera Maggio a Chi l'ha vistoDenise Pipitone, Piera Maggio a Chi l’ha visto: “Dopo anni dovete parlare”

    Il caso Denise Pipitone è riapparso con alcuni elementi contro Jessica Pulizzi e la madre Anna Corona, Piera Maggio lancia l’appello “Fatevi avanti”.

  • test dello stupro indiaTest dello stupro in India: una barbarie ancora praticata

    Il test dello stupro o della verginità è ancora diffuso in Asia e viene utilizzato per stabilire la purezza di una donna.

  • donna incendia auto ex compagnoDonna incendia l’auto dell’ex compagno per gelosia

    A Mantova una donna di 55 anni ha bruciato l’auto dell’ex compagno: i motivi di questo folle gesto.

  • elisa di francisca violenzaElisa Di Francisca: “Sono sopravvissuta a una violenza”

    “Sono sopravvissuta alla violenza maschile. Forse lui mi avrebbe sfigurata” così la schermitrice Elisa Di Francisca racconta la violenza subita.

Contents.media