Torino, carabiniera vittima di revenge porn: ricattata per foto nuda

Una carabiniera vittima di revenge porn e di violenza: l'aggressore l'aveva minacciata di far vedere il loro scambio di messaggi ai superiori.

Questa triste vicenda risale ad alcuni anni fa ma si sta concludendo solo ultimamente. Una carabinera di Torino è stata vittima di revenge porn e di violenza sessuale. Il carnefice si era finto un collega carabiniere e l’ha indotta a compiere atti sessuali virtualmente.

Al rifiuto della vittima, l’aggressore l’ha minacciata: “Mandami tue foto dove sei nuda o dico tutto a tua madre e ai tuoi superiori”.

Carabiniera vittima di revenge porn

È iniziato oggi nelle aule del Tribunale di Torino il processo per stalking, violenza privata e violenza sessuale aggravata che ha visto come vittima una giovane carabiniera. L’imputato è accusato di essersi finto un collega carabiniere per guadagnarsi la fiducia della giovane e indurla a compiere atti sessuali contro la sua volontà.

Quando la donna ha manifestato l’intenzione di interrompere quella relazione online, l’uomo l’avrebbe minacciata di rivelare lo scambio di messaggi ai suoi superiori se non gli avesse inviato ulteriori foto nuda. Ricatti e minacce che hanno portato la ragazza a essere vittima anche di stalking.

Il rapporto tra i due risale ad alcuni anni fa ed era stato esclusivamente telematico perché non si sarebbero mai incontrati di persona ma la procura ha comunque contestato il reato di violenza sessuale perché la vittima è stata “violentata virtualmente“.

La vicenda è inquadrabile come l’ennesimo atto di violenza contro una donna, in questo caso, anche rappresentante delle forze dell’ordine. Il revenge porn e la violenza perpetrata attraverso internet sono cresciuti nel periodo del lockdown e questo caso dimostra come ogni donna o uomo possano esserne facilmente vittima.

Leggi anche: Violenza psicologica: cos’è e come uscirne

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Neat: cos’è, i benefici e perché è importante

Commissione parlamentare: femminicidio per gelosia non è giustificato

Leggi anche
  • Brescia, 50enne picchia e costringe la compagna ad abortireBrescia, 50enne picchia e costringe la compagna ad abortire

    Un anno di violenze, insulti e minacce fino ad arrivare a costringere la compagna ad abortire: arrestato un 50enne nel Bresciano.

  • Catanzaro ragazza violentata arrestato l'uomoCatanzaro, ragazza violentata sul lungomare: arrestato l’uomo

    A Catanzaro fermato un 26enne con l’accusa di violenza sessuale: avrebbe abusato della ragazza due volte nella stessa sera e poi è fuggito.

  • lisa montgomery chi eraChi era Lisa Montgomery, la donna giustiziata negli USA dopo 70 anni

    Stanotte è avvenuta l’undicesima condanna a morte sotto la presidenza Trump, la prima di una donna dopo 70 anni. Si tratta di Lisa Montgomery.

  • torino picchia compagnaTorino, picchia la compagna e fugge lanciandosi dalla finestra

    Segnalato dalla compagna per violenza domestica, si dà alla fuga e si getta dalla finestra del sottotetto. Gravi ferite ma non in pericolo di vita.

Contents.media