Violenza psicologica: cos’è, come riconoscerla e come uscirne

La violenza psicologica è meno evidente di quella fisica ma non per questo meno grave: è fondamentale saperla riconoscere.

Quando si parla di violenza psicologica la si accosta a quella fisica, entrambe infatti sono forme di violenza spesso subite dalle donne. Quella psicologica è sicuramente più difficile da circoscrivere e non è semplice riconoscerla neppure per chi ne è vittima. Non lascia cicatrici visibili ma non per questo è meno grave, ecco perché è fondamentale parlarne.

Violenza psicologica: cos’è

Per descrivere la violenza psicologica si può parlare di un insieme di atti, parole e intimidazioni, lo scopo è opprimere e mortificare la vittima. Una delle modalità di violenza più diffuse in ambito familiare, quella psicologica può essere presente nel rapporto di coppia ma anche in quello genitore-figlio. Non manca però anche sul luogo di lavoro, dove è chiamata bossing quando è esercitata dai superiori ai danni dei dipendenti, oppure mobbing quando diventa una sistematica persecuzione esercitata da colleghi o superiori nei confronti di un individuo.

La prima fase che attraversa la vittima è in genere quella dell‘intimidazione. Spesso la si può scambiare per semplice gelosia, e quindi non viene nemmeno considerata, ma in questo caso si parla di vero e proprio possesso. La vittima può subire minacce come “se fai questo vuol dire che non mi ami” e per questo vive in uno stato di tensione e costante allerta. La ripicca del partner è quella di andarsene da casa magari portandosi con sé i figli.

Leggi anche: Quando si celebra la giornata internazionale contro la violenza sulle donne

La fase successiva è l’esplosione della violenza a cui le vittime reagiscono alcune fuggendo ma altre, la maggior parte, continuando a subire gli abusi con rassegnazione. La vittima ha paura di reagire, si sente estremamente vulnerabile e indifesa. In questa fase la violenza psicologica può essere accompagnata da percosse fisiche. Passata la fase acuta, spesso il carnefice mostra del pentimento, e in questa fase si dice dispiaciuto per quanto commesso attribuendo la colpa dell’accaduto a fattori esterni o alla stessa vittima. Lo sbaglio più grande che può fare la vittima, a questo punto, è assumersi la responsabilità della violenza e perdonare.

Non di rado dopo queste fasi, se non si chiede aiuto, si innesca un vero e proprio circolo di violenza che ricomincia dalla prima fase ma con una maggiore intensità. Per un semplice fattore scatenante, inizierà di nuovo una spirale di violenza e i danni possono essere gravissimi. Purtroppo, la violenza psicologica è spesso sminuita e accettata come fosse un normale comportamento maschile, per questo è fondamentale riflettere sulla situazione che si sta vivendo e capire se ci si trova in uno stato di disagio costante. Se così fosse, bisogna intervenire prima che sia troppo tardi.

Leggi anche: Violenze sulle donne 2020: i dati

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chi è Vergo: curiosità e vita privata del cantante di X Factor

Napoli, aggredisce la moglie e poi i poliziotti: arrestato un 29enne

Leggi anche
  • pandemia bambine mutilazioni genitaliPandemia e mutilazioni genitali: aumentano i casi sulle bambine

    Nei Paesi del Terzo mondo i casi di mutilazioni genitali alle bambine sono sensibilmente aumentati con la pandemia di Coronavirus.

  • victoria secret angeliVictoria’s Secret dice addio ai suoi ‘angeli’: il rebranding dell’azienda

    L’azienda Victoria’s Secret si rivoluziona completamente, dicendo addio alle supermodelle dette ‘angeli’ per fare posto ad una femminilità inclusiva.

  • womxn inclusivo cos'èWomxn, cosa significa l’inclusivo termine inglese

    Ad essere entrato di recente nel dizionario della lingua inglese è il nuovo termine “Womxn”, di cosa si tratta?

  • gay pride cosa eGay Pride: cos’è, com’è nato e perché si celebra

    Perchè il Gay Pride, celebrazione interamente dedicata alla comunità LGBTQ+, si celebra a goungo?

Contents.media