Secondo una classifica Treviso è considerata la città delle donne

Secondo una classifica è Treviso ad aggiudicarsi il primo posto come "Città delle donne", scopriamo il perché nonostante alcuni gap ancora da colmare.

Il Sole 24ore con la sua classifica sulla qualità della vita nelle nostre città, ha ispirato quella che viene chiamata la classifica delle “Città delle donne”, creata per individuare tutti quei luoghi in cui le donne sembrerebbero vivere meglio a fronte di un’analisi di una serie di fattori.

Al primo posto si trova Treviso, al quinto posto troviamo invece Firenze, mentre il decimo è occupato da Bologna. Ma scopriamo perché è proprio la bellissima città veneta ad essere considerata su misura di donna, nonostante alcune pecche che sono sicuramente da migliorare.

Treviso è la città delle donne

Secondo la classifica delle “Città delle donne”, come dicevamo, è proprio Treviso a conquistare il primo posto. Gli indici di di cui si è tenuto conto per fare questa valutazione sono tantissimi e dei più variegati.

Il podio infatti, è il risultato di una media tra un totale di 1.000 e gli indicatori presi in considerazione. C’è per esempio l’aspettativa di vita (nella sua durata e nella sua qualità), il tasso di occupazione delle donne e non meno importante anche l’occupazione giovanile. Viene analizzato anche il gap retributivo tra generi, il numero di imprese femminili e quello dei ruoli di amministratori comunali (e non) occupati donne.

Sono stati anche analizzati dati sulle performance femminili nello sport e di conseguenza anche nelle prestazioni olimpiche, ma non mancano anche analisi su dati decisamente più tristi, come le violenze sessuali.

treviso citta delle donne

Perché Treviso è la città delle donne

Secondo la classifica delle “Città delle donne” quindi, Treviso è al primo posto per speranza di vita alla nascita, ma risulta essere al quarto per le performance femminili nello sport e al quinto per tasso di occupazione giovanile. Al sesto invece per medaglie olimpiche e al nono per numero di amministratrici donne.

L’Assessorato alle Politiche sociali, Famiglia e Pari opportunità, Gloria Tessarolo ha spiegato che Treviso investe da anni nelle donne, a partire dalla politica, lei stessa ne è una dimostrazione poiché, spiega, il Sindaco ha aspettato che tornasse dalla maternità per iniziare i lavori della Giunta. Ma basta davvero questo?

treviso citta delle donne

La realtà è un po’ diversa

Nonostante gli ottimi risultati ottenuti dalla città, a fronte di tutte queste “sfaccettature” della realtà da tenere in considerazione la risposta non sembrerebbe essere positiva, o almeno non del tutto. Per valutare la qualità della vita, per esempio, non bisogna tenere conto solo di quanto si vive, ma anche di come, tra opportunità da cogliere sul lavoro e il guadagno.

Qui infatti scopriamo che Treviso scende dal podio di parecchi punti, perché la città risulta essere tra gli ultimi posti per il numero di amministratrici di imprese. Il gap retributivo di genere poi vede Treviso al 64esimo posto e al 50esimo per il gap occupazionale, mentre è addirittura al 29esimo per il tasso di occupazione femminile. Insomma, per rispondere alla domanda “Ma basta davvero questo?” si potrebbe dire che la realtà, come per ogni cosa, è molto più complessa per essere racchiusa in una semplice classifica.

Scritto da Arianna Giago
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Delia Duran: “Carlo? Oltre il bacio, ho ripagato Alex con la stessa moneta”

GF Vip, Miriana e Biagio si scontrano su Soleil: “Da dove arrivi tu?”

Leggi anche
  • fabrizio corona incidente stradaleFabrizio Corona, incidente stradale sull’A1: “Bene, ma non benissimo”

    Fabrizio Corona, incidente stradale sull’A1 con la fidanzata Sara Barbieri: come stanno?

  • blue mondayBlue Monday: come sopravvivere al giorno più triste dell’anno

    Il Blue Monday è stato definito il giorno più triste dell’anno. Scopri che cos’è, perché siamo tutti giù di morale e come fare per difendersi!

  • plastica monouso divieto 14 gennaioPlastica monouso vietata dal 14 gennaio 2022: cosa verrà eliminato

    A partire dal 14 gennaio 2022 la plastica monouso sarà vietata per legge: una decisione presa per tutelare non solo l’ambiente, ma anche la salute.

  • barbie ida b wellsIda B. Wells diventa una Barbie per “Inspiring Women”

    La Mattel dedica una delle sue Barbie del progetto “Inspiring Women” ad Ida B. Wells. Ecco chi era l’attivista afroamericana.

Contents.media