Sanremo, cosa significa il tatuaggio tribale della Hunziker?

Il significato del tatuaggio che ha sul braccio destro la co-conduttrice di Sanremo Michelle Hunziker: è un tattoo tribale fatto con Eros Ramazzotti.

Vi siete mai chiesti cosa significasse il tatuaggio che la co-conduttrice di Sanremo, Michelle Hunziker ha attorno al braccio destro? Ce l’ha praticamente da sempre, da quando la conosciamo noi in Italia come compagna – ed ora ex moglie – di Eros Ramazzotti.

Le è stato chiesto più volte cosa quei ghirigori rappresentassero – in particolare sembrano edera – e lei stessa lo ha raccontato anni fa: si tratta di un tatuaggio tribale e – delusione – non vuol dire nulla di particolare. Era semplicemente di moda fino a quel periodo.

La conduttrice

La “storia” del suo tatuaggio

Michelle tatuata

Michelle Hunziker ha spiegato alla Gazzetta dello Sport nel 2007 – era il periodo in cui calcava per la prima volta il palco dell’Ariston come valletta di Pippo Baudo a Sanremo – come mai si fosse fatta quel disegno sul braccio e in quale circostanza.

Aveva 17 anni e si trovava a Miami insieme ad Eros Ramazzotti e ad un certo punto sono stati entrambi “attratti dai tattoo, ha spiegato la conduttrice.

Non tutti lo apprezzano – o apprezzano i tatuaggi in generale -, ma lei continua a non pensarla così e non ha mai provato a nasconderlo: anche se la storia d’amore e il matrimonio con il cantautore di “Terra promessa”, “Una storia importante”, “Adesso Tu” ed una miriade di altri successi, sono finiti da tempo e Michelle è felicemente sposata con Tomaso, rampollo della celeberrima Casa di moda Trussardi, dal quale ha avuto altre due figlie Sole e Celeste, dopo Aurora, avuta da Eros.

Resta il fatto che quel tatuaggio è stato un peccato di gioventù, come dimostra anche il fatto che, quando Aurora l’ha intervistata una volta per Facebook, chiedendole se lo rifarebbe, mamma Michelle ha preferito non rispondere.

Anche Eros ed Aurora sono “tatuati”

Eros Ramazzotti – anche lui felicemente risposato, con la moglie Marica Pellegrinelli, dalla quale ha avuto i due figli Raffaela Maria e Gabrio Tullio -, ha ben due tatuaggi tribali sulle braccia.

In più uno sul braccio destro con la scritta “Aurora”, appunto perchè dedicato alla figlia maggiore, un cobra rosso sulla spalla e due ideogrammi cinesi dietro al collo che insieme significano “piccolo miele” (mi siao).

La passione di mamma e papà per i tattoo ha contagiato anche la figlia Aurora, che ne ha più di uno, tra cui un cuore tra i fiori espressione dell’affetto che nutre per la sua famiglia allargata ma finalmente serena dopo la dolorosa e chiacchieratissima separazione tra i genitori – immancabile ancora oggi il riferimento ad Eros Ramazzotti, quando si parla di Michelle Hunziker -. Tatuati e felici.

Scritto da Alessandra Boga
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Sanremo: Mudimbi, primo nella classifica “nuove proposte”

Sanremo, la Raffaele imita Michelle: la reazione

Leggi anche
  • pubblicità assorbenti nuvenia sangueLa pubblicità di assorbenti Nuvenia mostra il sangue mestruale: è polemica

    Nuvenia rompe il web con il suo nuovo spot con assorbenti sporchi di sangue. Il lavoro dell’azienda e del social media manager sta creando una nuova normalità, oltre i tabù.

  • cosa succede nella mente delle vittime di violenzaCosa succede alla mente di una vittima di violenza

    Per dare valore alle emozioni provate da una vittima di violenza è necessario riconoscere l’impatto mentale sulla mente della persona, che si trova sopraffatta.

  • giornata contro la violenza sulle donne perché è il 25 novembreGiornata contro la violenza sulle donne: ecco perché è il 25 novembre

    IL 25 novembre si celebra la giornata contro la violenza sulle donne: ecco la storia e l’origine.

  • 
    Loading...
  • differenza tra molestia e violenza sessualeDifferenza tra molestia e violenza sessuale: conoscere per difendersi

    Le molestie o violenze sessuali creano un carico emotivo difficile nella vittima che spesso non sa come uscire dalla situazione. Alcuni spunti su come agisce la legge.

Contents.media