Chi era Samuel Beckett: tutto sullo scrittore Premio Nobel

Samuel Beckett, storia dello scrittore e drammaturgo irlandese vincitore del Premio Nobel per la Letteratura.

Diventato noto con “Aspettando Godot”, Samuel Becket è stato un grande pensatore contemporaneo dedicato alla saggistica e alla drammaturgia.

Chi era Samuel Beckett

Samuel Barclay Beckett (Dublino, 13 aprile 1906 – Parigi, 22 dicembre 1989) è stato un drammaturgo, scrittore, poeta e sceneggiatore irlandese.

La sua data di nascita non è certa poiché esistono diversi certificati, ma la data più probabile cade sotto il segno dell’ariete. A cinque anni inizia a studiare musica e continua fino all’adolescenza dove si iscrive alla Portora Royal School di Enniskillen, che ha visto come studente anche Oscar Wilde.

chi era samuel beckett

Negli anni scopre diversi talenti come lo studio delle lingue e lo sport del cricket in cui ottiene ottimi risultati. Partecipa come giocatore nella squadra della University of Dublin come battitore e lanciatore.

L’avvio della carriera e le prime opere

Terminati gli studi inizia a viaggiare e sfruttare la conoscenza di francese e italiano. Terminato il suo periodo di libertà si dedica all’insegnamento con la carica di professore di letteratura inglese alle scuole superiori.

Qui grazie ad un collega riesce a conoscere James Joyce, il quale ha una forte influenza sul giovane Beckett e su “Finnegans Wake”. Nel 1929 pubblica il suo primo saggio critico pubblicato in un’antologia in collaborazione con altri intellettuali.

chi era samuel beckett

Abbandona l’insegnamento e decide di rimettersi a viaggiare. Svolge un soggiorno a Londra in cui pubblica uno studio critico sull’autore francese Marcel Proust. Nello stesso anno ha una forte discussione con la madre, perde il padre e decide quindi di rivolgersi ad uno psicologo che lo introduce al pensiero di Gustav Jung. Questa conferenza lo influenza così tanto da influenzare i suoi lavori successivi.

Con lo scoppio della guerra decide di rimanere a Parigi e qui scrive il suo libro di poesie “Echo’s Bones and Other Precipitates” scritto nei caffè in cui conosce altri artisti come Alberto Giacometti e Marcel Duchamp.

“Aspettando Godot” e il Premio Nobel

Superata anche la seconda guerra mondiale si dedica alla stesura dell’opera che gli porta maggiore successo: Aspettando Godot. L’opera lascia tutti senza parole perché come afferma il critico Vivian Mercier “non succede nulla, ma tiene incollati gli spettatori”. La cosa incredibile è che questa sensazione si ripresenta per entrambi gli atti. L’opera è stata scritta inizialmente in francese per essere trascritta due anni dopo in inglese. La critica l’ha commentata in maniera controversa dividendo completamente il pubblico.

chi era samuel beckett

Il successo gli apre la carriera teatrale che dopo “Aspettando Godot” fermenta di numerose opere. Scrive “Finale di partita”, “L’ultimo nastro di Krapp”, “Giorni felici”, “Commedia” e molti altri. Nel 1969 durante un viaggio in Tunisia riceve la comunicazione di aver vinto il Premio Nobel per la Letteratura.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Quando la chirurgia estetica è troppo: il perché dell’ossessione

Chi era Jean-Michel Basquiat: storia dell’artista americano

Leggi anche
  • cosa vedere su prime video gennaio 2021Cosa vedere su Prime Video a gennaio 2021: il catalogo

    Il catalogo di Prime Video si arricchisce con nuovi titoli: quali sono le proposte di Amazon a partire da gennaio 2021.

  • 50m2 netflix trama e cast50m2 su Netflix: trama e cast della nuova serie tv

    Sembra proprio essere il momento più propizio per le serie tv turche a livello internazionale: tutto su 50m2 la nuova serie tv Netflix.

  • wandavision di cosa parlaWandavision: di cosa parla la serie sulla supereroina Wanda

    Avete già scoperto le ultime novità su Disney +? Una tra queste è l’imperdibile serie tv sull’eroina Wanda insieme a Vision.

  • chi è iva zanicchiChi è Iva Zanicchi: storia della cantante italiana

    Iva Zanicchi, la grande voce della storia italiana protagonista della musica degli anni ’70 e ’80 insieme a Mina e tanti altri.

Contents.media