Il segno delle donne nell’industria della moda: chi è Rebecca Minkoff

L'empowerment femminile nel settore della moda è incarnato da Rebecca Minkoff, stilista americana che ha fondato un brand ora di fama mondiale.

L’unione tra passione per lo stile metropolitano e il lusso dell’haute couture è identificata nel brand di moda Rebecca Minkoff, fondato nel 2001 dall’omonima designer di San Diego. Ma la storia di Rebecca Minkoff è anche simbolo dell’empowerment femminile: dopo il successo planetario del suo brand, nel 2018 ha creato il Female Founder Collective, una rete d’imprese guidate da donne che permette loro di crescere e di operare in modo più efficiente.

Chi è Rebecca Minkoff

Dopo aver sviluppato una passione per il design, la moda e i costumi quando era solo al liceo, Rebecca Minkoff a 18 anni, da San Diego, si è trasferita a New York per inseguire il sogno di diventare designer. Il suo desiderio si realizza ben presto quando nel 2001 lancia una collezione di soli 5 pezzi, diventata subito famosa per la t-shirt “I Love New York”, che appare in The Tonight Show indossata da una sua amica, Jenna Elfman.

Il successo quasi inaspettato costringe Rebecca a cucirne centinaia nel suo appartamento dell’East Village. Il suo brand subisce un’ulteriore svolta nel 2005 con la nascita di una delle sue borse più famose: “The Morning After Bag”, scelta da celebrities del calibro di Lindsay Lohan e Hayden Panettiere. Il successo di Rebecca è stato ulteriormente sostenuto del fratello, CEO e co-fondatore dell’azienda, Uri Minkoff, che ha contribuito a far conoscere l’azienda attraverso i social media.

Leggi anche: Forbes stila la classifica delle 100 donne più potenti al mondo 2020

Rebecca si concentra soprattutto sugli accessori, fino al 2011, quando lancia la sua prima collezione prêt-à-porter destinata a ragazze sofisticate, romantiche ma audaci che amano mixare classico e street. Da quel momento il brand Rebecca Minkoff cura una vasta gamma di abbigliamento, borse, calzature e accessori anche da uomo. Il marchio ha attualmente due punti vendita nazionali, otto sedi internazionali ed è distribuito in oltre 900 negozi in tutto il mondo. Visto il feedback ricevuto, Rebecca Minkoff ha ricevuto numerosi riconoscimenti come il Breakthrough Designer Award dall’Accessories Council, che l’ha consacrata leader del settore.

rebecca minkoff collezione abbigliamento

Rebecca Minkoff, parallelamente alla sua attività di stilista, svolge importanti opere filantropiche. È un membro attivo del CFDA e sostiene Baby Buggy, l’organizzazione no profit di Jessica Seinfeld. Nell’agosto del 2017, è stata dichiarata membro del primo Consiglio dello Stato di New York sulle donne e le ragazze, in compagnia di altre donne leader del settore, tra cui la fondatrice di Refinery29 Christene Barberich, l’amministratore delegato di SoulCycle Melanie Whelan e l’amministratore delegato di Deloitte Cathy Engelbert. Rebecca ha molta cura anche nel supportare le donne per innescare quei cambiamenti positivi di cui l’imprenditoria femminile ha bisogno: nel settembre del 2018, ha fondato il Female Founder Collective, una rete di imprese che investe nel potere finanziario delle donne in tutto lo spettro socioeconomico abilitando e responsabilizzando le imprese di proprietà femminile. Donne che supportano donne per far crescere le loro attività e aumentare il loro impatto positivo nel mondo.

Leggi anche: Legge di bilancio 2021, ecco qual è lo spazio riservato alle donne

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Scaldacollo da donna: i modelli in trend

Chi era Audre Lorde, la poetessa e attivista Black e LGBTQ+

Leggi anche
  • israele cosa sta succedendoCosa sta succedendo in Israele?

    Nuova escalation di scontri tra Israele e Palestina che oppongono manifestanti palestinesi e forze dell’ordine israeliane dopo gli sfratti da Sheikh Jarrah.

  • Crossdressing uomini eteroCrossdressing, perché uomini etero si sentono bene con abiti femminili

    L’abbigliamento è sempre più gender fluid e uomini etero che preferiscono vestirsi da donna ne sono l’esempio, sono i crossdresser.

  • Gender fluid chi sonoGenerazione Z, gender fluid e sognatrice: chi sono gli adolescenti oggi

    Sono impauriti dal futuro ma non si tirano indietro e cercano di cambiare il mondo: chi sono i ragazzi della Generazione Z?

  • mamme donne realizzateNon è vero che le donne si sentono realizzate solo con la maternità

    Le donne solo se mamme, secondo l’opinabile parere dell’europarlamentare Antonio Tajani, acquisirebbero la loro realizzazione.

Contents.media