Chi è Kaja Kallas, il nuovo capo di governo dell’Estonia

Prima donna estone premier, Kaja Kallas è un avvocato e la leader del Partito Riformatore. Ora l'Estonia è uno dei pochi paesi guidati da due donne.

L’Estonia ha un nuovo capo di governo. Per la precisione, è una prima ministra, ed è la prima volta che il Paese ha alla sua guida una donna. Si tratta di Kaja Kallas, leader del Partito Riformatore e a capo di una coalizione centrista.

Il governo sarà ora formato da 7 donne e 8 uomini, “l’idea dietro alla composizione del mio governo era di ottenere un equilibrio tra uomini e donne, e tra esperienza e novità” ha detto Kallas.

Chi è Kaja Kallas

L’Estonia si unisce ufficialmente alla lista dei Paesi con primi ministri donne di cui fanno già parte Lituania, Norvegia, Finlandia, Islanda, Danimarca e Germania. Kaja Kallas è un ex europarlamentare, europeista e leader del Partito Riformatore.

43 anni, avvocato specializzato in antitrust, Kallas nel suo ruolo di politico è figlia d’arte: il padre Siim Kallas è uno dei più grandi riformatori, una figura estremamente importante nell’Estonia post indipendenza. Nei primi anni 90 i più grandi politici e intellettuali estoni si ritrovano a casa sua ed è così che Kaya, ancora adolescente, si interessa a quel mondo: “Tutte queste discussioni avvenivano al tavolo della nostra cucina, con le persone che più tardi sarebbero diventati i leader del nostro paese.

Mi piaceva ascoltarle e mi era permesso partecipare come uditrice” ha raccontato a Politico.

Leggi anche: Chi è Rosita Missoni, la donna che ha rivoluzionato la moda Made in Italy

Dopo gli studi, Kallas intraprende ufficialmente la sua carriera politica. Aderisce al Partito Riformatore e ottiene un seggio in Parlamento. Nel 2014 entra nel Parlamento europeo e sostenendo sempre le istanze della digital economy facendo sì che l’Estonia sia tuttora uno dei Paesi più avanzati nelle tecnologie digitali. Nel 2018 diventa leader del suo partito e l’anno dopo Kallas è prossima a diventare premier ma non ottiene la fiducia in Parlamento, sa che per diventarlo deve lottare il doppio essendo donna. “I leader di questo paese sono sempre stati uomini, e le persone pensano che ci sia qualcosa che non va in me solo perché sono una donna” ha raccontato. E così, da donna combattiva qual è, ora la Kallas ci ha riprovato ottenendo 70 voti favorevoli su 101.

Kaja Kallas ha giurato come primo ministro subentrando a Juri Ratas che si era dimesso due settimane fa perché coinvolto in uno scandalo su speculazioni immobiliari. Ora la nuova coalizione di governo è formata oltre che dal Partito riformatore, dal Partito di centro, che faceva già parte del precedente governo. L’incarico le è stato affidato proprio stamattina dalla Presidente della Repubblica Kersti Kaljurad, lei stessa prima donna capo di stato, eletta nel 2016. In questo modo l’Estonia diventa uno dei pochissimi stati ad essere governato da due donne, insieme a Danimarca e Nuova Zelanda.

Leggi anche: Chi è Maya Harris, l’empowerment femminile di Kamala è di famiglia

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Harry Potter diventa una serie tv: il progetto di HBO Max

Chi è Arisa: biografia e carriera della cantante

Leggi anche
  • fabrizio corona incidente stradaleFabrizio Corona, incidente stradale sull’A1: “Bene, ma non benissimo”

    Fabrizio Corona, incidente stradale sull’A1 con la fidanzata Sara Barbieri: come stanno?

  • blue mondayBlue Monday: come sopravvivere al giorno più triste dell’anno

    Il Blue Monday è stato definito il giorno più triste dell’anno. Scopri che cos’è, perché siamo tutti giù di morale e come fare per difendersi!

  • plastica monouso divieto 14 gennaioPlastica monouso vietata dal 14 gennaio 2022: cosa verrà eliminato

    A partire dal 14 gennaio 2022 la plastica monouso sarà vietata per legge: una decisione presa per tutelare non solo l’ambiente, ma anche la salute.

  • barbie ida b wellsIda B. Wells diventa una Barbie per “Inspiring Women”

    La Mattel dedica una delle sue Barbie del progetto “Inspiring Women” ad Ida B. Wells. Ecco chi era l’attivista afroamericana.

Contents.media