Chi è Iolanda Pensa: tutto sulla presidente di Wikimedia Italia

Ricercatrice presso la SUPSI e l'Università di Bergamo, Iolanda Pensa è una delle più valide collaboratrici italiane di Wikipedia.

Dalla correzione di una voce sull’arte africana alla presidenza di Wikimedia Italia. Chi è Iolanda Pensa, docente e ricercatrice italo-svizzera che ha conquistato posti di valore nella comunità di Wikipedia

Chi è Iolanda Pensa

Iolanda Pensa ha quarantacinque anni, vive a Milano e lavora in Svizzera.

Alle sue spalle ha un curriculum di tutto rispetto. Si è laureata in Lettere con indirizzo Storia dell’arte e poi ha collezionato ben 2 dottorati, uno in Antropologia sociale all’EHESS di Parigi e l’altro in Governo e progettazione del territorio al Politecnico di Milano. Grande appassionata di arte, Iolanda Pensa ha viaggiato e visitato molti posti del mondo sostenendo un’idea di arte internazionale, a impatto globale. Ad esempio in Olanda ha creato un’interfaccia che avesse il fine di finanziare gli artisti in Camerun.

La carriera di Iolanda Pensa si basa perlopiù sulla ricerca e la docenza. La Pensa infatti è ricercatrice, responsabile del settore di ricerca “Cultura e territorio” del Laboratorio cultura visiva e consulente per l’Open Science per il Servizio ricerca presso la Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI). Accanto a questa professione è diventata anche docente di Heritage Management e in Heritage Studies and ICT presso l’Università di Bergamo. Ha due figli adolescenti e anche un brevetto in paracadutismo.

Insomma, una donna dalle doti eccezionali che sa destreggiarsi tra molteplici attività e hobby.

LEGGI ANCHE: Chi era Krizia: tutto sulla stilista del prêt-à-porter

L’esperienza in Wikipedia

L’esperienza di Iolanda Pensa in Wikipedia è iniziata casualmente. Tutti sanno che Wikipedia è un’enciclopedia libera che si costruisce collaborativamente – ogni utente può apportarvi modifiche, collaborando alla creazione di un sapere democratico e condiviso – una delle piattaforme che sta alla base del concetto di Web 2.0. La Pensa ha quindi mosso il suo primo passo in Wikipedia nel 2006 correggendo una voce sull’arte africana che le sembrava poco esatta. Da qui ha iniziato la sua carriera parallela come volontaria nei progetti Wikipedia.

iolanda pensa a wikimania esino lario

Sono sue idee alcuni fenomenali progetti messi in campo dal colosso del web. Ad esempio Wiki Loves Monuments, uno dei concorsi fotografici più grandi del mondo incentrato sulle foto del patrimonio artistico, culturale e urbanistico del proprio paese. Nel 2016 poi è stata proprio Iolanda Pensa a proporre il paesino di Esino Lario, piccolo comune alpino nonché paese di origine di suo padre, per raduno mondiale di Wikipedia che ha attirato quasi duemila persone da tutto il mondo tra cui il fondatore dell’enciclopedia libera, Jimmy Wales. Inoltre la Pensa è stata nominata, sempre a titolo di volontariato, presidente di Wikimedia Italia, presidente della Commissione internazionale dei raduni mondiali di Wikipedia e referente dell’Ecomuseo delle Grigne.

LEGGI ANCHE: Chi era Simone de Beauvoir: storia della femminista francese

Scritto da Megghi Pucciarelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Viaggi, fitness, sessualità e non solo alla base del Senso della felicità: lo dicono gli esperti

Stockx, come funziona il marketplace online: guida all’uso

Leggi anche
  • Crossdressing uomini eteroCrossdressing, perché uomini etero si sentono bene con abiti femminili

    L’abbigliamento è sempre più gender fluid e uomini etero che preferiscono vestirsi da donna ne sono l’esempio, sono i crossdresser.

  • Gender fluid chi sonoGenerazione Z, gender fluid e sognatrice: chi sono gli adolescenti oggi

    Sono impauriti dal futuro ma non si tirano indietro e cercano di cambiare il mondo: chi sono i ragazzi della Generazione Z?

  • mamme donne realizzateNon è vero che le donne si sentono realizzate solo con la maternità

    Le donne solo se mamme, secondo l’opinabile parere dell’europarlamentare Antonio Tajani, acquisirebbero la loro realizzazione.

  • astrazeneca donneAstrazeneca, Antonella Viola: “Non per le donne sotto i 60 anni, è rischioso”

    Il dibattito sulla differenza di genere rimane aperto anche in tema vaccini dopo il parere dell’immunologa Antonella Viola secondo cui Astrazeneca non andrebbe somministrato sulle donne al di sotto dei sessant’anni.

Contents.media