Notizie.it logo

Filippo Nardi, nuovi retroscena sulla depressione

filippo nardi

Filippo Nardi, dopo L'Isola dei Famosi, torna a parlare della depressione che l'ha colpito.

Filippo Nardi, con la sua partecipazione all’ultima edizione de L’Isola dei Famosi, ha raccontato parti della sua vita che aveva sempre tenuto nascoste. Ora, a distanza di qualche mese dal reality in Honduras, torna a parlare della terribile depressione che lo ha colpito e svela nuovi particolari.

La vita

Filippo Nardi, concorrente della seconda edizione del Grande Fratello del 2001, venne scelto per il reality più spiato d’Italia grazie alla sua appartenenza alla nobile famiglia toscana dei Nardi-Dei. La sua partecipazione al GF, anche se breve, gli portò una certa popolarità. Il suo ‘sclero’ all’interno della casa e la sua celebre frase ‘Dove sono le mie sigarette?’ gli fece guadagnare una serie di ingaggi televisivi come Chiambretti c’è, Le Iene e Festivalbar. Nel frattempo, la sua passione per la musica, lo portò ad essere il Dj di moltissime discoteche italiane. Tutto ciò fino al 2012, poi il silenzio più totale.

A gennaio 2018, lo rivediamo finalmente in televisione come naufrago de L’Isola dei Famosi. Quello che appare alle telecamere è un Filippo visibilmente invecchiato, questo è più che normale, ma con il suo fascino inglese rimasto pressoché identico. L’avventura come naufrago gli ha permesso di fare pace con alcuni suoi fantasmi del passato che lo avevano portato a vivere dei periodi davvero bui. Dopo l’esperienza al Grande Fratello, infatti, l’uomo si è visto catapultato in un ambiente completamente diverso da quello che era abituato a frequentare. Nel giro di qualche anno, Filippo si è ritrovato a perdere tutto quello che aveva ed è entrato nel vortice della depressione.

La depressione

Filippo Nardi non si è mai nascosto ed ha parlato della depressione che lo ha colpito anche durante l’esperienza de L’Isola dei Famosi. In una recente intervista, l’ex naufrago ammette che questa terribile crisi che lo ha visto come protagonista, non ha nulla a che fare con il suo exploit televisivo.

Filippo dichiara: “Ero stato catapultato in un mondo che non era il mio. Ma la depressione mi è venuta due o tre anni fa e non per astinenza da video, ma perché non potevo pagare l’affitto e mantenere mio figlio. Era frustrazione, ma non per il GF, anzi, lo rifarei!”. In questi ultimi anni, il Nardi, ha vissuto in funzione del figlio Zack, la sua unica fonte di sorrisi. L’essere rimasto senza soldi, lo ha spinto a vendere tutto quello che aveva, case e moto comprese, per contribuire al suo mantenimento. Nonostante la grande disperazione, Filippo ammette di aver cercato in ogni modo di non far mancare nulla al figlio. L’ex naufrago svela: “Ho cercato di non fargli mancare le cose che per noi erano importanti. Andavamo, ad esempio, tutte le settimane al cinema a vedere film appena usciti. Per portarlo alla prima di Star Wars rinunciai a fare la spesa, non mangiai per giorni”.

Le parole di Filippo descrivono una realtà molto dura, che molti, soprattutto negli ultimi periodi, si trovano ad affrontare. Fortunatamente tutto questo rimane solo un brutto ricordo, che sicuramente gli avrà permesso anche di maturare e di non essere più quell’uomo irascibile che scattava per un nonnulla. E le donne? Con la mamma di Zack è rimasto soltanto un grande affetto, niente di più. La rivista Spy lo ha paparazzato a Forte dei Marmi in compagnia di Manila Boff, Dama del trono Over di Uomini e Donne. Semplice amicizia o pura passione estiva? Al settimanale, il Nardi ammette: “Io un latin lover? È una leggenda, sono soltanto un inglese molto espansivo”. Bene, considerando che solitamente, gli inglesi non brillano per questa dote, non ci resta che aspettare conferma da Manila.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

300
Fabrizia Volponi
Fabrizia Volponi nata ad Ascoli Piceno nel 1985. Laureata in "Scienze Storiche" e in "Scienze Religiose", sono da sempre appassionata di lettura e di scrittura. Divoro libri e li recensisco sul mio Blog Libri: medicina per il cuore e per la mente. Lasciatemi in una libreria, possibilmente piccolina e vintage, e sono la donna più contenta del mondo.
Leggi anche