E’ morto Dino De Laurentiis, il produttore aveva 91 anni


E’ morto Dino De Laurentiis
. Il produttore di capolavori del cinema italiano, come La grande guerra (1959, regia di Mario Monicelli), La strada (1954, regia di Federico Fellini) e di molte pellicole di Totò, se n’è andato a Los Angeles questa mattina, all’età di 91 anni.

E’ stato sposato due volte: nel 1951 con l’attrice Silvana Mangano, da cui ha avuto 4 figli (Veronica, Raffaella, Federico e Francesca) e nel 1990 con Martha Schumacher, dalla quale ha avuto 2 figlie (Carolyna e Dina). Il nipote Aurelio – figlio di suo fratello Luigi – ha seguito le sue orme ed è oggi il presidente della Filmauro (oltre che del Napoli calcio).

Il debutto al cinema di Dino De Laurentiis risale al 1940, con il film L’ultimo combattimento di Piero Ballerini.

Nel 1948 fonda la Ponti – De Laurentiis insieme al produttore Carlo Ponti (marito di Sofia Loren), con cui produce la pellicola Totò a colori (1952), primo film a colori mai girato in Italia, e numerosi kolossal italiani e non. Nel 1972 si trasferisce negli Stati Uniti e fonda la De Laurentiis Entertainment Group.

Qui sotto alcune foto tratte dai più celebri film prodotti da De Laurentiis: Serpico, La Bibbia, Riso amaro, Un Americano a Roma e La grande guerra (clicca sulle immagini per ingrandirle).

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • NetflixNetflix blocca la condivisione di password e account

    L’aveva anticipato e sta avvenendo: Netflix sta attuando il blocco di condivisione di password e account, scatenando una serie di reazioni negative

  • MandrakeChi è Mandrake? Tutto sull’influencer brindisino

    Mandrake, nome d’arte di Giuseppe Ninno, è brindisino doc che ha conquistato il grande pubblico dei social grazie alla verità raccontata in chiave comica

  • Simone DominiciChi è Simone Dominici? Tutto sull’amministratore delegato di KIKO

    Il nuovo amministratore delegato di KIKO MILANO è Simone Dominici: uomo dalla carriera professionale ricca e importante, Dominici dimostra il suo talento

  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

Contentsads.com