Come riconoscere le malattie sessualmente trasmissibili: i consigli

Sintomi apparentemente lievi possono essere segni di malattie più gravi. Qui di seguito come riconoscerle e prevenirle.

Le malattie sessualmente trasmissibili non sono assolutamente da sottovalutare perché queste si possono nascondere anche dietro a segnali e sintomi lievi. Ecco qui di seguito i consigli su come riconoscere le malattie sessualmente trasmissibili.

Come riconoscere le malattie sessualmente trasmissibili?

Abbreviate con la sigla MST, esse sono vere e proprie infezioni che si trasmettono per contatto sessuale. Si distinguono le une dalle altre per segni e sintomi e possono essere causate da virus, batteri, protozoi. In che modo? Questi, attraverso lo scambio di liquidi biologici e il contatto tra organi e mucose, passano da una persona all’altra, andando a colpire i genitali o altri organi.

In realtà, una malattia sessualmente trasmessa può essere presa anche senza un contatto sessuale.

E questo si verifica soprattutto nei casi di trasmissione verticale, da madre a figlio durante la gravidanza o durante il parto. Oppure mediante trasfusioni di sangue, utilizzando aghi o strumenti di lavoro non sterilizzati.

come riconoscere le malattie sessualmente trasmissibili

Le cause

Come detto, le MST possono essere causate da diversi patogeni come virus e batteri. A seconda del tipo di patogeno che colpisce e provoca l’infezione, si verificano diversi sintomi. Anche se, purtroppo, in molti casi, le infezioni non presentano segnali veri e propri, ma si rivelano asintomatiche. Proprio per questo motivo, è fondamentale fare prevenzione e non dimenticarsi dei controlli periodici. Solo così, si possono scoprire anomalie o sintomi particolari e di conseguenza, prendere in tempo le infezioni, senza farle degenerare.

Quali sono le MST più comuni?

Le infezioni sono diverse le une dalle altre ed è per questo importante tenere sotto controllo anche i sintomi più leggeri. Perché certe presentano segnali concreti che durano qualche giorno, altre possono restare in incubazione per anni, senza che nessuno se ne accorga. Ecco qui di seguito le malattie sessualmente trasmissibili più comuni:

Candida

La candida, di solito, nella donna presenta sintomi forti e ben evidenti come perdite dense e bianche, talvolta tendenti al grigiastro, inodori, bruciore, prurito vulvo-vaginale, irritazione e dolore durante i rapporti sessuali. Mentre nell’uomo, può presentare piccole piaghe sul glande del pene e prurito.

come riconoscere le malattie sessualmente trasmissibili

Tricomoniasi vaginale

I sintomi più frequenti e diffusi sono rossore, bruciore, perdite giallo-verdastre e irritazione vulvare; nell’uomo può portare anche a uretrite. Solo in casi più rari, la tricomoniasi vaginale può manifestarsi asintomatica.

Gonorrea

Per quanto riguardo la donna, questa è il più delle volte asintomatica, ma causa difficoltà di concepimento. Invece nell’uomo, si manifesta con sintomi più evidenti come uretrite, dolore scrotale, bruciore e sensazione di dover fare continuamente pipì.

come riconoscere le malattie sessualmente trasmissibili

Clamidia

Seppur molto spesso risulti asintomatica, il sintomo più comune per uomo e donna è il bruciore alla minzione. Inoltre, nell’uomo, può portare a uretrite con secrezioni, dolore scrotale o gonfiore. Mentre, nella donna, a sanguinamenti, dolore durante i rapporti sessuali, perdite vaginali diverse dal solito, dolore allo stomaco e nei casi più estremi, alla PID, malattia infiammatoria pelvica, fino alla sterilità.

Sifilide

La sifilide è tra le malattie sessualmente trasmissibili che rimane a lungo asintomatica. Lo stesso i sintomi più diffusi sono: eruzioni cutanee con aloni bianchi, alopecia, mal di gola, febbre alta e mal di testa.

come riconoscere le malattie sessualmente trasmissibili

HPV

Sono tanti i ceppi di Papilloma Virus, ma i sintomi più comuni sono:

  • condilomi
  • piccole verruche nella cute
  • papillomi nelle mucose.

Herpes genitale

L’herpes genitale è caratterizzato dalla presenza di vescicole bianche e rosse sui genitali, molto simili a quelle che si presentano sulle labbra, che provocano dolore, prurito e bruciore.

Epatite B

Come la sifilide, l’epatite B si rivela asintomatica nella maggioranza dei casi. Lo stesso può dare problemi al fegato, feci chiare con urine scure, nausea e vomito.

Scritto da Marta Vitulano
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Articoli correlati
Leggi anche
  • dieta detoxDieta detox prima delle feste: cibi e rimedi naturali

    Consumare alimenti come cavoli, porri, cime di rapa e altri cibi permette, nella dieta detox, di adottare una strategia ottimale per non esagerare.

  • dieta nordica cosa si mangiaDieta di Natale: come dimagrire per le feste

    Seguire la dieta di Natale significa consumare alimenti sani ed equilibrati in modo da dimagrire per le feste senza sensi di colpa.

  • dieta di Katie HolmesDieta di Katie Holmes: come si mantiene in forma

    La dieta di Katie Holmes punta a un regime ben bilanciato e controllato dove sta attenta a ciò che mangia in modo da non sgarrare troppo.

  • cellulite sui gluteiCellulite sui glutei: come eliminarla con rimedi naturali

    Le creme, i massaggi, ma anche integratori in compresse, insieme a una buona alimentazione ed esercizio, eliminano la cellulite sui glutei.

Contentsads.com