Che cos’è il Marimo di Cloe.it

Il Marimo è una piccola alga di forma rotonda che è stata scoperta nel 1820, ma come ci si prende cura di questa alga?

Il Marimo è una piccola alga di forma rotonda che è stata scoperta nel 1820. La denominazione attuale gli è stata attribuita da Tatsuhiko Kawakami, un botanico giapponese, alla fine del XIX secolo. In giapponese, “mari” vuol dire “biglia”, mentre “mo” è una parola generica che sta a indicare le piante la cui crescita avviene in acqua. Il Marimo è una pianta perfetta per un regalo: da subito è stato considerato come un emblema di rispetto, di stima e di affetto: insomma, sentimenti profondi e sinceri, proprio come l’amore.

A chi regalare il Marimo

Ma il Marimo si rivela un dono perfetto anche per un battesimo, per una nascita o per altre ricorrenze importanti: vi si può ricorrere, per esempio, per le bomboniere di un matrimonio o di qualsiasi altra cerimonia. Può essere regalato anche ai nonni e ai genitori, così come ai colleghi di lavoro, a chi si è laureato da poco o alle persone che sono in procinto di cominciare un percorso professionale nuovo. E non è ancora tutto, perché al Marimo vengono attribuite dote preziose come portafortuna, per esempio per chi sta per intraprendere una nuova attività sul lavoro o ha appena comprato una casa.

Come si cura il Marimo

Chiamato anche alga palla, il Marimo ha bisogno di poche e semplici precauzioni per poter crescere senza problemi. Per quanto riguarda l’irrigazione, è necessario provvedere al cambio dell’acqua una volta ogni dieci giorni. Dal punto di vista dell’illuminazione, invece, non ci sono accorgimenti specifici da adottare, anche perché stiamo parlando di un essere vivente che non patisce il buio. È necessario, poi, che la temperatura sia sempre al di sotto dei 23 gradi. Tutti i prodotti Marimo di cloet.it a partire dal 31 gennaio del 2018 presentano un bollino nero, collocato al di sotto del tappo, che serve a certificare la loro originalità.

Attenzione ai falsi

Si tratta di una precauzione che è stato necessario prendere, purtroppo, a causa di alcuni fatti sgradevoli per colpa dei quali si sono diffusi dei Marimo non originali: insomma, dei veri e propri fake. Pertanto il marchio si è visto costretto a fare riferimento a questo sistema anticontraffazione per permettere ai consumatori di evitare il rischio di essere truffati. Questo è il motivo per il quale il logo del marchio è presente su ogni componente del packaging. Così, si può essere sicuri di rimanere alla larga dalle imitazioni.

Il Marimo e la responsabilità

Se si acquista il Marimo di cloet.it, sarà importante prendersene cura in qualsiasi momento. Il Marimo è in grado di regalare una magia nel momento in cui le parole non sono sufficienti e c’è bisogno di un’azione concreta per dimostrare la stima e l’affetto. Ha una storia che merita di essere onorata e valorizzata, ma anche diffusa e tramandata. Le emozioni che si provano grazie a questa alga sono uniche. Da quasi 10 anni, d’altra parte, il bagaglio di Clo’eT si compone di esperienza e manutenzione, ma anche temperature e dosaggi, oltre ad acquari e studio. Tutti gli esemplari di Marimo vengono maneggiati con la massima cura e, dopo essere stati accompagnati nel loro ecosistema, concessi a chi li acquista. Quello che si rende necessario è un lavoro costante e impegnativo, che richiede una buona dose di passione ma che garantisce risultati speciali.

L’acqua

È bene tener presente che il Marimo ama l’acqua, e in modo particolare l’acqua frizzante. Ecco perché è consigliabile aggiungere al barattolo un po’ di acqua frizzante – due dita sono più che sufficienti – per mettere a disposizione una maggiore quantità di anidride carbonica che potrà essere trasformata. Il Marimo è un tipo di alga che cresce ogni anno di circa mezzo centimetro e vive più di due secoli.

Che cos’è CLO’ET

Il progetto di CLO’ET è stato avviato nel 2013 da Paola Francesca Denti, mossa dalla voglia di narrare delle storie tramite alcune creazioni. In questo modo, chi compra ottiene non solo un oggetto materiale, ma anche un concetto di cui prendersi cura e che merita di essere condiviso. Il mondo enciclopedico di CLO’ET design è composto da Marimo che fluttuano e piante sospese, tra compleanni in scatola e casette in cemento. Tutto questo è frutto dell’amore per lo stile nordico, con il suo carattere minimale, ma anche dell’attenzione nei confronti del verde. Nell’atelier prendono vita tantissime forme, dalle colonne ai cilindri, dai cuori ai triangoli, così come una varietà infinita di consistenze, siano esse seghettate, lisce, vellutate o compatte.

Il rapporto tra CLO’ET design e il Marimo

Nel 2012 è stato stabilito il primo contratto tra CLO’ET design e un coltivatore di una colonia nipponica. È da quel momento che è iniziato il percorso che ha consentito l’arrivo del Marimo in Italia. E oggi la Marimo mania si è diffusa ovunque, catturando l’attenzione di tutti gli italiani.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chi è Toto Cutugno: tutto sul cantautore italiano

Maria De Filippi ricorda Raffaella Carrà: le parole

Leggi anche
  • letteratura 900Come la letteratura del ‘900 può aiutare a comprendere la società attuale

    In un periodo storico complesso come quello che stiamo vivendo, è fondamentale studiare, analizzare e comprendere la storia attraverso la letteratura del ‘900,

  • percorso kneipp in italiaPercorso Kneipp in Italia: tutte le strutture termali da non perdere

    Il percorso Kneipp non è cosa dell’altro mondo. Se sei curiosa di provarlo e godere dei suoi benefici ecco quali sono le spa che lo ospitano in Italia.

  • famiglia amico a 4 zampeLa famiglia è più bella con un piccolo amico a 4 zampe

    In questo articolo vogliamo parlare di alcuni importantissimi membri della famiglia, perché di questo si tratta: gli animali domestici.

  • chiara ferragni linea scuolaChiara Ferragni lancia la linea per la scuola: quanto costa la collezione griffata

    Dopo lo zaino di Fedez arriva la cancelleria della moglie: tutto sulla nuova linea scuola di Chiara Ferragni, lanciata giusto in tempo per il ritorno a scuola.

Contents.media