Berlusconi telefona a Ballarò e aggredisce Floris: tutta l’arroganza del monarca al tramonto?

Nella telefonata di ieri di Berlusconi alla trasmissione Ballarò, in risposta a un servizio che mostrava il disastro di Napoli all’indomani delle promesse del premier, c’è da un lato tutta la consueta arroganza di chi si sente intoccabile, il padrone di tutto, compresa ovviamente la televisione pubblica.

C’è l’insofferenza, da Grande fratello orwelliano, per qualsiasi critica, per il giornalismo indipendente che osa raccontare una verità sgradita.

Dall’altro lato però la scelta di ribattere proprio sul tema dell’immondizia a Napoli rivela tutta la stanchezza e la scarsa lucidità dell’Unto: che il capoluogo campano sia sommerso dai rifiuti, nonostante le promesse di ripulire la città in qualche giorno, è sotto gli occhi di tutti, è una realtà che neppure i cinegiornali di regime possono nascondere.

E quella voce rotta dall’indignazione e quasi tremante, prima di buttare giù la cornetta, forse è uno dei tanti segni del tramonto di un uomo che è stato, e rimane ancora, il padrone del Paese.

Certo però il messaggio intimidatorio nei confronti della stampa libera è ancora una volta passato: attenzione, io ci sono ancora e mi scaglierò con violenza contro chiunque osi mettermi in discussione, contro qualsiasi tentativo di rompere le righe di fronte al conformismo dell’informazione.

Contro qualsiasi eterodossia, da colpire o attraverso la censura o, dove non si può, con il lavoro sporco dei fabbricatori del fango. Uno di questi – Maurizio Belpietro – era in studio e, insieme al ministro Fitto, annuiva compulsivamente durante la telefonata del capo, timoroso probabilmente di non aver svolto a dovere il compitino e di aver reso necessario l’intervento del Signore di Arcore.

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

  • Lance KerwinChi era Lance Kerwin: tutto sull’attore de La casa nella prateria

    È scomparso all’età di 62 anni l’attore de La casa nella prateria e Le notti di Salem: Lance Kerwin, noto attore di fama mondiale, era assai conosciuto

  • Maneskin matrimonioI Maneskin si sono detti “sì” in total white: i look della rock band

    I Maneskin si sono sposati: la rock band romana ha deciso di promuovere il nuovo disco unendosi in matrimonio. I look, ovviamente, sono pazzeschi.

  • Messina DenaroL’orologio di Messina Denaro: ecco il prezzo dell’accessorio di lusso

    L’ultimo boss di Cosa Nostra è stato finalmente arrestato: Matteo Messina Denaro, dopo 30 anni di latitanza, ha finito la sua fuga, fatta di agi e di lusso

Contentsads.com