Aceto di mele: come utilizzarlo sui capelli

L'aceto di mele può essere benefico per la nostra salute e per i nostri capelli. Quali sono le sue proprietà?

Oltre ad essere un eccellente condimento, l’aceto di mele può essere un grande alleato per la bellezza. Sui capelli, ad esempio, viene spesso usato. Come usarlo però e perché? Quali benefici si possono ottenere dall’uso dell’aceto di mele sui capelli?

Aceto di mele sui capelli

L’aceto di mele sui capelli può avere immediati effetti benefici. Riesce a ritardare infatti il decadimento organico degli stessi, come nel caso della caduta dei capelli. Molto spesso, infatti, alla base della calvizie vi è il mancato apporto della giusta quantità di sali minerali. Più precisamente dell’acido silicico, del fosfato di calcio e del cloruro di sodio. L’aceto di mete è quindi utile per il suo effetto remineralizzante. Riesce, in questo modo, a contrastare ed arrestare la caduta dei capelli ed i risultati, derivanti dal suo utilizzo, sono visibili fin da subito.

Come usarlo

Come usare l’aceto di mele, quindi? Oltre a condirci i cibi, l’aceto di mele può essere anche versato puro sui capelli. Aggiunto all’acqua dell’ultimo risciacquo dopo lo shampoo, apporta brillantezza ai fusti e li fortifica. Per versarlo direttamente sui capelli si consiglia di prendere intanto una bottiglia di acqua demineralizzata (di quella senza calcare) e di aggiungervi qualche cucchiaio di aceto. In genere si considera un cucchiaio ogni mezzo litro di acqua.

Per una bottiglia da un litro e mezzo, quindi, andranno ben tre cucchiai di aceto. Si deve stare ovviamente attenti a non esagerare, perché altrimenti si potrebbe avere l’effetto contrario, ovvero quello di bruciare i capelli per la troppa acidità. L’aceto di mele è comunque molto meno acido rispetto a quello di vino e, per questo motivo, è il più grande alleato di bellezza tra tutti i tipi di aceto. A fine shampoo, dopo il balsamo, si può versare direttamente il composto di acqua e aceto sulla testa, partendo dalla cute e facendo colare il tutto su tutte le lunghezze.

Istruzioni

Non esistono vere e proprie istruzioni sull’uso dell’aceto come alleato di bellezza per i capelli. Utilizzarlo diluito con acqua come ultimo risciacquo può essere una buona soluzione. L’unico problema è l’odore. Esso, anche se molto più “leggero” rispetto agli altri tipi, si può sentire. A questo proposito, simile all’aceto per i suoi effetti benefici è il succo di limone. Altrimenti si può pensare di aggiungere qualche goccia di olio essenziale, nelle profumazioni preferite, per smorzare un po’ il profumo forte dell’aceto.

In questo modo, si può tamponare un po’ l’odore pungente dell’aceto. Generalmente, se ne consiglia l’uso una volta alla settimana. Se non vogliamo applicarlo in grandi quantità sui capelli, si può pensare di applicarlo in spray. In questo modo, la sua concentrazione sarà senza dubbio minore. Una volta spruzzato sui fusti, è consigliabile iniziare a massaggiare, per far penetrare al meglio i principi attivi. E’ inoltre possibile far riposare qualche minuto sui capelli, prima di risciacquare abbondantemente con acqua tiepida.

Perchè usarlo

Oltre ad essere usato come perfetto anticaduta, l’aceto di mele è perfetto anche come antiforfora. La rimuove, infatti, alleviando il prurito. E’, inoltre, un perfetto sgrassante e riequilibrante. Rimuove il grasso, ma anche le cellule morte che sono naturalmente presenti sul cuoio capelluto, promuovendo così una crescita attenta e salutare. Riesce, inoltre, a neutralizzare il Ph del capelli e di tutto il cuoio capelluto. E’ perfetto come detergente, in quanto ha proprietà antibatteriche. Al contrario di molti tipi di shampoo, però, non va a distruggere il naturale equilibrio dei capelli.

Viene molto usato anche per il suo potere sigillante. Sui fusti ha il beneficio di riuscire a chiudere almeno temporaneamente le doppie punte. Riesce, infatti, a chiudere la cuticola dei capelli, permettendone la brillantezza. L’aceto di mele riesce efficacemente anche a sostituire l’uso del balsamo. Al contrario dei balsami tradizionali che troviamo in commercio è, infatti, privo di conservanti e di profumazioni sintetiche. Permette, però, di eliminare i fastidiosi nodi dai capelli. Ha, infine, effetti lucidanti, donando brillantezza ai capelli.

Per una migliore resa, è consigliabile acquistare solo aceto di mele puro. Solo la versione pura, infatti, conserva enzimi, pectine, batteri e molti oligoelementi, come sali minerali, che possono apportare benefici alla salute dei capelli. Sul mercato ce ne sono molti che non sono puri al 100%. Meglio evitare di acquistare questi prodotti, che forse costano meno ma che hanno un minore impatto sulla salute dei nostri capelli.

I benefici dell’aceto di mele si possono ottenere anche se ingerito e non solo applicato sui capelli quindi. Proprio per questo motivo, l’aceto non dovrebbe mai mancare sulla nostra tavola, dato che è ricco di sali minerali, ma anche di vitamine, oltre ad avere davvero pochissime calorie.

Scritto da Erika Vettori
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Libri da leggere assolutamente nella vita

Gf Vip: Alfonso Signorini rivela ‘Deve vincere Ivana’

Leggi anche
  • colori ombretti primavera 2021Colori ombretti primavera 2021: dalle nuances pastello ai brillantini

    Toni pastello, alternanza tra finish opachi e luminosi: i colori degli ombretti per la primavera 2021 lasciano davvero senza parole.

  • come prevenire macchie della pelleCome prevenire le macchie della pelle: i consigli di bellezza

    Melasma, cloasma, lentigo senili: le tipologie di macchie della pelle e come prevenire l’insorgenza.

  • tightlining cosa èTightlining: cos’è l’eyeliner nascosto e come si realizza

    Si tratta di una semplice tecnica di make-up per rendere lo sguardo più aperto e le ciglia più definite: tutto sul tightlining e come si realizza.

  • mille usi aceto di meleI mille usi dell’aceto di mele: dalla tavola alla cosmesi

    Ricco di acidi organici e composti antiossidanti, grazia all’elevata presenza di vitamine e minerali, l’aceto di mele può essere un valido alleato quotidiano non solo in ambito alimentare.

Contents.media