Venezia, top di ginnastica vietato alle ragazze: “Distraggono i maschi”

A Venezia ha fatto molto discutere la decisione di un'insegnante che ha vietato alle ragazze di indossare il top sportivo durante l'ora di ginnastica.

A Venezia sta facendo molto parlare un’affermazione della professoressa di educazione fisica del liceo artistico statale Marco Polo secondo cui, le ragazze, dovrebbero nascondere le proprie forme per non attirare l’attenzione dei compagni maschi, che ne verrebbero quindi distratti.

Venezia, top vietato alle ragazze durante l’ora di ginnastica

La professoressa non è restata con le mani in mano e ha accompagnato a queste parole anche i fatti, vietando alle ragazze l’utilizzo del top da ginnastica durante le sue ore di lezione e sempre secondo le studentesse coinvolte, avrebbe poi minacciato di punire con una nota le ragazze che si sarebbero presentate nuovamente indossando top sportivi.

La reazione a questa polemica non è tardata ad arrivare e, la notizia come spesso accade in questi casi, ha inevitabilmente fatto il giro dei social network, suscitando anche l’indignazione del Collettivo Polo-Las che, che sfilando dietro uno striscione con scritto “Cambiate mentalità, non i vestiti” e sfidando le basse temperature tipiche della stagione, si sono presentate davanti alla scuola indossando proprio il top, oggetto di contesa.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da collettivo PoloLas (@pololas.collettivo)

La protesta delle studentesse

Dopo l’azione di protesta messa in atto dal Collettivo Polo-Las, si è svolta un’assemblea studentesca che starebbe studiando altre forme di dissenso. Le ragazze infatti trovano irrispettoso il fatto che professori costringano a cambiare i vestiti delle ragazze piuttosto che tentare di cambiare le mentalità delle altre persone.

Sempre secondo le studentesse, la decisione presa dall’insegnante di educazione fisica altro non sarebbe che il riflesso di una società in cui le persone di genere femminile sono abituate ad avere paura quando girano per strada la sera, soprattutto quando sono vestite in un certo modo, perché una minigonna o appunto un top, agli occhi maliziosi di chi le guarda, potrebbe significare un consenso a tentare un approccio con lo scopo di avere un rapporto con loro. La protesta quindi, è l’ennesimo NO gridato da tutte quelle ragazze che non sono più disposte ad avere paura, a partire dall’ambiente scolastico, che dovrebbe essere un porto sicuro per i giovani, a prescindere dal genere di appartenenza.

Scritto da Arianna Giago
1 Comment
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Ugo
11/11/2021 15:10

Bastava dire “Vietiamo il top alle ragazze perché indumento sessista” e non sarebbe stato più che accettato dalla comunità femminista

L’11 Novembre è il Single Day: cos’è e cosa c’entra con il Black Friday

The Crown 5: le anticipazioni sulla nuova stagione della serie sulla royal family

Leggi anche
  • simboli contro violenza donneDalle scarpe rosse alla panchina: tutti i simboli contro la violenza sulle donne

    Dalle scarpe rosse alle panchine che colorano le piazze: ecco quali sono tutti i simboli più conosciuti contro la violenza sulle donne.

  • cosa significa demigirlCosa significa Demigirl e perché è importante saperlo

    Cosa significa essere Demigirl: la definizione e l’importanza di saper distinguere l’identità di genere dall’orientamento sessuale di una persona.

  • Giampiero Galeazzi malattiaGiampiero Galeazzi malato da tempo: “Non ho il Parkinson, ma il diabete”

    “Non ho il Parkinson, ho problemi di diabete. La salute va su e giù, come sulle montagne russe”, aveva detto nel 2019 in una delle sue ultime apparizioni.

  • signal for help violenza domesticaSignal for help: il gesto per segnalare la violenza domestica

    Due semplici gesti con la mano che possono aiutare donne, bambini e uomini che subiscono violenza domestica.

Contents.media