Perché abolire la tampon tax: le proposte per abbattere le discriminazioni

È un dato di fatto: la tampon tax rende le mestruazioni un lusso che non tutte le donne si possono permettere.

Gli antenati degli assorbenti, per come li conosciamo oggi, risalgono alla fine dell’800. Dovremo aspettare l’inizio degli anni ’70 per vedere l’assorbente usa e getta venire alla luce, prima di questo infatti, si utilizzavano dei ritagli di tessuto o pezze lavabili.

La tanto discussa “tampon tax” vede la luce nello stesso periodo, ovvero quando si è iniziato a pensare a questi prodotti igienico-sanitari (tra cui anche i pannolini) come beni non essenziali e quindi tassati al 22%. Appare chiaro come la tampon tax appartenga ormai ad un’altra epoca ormai lontana. Perché quindi, risulta così tanto difficile abolirla?

Tampon tax, perché abolirla: i primi disegni di legge

Il primo disegno di legge per ridurre l’Iva sugli assorbenti al 4% risale solo al 2016.

Una proposta inizialmente ignorata ma che ha contribuito sicuramente a rendere la tampon tax parte del dibattito pubblico. Successivamente, nel 2020, passa un emendamento che sancisce l’abbattimento dell’Iva su coppette mestruali e più in generale sui prodotti igienico-sanitari, ma solo se biodegradabili ed ecosostenibili.

È già qualcosa, ma purtroppo non basta. Tra gli stati che fanno parte dell’Unione Europea infatti, l’Italia sembra essere ancora troppo indietro sull’argomento: se in Regno Unito, per esempio, la tampon tax è appena del 5%, in altri Paesi questi prodotti sono considerati beni di prima necessità distribuiti gratuitamente nelle scuole.

tampon tax perché abolirla

Quanto costano le mestruazioni in Italia

In Italia, le mestruazioni sono un lusso che non tutte le donne possono permettersi. Già, perché a proposito di costi si è stimato che nell’arco temporale di un anno, una donna arrivi a spendere tra i 70 e i 126 euro per comprare gli assorbenti. Una cifra che comunque può variare a seconda delle esigenze dettate dal ciclo mestruale.

Inevitabilmente si è iniziato a parlare di povertà mestruale. Non sono poche infatti, le donne che non possono permettersi di comprare un assorbente o un pannolino a causa dei costi elevati. Contrariamente a quanto si possa pensare, è una situazione non poco problematica che non riguarda esclusivamente realtà lontane da noi, ma coinvolge tutti quei paesi in cui questi prodotti non sono considerati beni di prima necessità.

tampon tax perché abolirla

Una questione non più solo femminile

Alla luce di tutti questi dati e di tutte le proposte risolte in un nulla di fatto, appare quindi chiaro che ancora prima di abolire la tampon tax bisogna abbattere tutte quelle barriere socio-culturali con cui si è circondato l’argomento delle mestruazioni. Oggi non può essere considerato solo un “affare delle donne”, ma deve necessariamente coinvolgere anche gli uomini. Se infatti un tempo il ruolo delle donne era relegato alla sola vita domestica e prendere le decisioni in larga scala per il Paese, era prevalentemente un compito da uomini, oggi una buona percentuale di donne ricopre anche una carica politica.

Viene da sé che non si può più fare finta di niente davanti alla tampon tax e un lavoro di sensibilizzazione culturale è quindi necessario per garantire il diritto alla salute (e alla dignità) di tutti.

tampon tax perché abolirla

La proposta firmata da Matteo Richetti

Tra chi ha deciso di battersi contro la tampon tax anche Matteo Richetti, il senatore di “Azione” che nel maggio 2021 ha presentato un ddl da lui firmato con cui si chiedeva il riconoscimento ai prodotti igienici femminili il carattere di necessità e la riduzione della tassa al 4% non solo per questi prodotti, ma anche per quelli biodegradabili e lavabili già al 5%.

Contemporaneamente a questi primi punti è stata fatta anche la richiesta di un credito annuo di 50 euro da erogare sulle tessere sanitarie delle donne tra i 18 e i 50 anni e la distribuzione gratuita di assorbenti nelle scuole, come abbiamo già visto fare da altri Paesi. E voi? Siete d’accordo con queste possibili misure da adottare?

Scritto da Arianna Giago
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Elezioni comunali Caserta 2021: exit poll e risultati in diretta

Ayurvedica, cos’è la pratica antica che arriva dall’India

Leggi anche
  • Ken versione sirenettoKen in versione sirenetto: il nuovo modello inclusivo etichettato Barbie

    Ken Tritone Re degli Oceani entra a far parte del mondo Barbie e può essere già preordinato su Mattel Creations.

  • Cos'è il greenwashingGreenwashing: cos’è e come contrastarlo

    Il greenwashing è una strategia comunicativa utilizzata dalle aziende con la quale si proclamano attente all’ambiente, nonostante non sia effettivamente così.

  • burro struccanteCome si usa il burro struccante e quali sono i trucchi per un corretto utilizzo

    Il burro struccante è un prodotto a base di oli e burri, utilizzato per rimuovere trucco e impurità. Applicabile su pelle asciutta o bagnata.

  • california assorbenti gratis scuolaCalifornia, approvata la legge per gli assorbenti gratis a scuola

    Una grande conquista per le ragazze californiane: una nuova legge garantisce per le studentesse assorbenti gratis nelle scuole dello Stato.

Contents.media