Studi Rai intitolati a Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi, l’Associazione Rai Bene Comune – IndigneRai ha proposto di intitolare al presentatore scomparso il Centro di produzione Rai di Roma.

Fabrizio Frizzi, recentemente scomparso, ha lasciato un vuoto incolmabile. L’Associazione Rai Bene Comune – IndigneRai ha proposto di intitolare al presentatore scomparso il Centro di produzione Rai di Roma. Questo omaggio è l’ennesima dimostrazione di quello che Fabrizio Frizzi ha trasmesso agli altri durante la sua vita.

L’omaggio a Fabrizio Frizzi

L’Associazione Rai Bene Comune – IndigneRai ha chiesto ai vertici di intitolare a Fabrizio Frizzi gli studi nei quali si svolge la trasmissione L’Eredità. L’Associazione dichiara: “Riteniamo opportuno che la RAI intitoli il centro di produzione DEAR in Roma a Fabrizio Frizzi. E’ doveroso farlo anche perché Frizzi condusse l’ultimo programma prima della chiusura per lavori degli studi televisivi DEAR, il programma si chiamava: “Vedi chi erano i Beatles” ed era stato fortemente voluto da Frizzi in quanto grande esperto e appassionato dei mitici Fab Four”.

Come non si può essere d’accordo con loro? Fabrizio Frizzi ha costruito la sua carriera tra i corridoi di questi studi ed è più che giusto mantenere vivo il suo ricordo. Gli studi Dear erano stati chiusi nel 2015 per lavori e riaperti proprio per il programma L’Eredità. Ora potrebbero essere intitolati proprio a quel presentatore che, con una semplicità disarmante, è entrato nelle case di milioni d’italiani facendo breccia nel loro cuore.

L’Associazione Rai Bene Comune sta battendo sul chiodo finché è caldo, come si suol dire, visto la decisione di intitolare il Teatro delle Vittorie a Bibi Ballandi, produttore di Ballando con le Stelle scomparso a febbraio. L’Associazione aggiunge: “Dopo l’incredibile e affrettata scelta della Dirigenza RAI di intitolare a Ballandi il Teatro delle Vittorie, e di cui speriamo in un ripensamento dell’attuale o della futura amministrazione, a maggior ragione crediamo sia necessario porgere l’ultimo e significativo omaggio ad un personaggio che merita di essere ricordato nel migliore dei modi e che tanto ha dato alla nostra RAI. A maggior ragione crediamo sia necessario porgere l’ultimo e significativo omaggio ad un personaggio che merita di essere ricordato nel migliore dei modi e che tanto ha dato alla nostra Rai”. Non possiamo che essere d’accordo con questa richiesta.

La conduzione de L’Eredità

Fabrizio Frizzi morto il 26 marzo scorso, ha lasciato al timone della sua trasmissione Carlo Conti. Lo stesso Conti, lunedì 3 aprile, durante la prima puntata de L’Eredità dopo la morte del collega, era commosso e affranto. Appena entrato in studio ha esclamato che avrebbe voluto essere in qualsiasi altro posto tranne che lì. Ma il mondo dello spettacolo va avanti e lui spera di saper rendere omaggio al suo grande amico. Ringrazia tutti quelli che lavorano alla trasmissione per essere stati vicini a Fabrizio negli ultimi momenti della sua vita, dopo di che fa entrare i concorrenti e inizia la trasmissione. The show must go on e Carlo Conti non poteva fare altrimenti.

Fabrizio Frizzi ha lasciato un vuoto che difficilmente potrà essere colmato, ma la richiesta fatta dall’Associazione Rai Bene Comune – IndigneRai rappresenta il volere di tutta l’Italia.

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Uomini e Donne: niente trono per Tina Cipollari?

Amadeus ricorda commosso Fabrizio Frizzi

Leggi anche
  • chi è samuelChi è Samuel: storia del frontman dei Subsonica

    In una band canta, in un’altra suona, un progetto è in italiano e uno in inglese. Ecco la carriera di Samuel, tra i Subsonica e i Motel Connection.

  • chi era matilde seraoChi era Matilde Serao: tutto sulla scrittrice italiana

    Con una lunga serie di novelle, saggi e romanzi e la partecipazione ad alcuni dei giornali più noti del paese è una delle penne più note del tempo.

  • davide toffolo senza mascheraDavide Toffolo senza maschera: com’è il volto del cantante?

    Com’è Davide Toffolo senza maschera? Trovare sue fotografie è pressoché impossibile.

  • chi è michelangelo buonarrotiChi era Michelangelo Buonarroti: vita dello scultore italiano

    Noto per aver realizzato progetti pittorici e scultori tra i più famosi di sempre come “Creazione di Adamo” nella Cappella Sistina e il “David”.

Contents.media