Premio Strega: cos’è, la sua storia e come funziona

Da 75 anni si fa promotore della cultura italiana attraverso la premiazione di un libro italiano: tutto sul Premio Strega.

Premio letterario completamente italiano che viene dato ogni anno a uno scrittore o a una scrittrice per un libro pubblicato: ecco cos’è, come funziona e come è nato il Premio Strega.

Premio Strega: cos’è e come funziona

Nel 2021 il Premio Strega terrà la sua 75esima edizione: è nato infatti nel 1947, nell’immediato dopoguerra, da un’idea dei produttori del Liquore Strega, Maria Bellonci e Guido Alberti.

Ad oggi è il premio letterario più importante d’Italia e ha contribuito alla diffusione di molte opere che sono diventate fondamentali per il panorama letterario. Tra di esse in particolar modo Il nome della Rosa di Umberto Eco e Il Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa.

L’obiettivo principale è quello di incentivare la cultura italiana e della narrativa italiana contemporanea dopo il ventennio fascista, dominato dalla censura.

Il vincitore viene scelto dagli Amici della domenica, ovvero un gruppo composto da 400 tra uomini e donne di cultura, tra cui anche ex vincitori.

Ogni componente di questo gruppo può segnalare, con il consenso dell’autore, un’opera che ritiene meriti di partecipare al concorso.

Il numero massimo di opere che possono competere per il Premio Strega è di 12. Tra di esse vengono scelte poi le 5 finaliste. In alcuni anni sono state scelte ben 6 opere finaliste.

I libri presi in considerazione sono quelli pubblicati tra il primo di marzo dell’anno precedente al concorso sino al 28 febbraio dell’anno in corso.

Il primo giovedì del mese di luglio, a Villa Giulia a Roma viene effettuata la votazione finale degli Amici della domenica per proclamare l’opera vincitrice. La scelta è trasmessa in diretta tv sui canali della Rai.

premio strega cos'è

Come ogni anno, anche nel 2021 si terrà la consueta edizione del Premio Strega. Gli Amici della domenica potranno presentare le loro proposte entro il 5 marzo e poi avverrà la scrematura che porterà prima ai 12 e poi ai 5 libri prescelti.

I vincitori

Il primo vincitore nel 1947 è stato Ennio Flaiano, con il libro Il tempo di uccidere. In questi 75 anni sono state 11 le donne che si sono accaparrate il Premio Strega. In ordine cronologico: Elsa Morante, Natalia Ginzburg, Anna Maria Ortese, Lalla Romano, Fausta Cialente, Maria Bellonci, Mariateresa Di Lascia, Dacia Mariani, Margaret Mazzantini, Melania Gaia Mazzucco ed Helena Janeczek.

Due scrittori hanno conquistato il premio per due volte. Si tratta di Paolo Volponi prima nel 1965 con La Macchina mondiale e poi nel 1991 con La strada per Roma e di Sandro Veronesi con Il colibrì e con Caos Calmo. Proprio nel 2006, accanto a Caos Calmo, anche la Costituzione della Repubblica Italiana ha ricevuto il Premio Strega onorario.

Il vincitore della 74esima edizione tenutasi nel 2020 è proprio Veronesi, fratello del regista Giovanni, con Il Colibrì, che nel 2019 era stato votato come “Libro dell’anno” dal Corriere della Sera.

Nel corso degli anni non sono mancate alcune polemiche che hanno interessato il Premio Strega, in particolar modo provenienti dal mondo della cultura e dell’editoria.

Scritto da Chiara Caporale
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chi è Daniele Dezi alias Orang3, il fidanzato di Gaia Gozzi

Chi è M.e.r.l.o.t: tutto sul giovane cantautore indie

Leggi anche
  • Nel contesto di una campagna di marketing in grado di garantire risultati soddisfacenti, vale la pena di prendere in esame l’idea di utilizzare delle magliette promozionali.Perché conviene usare le t-shirt personalizzate per promuovere un’azienda

    Usare magliette personalizzate conviene sempre: ecco dove stamparle e perché è importante per un’azienda.

  • amazon prime reading come funzionaAmazon Prime Reading: cos’è e come funziona

    Conoscete già Amazon Prime Reading? Per gli amanti della lettura è una funzionalità da non perdere: ecco cos’è e come funziona.

  • royal family vita tateLa vita delle tate della Royal Family, tra regole e uniformi

    Uniforme marrone, parole vietate e un’istruzione privilegiata: l’identik delle royal nannies che si prendono cura dei bambini reali del Regno Unito.

  • bumble come funzionaBumble: come funziona l’app d’incontri femminista

    Quando un’app dedicata agli incontri virtuali si fa portavoce del manifesto femminista: è il caso di Bumble, ma con un’unica eccezione.

Contents.media