Torna in edicola Postalmarket con in copertina Diletta Leotta

Torna in edicola Postalmarket, lo storico catalogo di successo negli anni '70 e '80 e sulla copertina di questo nuovo numero ci sarà Diletta Leotta.

Simbolo del boom economico del nostro paese e utilizzato per decenni da tutti gli italiani, il 23 Ottobre tornerà in edicola Postalmarket: come da tradizione sulla copertina ci sarà una testimonial d’eccezione, Diletta Leotta. Pochi giorni fa è stato aperto il sito web che supporterà il catalogo cartaceo, e le prime diecimila copie stampate sono già andate a ruba.

Dopo anni ormai che non se ne sentiva più parlare, Postalmarket torna nelle case degli italiani con 364 pagine di contenuti, e più di 25mila prodotti.

Il ritorno di Postalmarket

Nel 1959 l’imprenditrice milanese Anna Bonomi Bolchini fondava Postalmarket. Ispirata al modello americano, la rivista è a tutti gli effetti la madre dell’odierno commercio online. Il primo catalogo contava solo 48 pagine, venne distribuito in edicola e ottenne da subito un discreto successo.

Negli anni ’70 e ’80 Postalmarket raggiunse l’apice delle vendite, segnando così un’epoca. Abbigliamento e accessori, cura delle casa e del corpo, oggetti per il tempo libero e persino cibo: il catalogo con gli anni divenne sempre più fornito. Gli acquirenti sceglievano il prodotto d’interesse sul catalogo, per poi riceverlo per corrispondenza. Postalmarket proponeva tutti quei beni che le persone non trovavano nei normali negozi di paese.

Postalmarket stampava ogni anno due cataloghi: uno primavera/estate e l’altro autunno/inverno. Nel 1976 fu una delle prime aziende in Italia ad effettuare l’ordine dei prodotti per telefono. Per anni la vendita di articoli Made in Italy è stata fonte di orgoglio e successo del catalogo, insieme all’elevata qualità editoriale. Nel 2007 dopo diversi periodi di crisi si decise di chiudere Postalmarket. Successivamente nel 2009 abbiamo la fondazione di Postalmarket Revolution. L’obiettivo era quello di sviluppare l’area del commercio online ma anche questa realtà si chiuse, nel 2015. Finalmente 2020 arriva la buona notizia: il ritorno del catalogo, sia fisico che in digitale.

postalmarket diletta leotta

Le testimonial più famose, fino a Diletta Leotta

Postalmarket è stato per decenni un vero successo; la varietà degli articoli proposti si univa alla qualità dei suoi contenuti. Non solo catalogo, quella di Bonomi Bolchini era un rivista a tutti gli effetti, che dettava la moda del periodo. Grazie ai contenuti di Postalmarket anche chi viveva al di fuori delle grandi città riusciva a stare al passo con i tempi e la moda, prima dell’utilizzo di internet. Questo perché articoli e servizi fotografici accompagnavo la vendita dei prodotti, aggiornando i lettori sulle nuove tendenze (non solo italiane, ma dall’intero mondo della moda). Il tutto era incorniciato dalla copertina: proprio lì ogni edizione di Postalmarket mostrava l’icona di stile del momento.

Sono tantissimi i nomi delle donne che hanno posato per la prima pagina del catalogo, e alcune di loro sono ancora oggi celebrità nazionali (e non solo). Oltre a Monica Bellucci, Ornella Muti, Carla Bruni e le gemelle Kessler, la copertina di Postalmarket ha ospitato anche i volti delle internazionali Cindy Crawford, Linda Evangelista, Claudia Schiffer e tante altre ancora. Il volto scelto per il ritorno di Postalmarket in edicola è quello di Diletta Leotta, conduttrice televisiva e radiofonica.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chin cuff: cos’è il particolare gioiello indossato da Angelina Jolie

Chi è Catherine Deneuve: tutto sull’attrice francese

Leggi anche
  • simboli contro violenza donneDalle scarpe rosse alla panchina: tutti i simboli contro la violenza sulle donne

    Dalle scarpe rosse alle panchine che colorano le piazze: ecco quali sono tutti i simboli più conosciuti contro la violenza sulle donne.

  • cosa significa demigirlCosa significa Demigirl e perché è importante saperlo

    Cosa significa essere Demigirl: la definizione e l’importanza di saper distinguere l’identità di genere dall’orientamento sessuale di una persona.

  • Giampiero Galeazzi malattiaGiampiero Galeazzi malato da tempo: “Non ho il Parkinson, ma il diabete”

    “Non ho il Parkinson, ho problemi di diabete. La salute va su e giù, come sulle montagne russe”, aveva detto nel 2019 in una delle sue ultime apparizioni.

  • venezia top ginnastica ragazze 2Venezia, top di ginnastica vietato alle ragazze: “Distraggono i maschi”

    A Venezia ha fatto molto discutere la decisione di un’insegnante che ha vietato alle ragazze di indossare il top sportivo durante l’ora di ginnastica.

Contents.media