Chi era Pietro Mascagni: storia del direttore d’orchestra

Pietro Mascagni cavalca l'onda dei grandi direttori d'orchestra italiani che hanno fatto la storia tra le diverse tournée mondiali e le composizioni di successo.

Con “Cavalleria” ha ricevuto l’appellativo di compositore verista, ma il mondo lo conosce come grande direttore d’orchestra. Scopriamo insieme chi è Pietro Mascagni, protagonista dell’opera a cavallo tra XIX e XX secolo.

Chi era Pietro Mascagni

Pietro Antonio Stefano Mascagni (Livorno, 7 dicembre 1863 – Roma, 2 agosto 1945) è stato un compositore e direttore d’orchestra italiano.

Dopo gli studi al ginnasio accompagnati dalla passione per canto e pianoforte, decide di dedicarsi completamente alla musica.

Ha solo 17 anni quando realizza le sue prime composizioni di musica sacra tra cui la sinfonia in fa maggiore, Elegia per soprano, Ave Maria per soprano e pianoforte e il Pater Noster per soprano e archi. L’anno dopo, sul testo del noto Friedrich Schiller compone la cantata Alla gioia in quattro voci soliste.

chi è pietro mascagni

Nel 1882 parte per Milano dove inizia il Conservatorio conoscendo così nell’ambiente artistico Giacomo Puccini e Amilcare Ponchielli. Non ama particolarmente questo mondo e ben presto discute con il direttore che lo porta ad abbandonare l’istituto e per un po’ anche la musica.

I concorsi e il ritorno al musica

Dopo alcuni anni decide di inserirsi di nuovo nel mondo della musica e si iscrive ad un concorso indetto da Sonzogno per la creazione di un’opera in un singolo atto. Mascagni decide di utilizzare “Cavalleria rusticana” di Giovanni Verga e così vince il concorso debuttando a teatro. Il successo è clamoroso e ad ogi replica viene accolto con calore.

chi era pietro mascagni

Successivamente intraprende una collaborazione con l’editore Ricordi per stendere “Iris” insieme a Luigi Illica con cui realizza anche il progetto “Le maschere” per Sonzogno. Nel frattempo mantiene il lavoro di direttore d’orchestra dirigendo diversi concerti alla Scala eseguendo per la prima volta in Italia “Patetica” di Tchaikovsky.

Inizia nel 1899 delle tournée in tutta Europa e successivamente negli Stati Uniti in veste di direttore d’orchestra. Il progetto continua e gli viene offerta la direzione artistica del Teatro Costanzi, che non gli impedisce di proseguire i viaggi fino in Sud America.

Il successo consolidato e la sua particolarità artistica

Nel 1927, in occasione dei cento anni della morte di Ludwig Van Beethoven, si reca a Vienna in qualità di rappresentante dell’Italia. Successivamente riceve il premio insieme a nomi importanti tra cui Luigi Pirandello e Gabriele D’Annunzio durante l’inaugurazione della Reale Accademia d’Italia.

chi era pietro mascagni

Mascagni ha una propensione verso acuti e declamati nelle sue opere. Nei suoi primi lavori si percepisce uno stile fine ma decadente, simile alla poesia e pittura del tempo. Cavalleria, il suo più grande successo, lo porta spesso a essere definito un compositore verista.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chi è Sfera Ebbasta: tutto sul trapper italiano

Chi era George Méliès: tutto sul secondo padre del cinema

Leggi anche
  • chi era amedeo modiglianiChi era Amedeo Modigliani: storia del pittore italiano

    Si è formato in Italia, ma è sbocciato a Parigi e ha coltivato nella capitale francese la sua più grande passione: la pittura.

  • chi è michelle hunzikerChi è Michelle Hunziker: tutto sulla conduttrice televisiva

    Michelle Hunziker è una delle donne più brillanti della televisione italiana. Amata da tutti per il suo spiccato umorismo e la sua solarità.

  • chi era carlo betocchiChi era Carlo Betocchi: storia del poeta italiano

    Carlo Betocchi, il poeta piemontese dalla linea poetica distinta e particolare nel suo genere.

  • chi era edouard manetChi era Edouard Manet: storia del pittore francese

    Eduard Monet e il suo rapporto con la pittura tra passato, realismo e impressionismo.

Contents.media