Paolo Ferrari: morto il Presidente della Warner Bros Italia

Paolo Ferrari, storico Presidente della Warner Bros Entertainment Italia, è morto all'età di 85 anni

Paolo Ferrari, Presidente della Warner Bros Entertainment Italia, è morto all’età di 85 anni. Il mondo del cinema, sia italiano che internazionale, è in lutto per la perdita di un uomo che è stato definito “la forza motrice dell’industria cinematografica” del nostro Paese.

Paolo Ferrari è morto

Il mondo del cinema è in lutto per la perdita di Paolo Ferrari, storico presidente della Warner Bros Entertainment Italia. Produttore e imprenditore del cinema, ha lavorato per nomi famosi a livello mondiale come Metro Goldwyn Mayer, Columbia Pictures e Warner Bros. Nato il 26 gennaio del 1934, Ferrari si era ritirato dal mondo del lavoro nel 2012. La sua carriera era iniziata nel 1957 quando aveva iniziato a lavorare per la MGM Metro Goldwyn Mayer.

Successivamente era entrato a far parte della Columbia Pictures, per poi passare, nel 1989, alla Warner Bros. A partire dal 2007, Ferrari era stato nominato Presidente e Amministratore Delegato della Warner Bros Entertainment Italia. Come responsabile di tutte le attività svolte dalla Società in Italia, Paolo era riuscito a farsi conoscere e apprezzare da tutti i suoi colleghi. Barry Meyer, anche lui presidente della Warner Bros Entertainment, ha dichiarato: “Paolo Ferrari è stato la forza motrice dell’industrica cinematografica italiana con una carriera brillante e straordinaria durata cinque decadi”.

Le ultime parole di Ferrari

Paolo ha anche una sua voce all’interno dell’Enciclopedia Treccani. Si legge: “Manager italiano (n. Solero, Alessandria, 1934). Protagonista dell’industria cinematografica italiana, ha dato inizio a una carriera in continua ascesa nel 1957, entrando in Metro-Goldwyn-Mayer: nominato direttore commerciale nel 1965 e direttore generale nel 1969, è poi diventato amministratore unico della MGM. Dopo undici anni nella dirigenza di Columbia Pictures Italia (1978-89), nel 1989 ha fatto il suo ingresso in Warner Bros. Entertainment Italia SpA (come direttore generale per la divisione Pictures); ha lasciato l’azienda solo nel 2011, quando si è dimesso dalle cariche di presidente e amministratore delegato. Presidente di ANICA (Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive e Multimediali) dal 2006 al 2011, nel marzo del 2012 F. è subentrato a G. L. Rondi alla presidenza del Festival internazionale del film di Roma, carica dalla quale si è dimesso nel febbraio del 2015”. Ferrari, quando ha deciso di lasciare il lavoro per ritirarsi a vita privata, aveva dichiarato: “In ventuno anni, ho avuto il grande privilegio di condurre quello che io credo sia il team di eccellenza nel mondo dello spettacolo oggi. Mentre sto per iniziare un nuovo capitolo della mia vita, vorrei ringraziare tutti i miei colleghi, passati e presenti, che hanno reso questi anni alla Warner Bros. non solo così stimolanti, ma anche qualcosa di cui vado molto fiero”. Ferrari, anche nel congedarsi dal mondo del lavoro, aveva saputo mantenere l’eleganza che da sempre lo aveva contraddistinto.


Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Orlando Bloom e Katy Perry: tutto sul matrimonio dell’anno

Uomini e Donne, riassunto puntata 9 ottobre 2019

Leggi anche
  • Denise Pipitone, Piera Maggio a Chi l'ha vistoDenise Pipitone, Piera Maggio a Chi l’ha visto: “Dopo anni dovete parlare”

    Il caso Denise Pipitone è riapparso con alcuni elementi contro Jessica Pulizzi e la madre Anna Corona, Piera Maggio lancia l’appello “Fatevi avanti”.

  • test dello stupro indiaTest dello stupro in India: una barbarie ancora praticata

    Il test dello stupro o della verginità è ancora diffuso in Asia e viene utilizzato per stabilire la purezza di una donna.

  • donna incendia auto ex compagnoDonna incendia l’auto dell’ex compagno per gelosia

    A Mantova una donna di 55 anni ha bruciato l’auto dell’ex compagno: i motivi di questo folle gesto.

  • elisa di francisca violenzaElisa Di Francisca: “Sono sopravvissuta a una violenza”

    “Sono sopravvissuta alla violenza maschile. Forse lui mi avrebbe sfigurata” così la schermitrice Elisa Di Francisca racconta la violenza subita.

Contents.media