Pandemia e mutilazioni genitali: aumentano i casi sulle bambine

Nei Paesi del Terzo mondo i casi di mutilazioni genitali alle bambine sono sensibilmente aumentati con la pandemia di Coronavirus.

Secondo le stime sono circa 27 milioni le donne costrette a subire la pratica della mutilazione femminile: il fenomeno ha avuto un grave aumento, dopo un periodo di forte decrescita, dopo la pandemia di Coronavirus.

Bambine e mutilazioni genitali: cosa è cambiato con la pandemia

Quella della mutilazione genitale femminile è una piaga sociale che affligge da secoli alcune culture e Paesi del mondo. I dati sono sconvolgenti e riguardano soprattutto le bambine giovanissime, alle soglie della pubertà. Si tratta di un’età della vita in cui le bambine diventano donne e spesso sono costrette dalle famiglie ad unirsi in matrimoni precoci. Proprio l’infibulazione, ovvero la mutilazione dei genitali femminili, costituisce uno dei riti di passaggio verso l’età adulta delle donne.

Un rito che però è una vera e propria violenza e può portare a infezioni gravi e addirittura alla morte.

Nell’era del Covid tutto ciò si è acuito. In tutto il mondo la pandemia ha avuto gravi conseguenze soprattutto sulle donne: calo degli stipendi, perdita del lavoro, violenza domestica durante i mesi del lockdown. Il culmine della violenza di genere è proprio la mutilazione genitale femminile: anche questa pratica ha visto un picco durante e dopo il Coronavirus.

Sarebbero in pericolo circa due milioni di bambine, che a causa della crisi economica conseguente alla pandemia ha dovuto lasciare la scuola, tornando alla mercé delle proprie famiglie e delle loro volontà. Kenya, Somalia ed Egitto sono, secondo i dati, i Paesi nei quali avviene il maggior numero di mutilazioni genitali femminili: sono circa 27 milioni le donne nel mondo che sono state costrette a subirla.

Bambine e mutilazioni genitali, pandemia: il rapporto dell’Amref

Negli ultimi decenni la pratica della mutilazione genitale femminile è stata sensibilmente ridotta soprattutto grazie alla sensibilizzazione e alla lotta messa in atto dalle svariate associazioni a livello mondiale. L’Agenda ONU aveva stabilito come anno di raggiungimento del traguardo ‘zero MGF’ il 2030 ma la pandemia ha stravolto tutto. Anche secondo il rapporto dell’Amref Health Africa il Coronavirus ha rallentato il processo, ritardandolo di circa 2 anni. Ciò a causa del distanziamento sociale che mette in difficoltà il processo di sensibilizzazione ed empowerment femminile; a causa della chiusura delle scuole e quindi della permanenza a casa; a causa dell’aumento della povertà che ha aumentato il numero di matrimoni precoci. Anche i servizi di assistenza sanitaria e di reinserimento in comunità, molto utili per combattere la pratica della mutilazione, sono sensibilmente diminuiti con la pandemia.

mutilazioni

Bambine e mutilazioni genitali, pandemia: sensibilizzazione

La sensibilizzazione è uno degli strumenti più efficaci per prevenire la violenza di genere e quindi anche la mutilazione genitale femminile. Sono numerose le donne che si sono esposte per raccontare la propria storia e la propria esperienza. Una di esse è Ifrah Ahmed, l’attivista somala che ha subito essa stessa l’atroce pratica e lotta per combatterla attraverso le molteplici associazioni da lei fondate. Alla sua vita è ispirato il film del 2019 A Girl from Mogadishu.

LEGGI ANCHE: Violenza sulle donne e femminicidio: sensibilizzare è un dovere morale

Scritto da Megghi Pucciarelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Tendenze make-up estate 2021: i look e i prodotti top

Temptation Island, Natascia e Alessio: chi sono i due ragazzi?

Leggi anche
  • simboli contro violenza donneDalle scarpe rosse alla panchina: tutti i simboli contro la violenza sulle donne

    Dalle scarpe rosse alle panchine che colorano le piazze: ecco quali sono tutti i simboli più conosciuti contro la violenza sulle donne.

  • cosa significa demigirlCosa significa Demigirl e perché è importante saperlo

    Cosa significa essere Demigirl: la definizione e l’importanza di saper distinguere l’identità di genere dall’orientamento sessuale di una persona.

  • Giampiero Galeazzi malattiaGiampiero Galeazzi malato da tempo: “Non ho il Parkinson, ma il diabete”

    “Non ho il Parkinson, ho problemi di diabete. La salute va su e giù, come sulle montagne russe”, aveva detto nel 2019 in una delle sue ultime apparizioni.

  • venezia top ginnastica ragazze 2Venezia, top di ginnastica vietato alle ragazze: “Distraggono i maschi”

    A Venezia ha fatto molto discutere la decisione di un’insegnante che ha vietato alle ragazze di indossare il top sportivo durante l’ora di ginnastica.

Contents.media