idea per catturare la plastica negli oceani

E’ uno dei tanti problemi che affligge mari e oceani.
La presenza di plastica gettata e abbandonata in mare preoccupa le associazioni ambientaliste.

La plastica continua a galleggiare e diventa pericolosa per il sistema.

Sembra, però, che qualcuno sia riuscito a studiare un sistema per risolvere questo dannoso problema.

I meriti dell’invenzione devono essere riconosciuti a un diciannovenne olandese che, con il progetto chiamato the ocean cleanup, è convinto di riuscire dove altri, per anni, hanno fallito.

Il giovane intraprendente si chiama Boyan Slat e questo è il suo progetto.

Il punto di partenza è la giusta domanda posta nel modo giusto: “Perché dovremmo essere noi a muoverci tra i mari, se sono loro a muoversi verso di noi?”

Nel rispondersi, il diciannovenne ha progettato una serie di barriere fluttuanti che catturano passivamente i rifiuti mentre l’acqua ci passa attraverso.

Dopo 400 giorni e un dossier di 530 pagine sulla fattibilità del progetto, sembra che Ocean Clean Up possa proprio riuscire dove molti altri hanno fallito.

Scritto da Valeria Abate
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • NetflixNetflix blocca la condivisione di password e account

    L’aveva anticipato e sta avvenendo: Netflix sta attuando il blocco di condivisione di password e account, scatenando una serie di reazioni negative

  • MandrakeChi è Mandrake? Tutto sull’influencer brindisino

    Mandrake, nome d’arte di Giuseppe Ninno, è brindisino doc che ha conquistato il grande pubblico dei social grazie alla verità raccontata in chiave comica

  • Simone DominiciChi è Simone Dominici? Tutto sull’amministratore delegato di KIKO

    Il nuovo amministratore delegato di KIKO MILANO è Simone Dominici: uomo dalla carriera professionale ricca e importante, Dominici dimostra il suo talento

  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

Contentsads.com