Chi sono i Lavoratori dello Spettacolo, voce di protesta all’Ariston

I Lavoratori dello Spettacolo, la voce che parla a nome della delegazione artistica a fianco de Lo Stato Sociale a Sanremo 2021.

L’arrivo del Covid-19 è stato indubbiamente deleterio per numerosi lavoratori. Molti i settori colpiti e tra questi si dedica sempre poco spazio a chi è impegnato nel mondo dello spettacolo. Sì, perché sebbene la tv sia andata avanti il mondo del teatro e della musica non può esattamente dire lo stesso.

Per rompere il silenzio Lo Stato Sociale porta a Sanremo i Lavoratori dello Spettacolo.

Chi sono i Lavoratori dello Spettacolo

Non hanno bisogno di essere cercati all’anagrafe perché rappresentano numerose realtà nazionali. Lo Stato Sociale fa da megafono sul palco dell’Ariston alla delegazione di lavoratori di diverse categorie e professioni del mondo dello spettacolo. Numerose le voci di rappresentanza tra cui è noto il nome di Sergio Rubini.

Lo show è volto a raccontare una storia, quella di chi nell’ultimo anno ha avuto poca voce in capitolo.

Solo manifestazioni silenziose e pacate per un settore in ginocchio dall’inizio della pandemia. Un’esibizione che va oltre il canto, ma si preoccupa piuttosto di rappresentare delle emozioni attraverso “Non è per sempre” degli Afterhours.

Da Milano a Sanremo: una protesta lunga 300 km

Ad ottenere l’attenzione dei media è una protesta iniziata prima del duetto proposto dalla band italiana. Da tempo è in atto una discussione che vede protagoniste la televisione e i teatri, in particolar modo questi ultimi alla ricerca di pari diritti.

Per questo motivo, dopo mesi di silenzio, gli esponenti del settore hanno deciso di riunirsi e farsi ascoltare con una pedalata lunga 300 km.

chi sono i lavoratori dello spettacolo

Un viaggio diviso in sei tappe che parte da Milano e arriva fino a Sanremo per dare voce ai propri diritti davanti al simbolo del mondo dello spettacolo italiano. Un viaggio in bici che chiede cultura e che si unisce alle voci di chi su quel palco si espone a nome di tutti.

Un Sanremo diverso, in tutti i sensi…

A rendere la 71esima edizione di Sanremo particolare non è quindi solo la scelta degli artisti in gara, amati soprattutto dai giovani e il contesto sanitario difficile. Come già accennato è difficile trovare un giusto peso per la doppia misura televisione-teatro, che differiscono sotto molte forme ma che chiedono un trattamento simile.

chi sono i lavoratori dello spettacolo

Molto discussa è stata inizialmente la presenza del pubblico, che alla fine non presenzierà al Festival, che ha portato numerosi artisti ad esporsi a riguardo. Amadeus si è mostrato contrario all’assenza del pubblico, mentre il cantante Piero Pelù sostiene che un festival musicale possa funzionare anche senza ascoltatori presenti in sala. Che sia giusta l’una piuttosto che l’altra posizione, vedere un settore mobilitarsi ed esporsi è un grande traguardo.

Scritto da Alessandra Coman
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chi è Tommasa Giovannoni: tutto sulla moglie di Renato Brunetta

Chi è Manuel Agnelli: tutto sul cantautore e frontman degli Afterhours

Leggi anche
  • bianca nappi chi èChi è Bianca Nappi: curiosità e vita privata dell’attrice

    Carriera, vita privata e curiosità sull’attrice Bianca Nappi che interpreta il personaggio di Marietta nella serie “Le indagini di Lolita Lobosco”.

  • Daniele SIlvestri“Le cose in comune” di Daniele Silvestri: il testo e il significato

    Il testo e il significato del brano “Le cose in comune” di Daniele Silvestri, un connubio perfetto tra musica e parole.

  • chi è flavia pennettaChi è Flavia Pennetta: storia dell’ex tennista italiana

    Con numerosi traguardi sui più grandi campi da tennis del mondo, Flavia Pennetta è oggi considerata una delle più grandi tenniste nazionali.

  • chi è gianluigi donnarummaChi è Gianluigi Donnarumma: tutto sul calciatore italiano

    Classe 1999 e già una serie di traguardi spuntati sulla lista. Tutto sul grande portiere del Milan più giovane della storia.

Contents.media