Harry Potter: curiosità più belle e inaspettate dei film

Il fenomeno di fama mondiale, Harry Potter, nasconde alcune piccole curiosità che non tutti gli appassionati sanno, eccone 10.

Nel 1997 nasceva il fenomeno Harry Potter, che ha dato poi origine a una delle saghe più riuscite di sempre. Sette i libri e otto i film che hanno appassionato giovani e adulti di tutto il mondo ma ci sono delle piccole curiosità che anche i super fan della serie potrebbero non aver notato, eccone alcune.

Harry Potter, le curiosità

Anche i super appassionati della saga di Harry Potter potrebbero essersi persi questi dettagli. Quali sono le curiosità più strane della serie? Ne abbiamo selezionate 10.

1. Il numero 62442

Nel film “Harry Potter e l’ordine della Fenice” Arthur Weasley compone un determinato numero sulla tastiera del telefono per entrare al Ministero della Magia. Questo numero è “62442” che, nelle tastiere dei vecchi telefoni compone la parola “M-A-G-I-C“.

2. Piton, il professore di…chimica

Il personaggio del Professor Piton è stato pensato da J.K. Rowling basandosi su una persona da lei conosciuta nella realtà. Si tratta del suo professore di chimica del liceo!

3. L’approvazione di Stephen King

Il grande Stephen King ha recensito “Harry Potter e l’Ordine della Fenice” e, in particolare, ha definito la Umbridge, terribile professoressa di Difesa Contro le Arti Oscure, l’antagonista più riuscito dopo Hannibal Lecter.

4. Compleanni “casuali”

Il compleanno del protagonista, Harry Potter, è lo stesso giorno della scrittrice J.K. Rowling, il 31 luglio. Quello dei gemelli Weasley, Fred e George, che amano gli scherzi, è casualmente il 1 aprile.

5. Le recensioni imposte dal regista

Una curiosità riguarda Alfonso Cuaròn il regista di “Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban”. Prima di iniziare le riprese fece scrivere ai tre protagonisti Daniel Radcliffe, Emma Watson e Rupert Grint, un’analisi dei rispettivi personaggi interpretati. Radcliffe e Watson scrissero molte pagine mentre Grint non portò a termine il compito sostenendo che “Ron non l’avrebbe fatto!”.

6. Draco e gli attacchi di fame

Per girare “Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban” si è deciso di cucire le tasche del mantello di Tom Felton (Draco Malfoy) perché l’attore portava sempre cibo sul set.

7. Il bacio “comico”

Famosissima la scena del bacio tra Harry ed Hermione in “Harry Potter e i Doni della Morte” parte 1. Durante la scena il regista mandò via dal set Rupert Grint perché continuava a ridere disturbando le riprese.

8. Le morti più difficoltose

La Rowling all’inizio pensava di far morire Arthur Weasley in “Harry Potter e i Doni della Morte” ma alla fine scelse Remus Lupin. Il personaggio però più difficile da sacrificare, per la scrittrice, è stato Fred Weasley.

9. Titoli alternativi

Per l’ultimo libro della saga la Rowling aveva pensato ad alcuni titoli alternativi: “Harry Potter e l’antica bacchetta” e “Harry Potter e la ricerca di Peverell”. Alla fine, come sappiamo, decise per Harry Potter e i Doni della Morte.

10. Problemi di alcolismo

Daniel Radcliffe in un’intervista ha dichiarato: “Quando stavano finendo la realizzazione dell’ultimo film di Harry Potter, ho iniziato a bere. Anche subito dopo le riprese, ero nel panico. Non sapevo cosa sarei riuscito a fare dopo, era come se non mi sentissi abbastanza a mio agio con me stesso per restare sobrio”.

Leggi anche: Cosa guardare su Netflix a novembre 2020: le nuove uscite

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Bari, un prof universitario: “Le donne non possono fare le giudici”

Chi è Joe Biden: tutto sul presidente degli Stati Uniti

Leggi anche
  • Crossdressing uomini eteroCrossdressing, perché uomini etero si sentono bene con abiti femminili

    L’abbigliamento è sempre più gender fluid e uomini etero che preferiscono vestirsi da donna ne sono l’esempio, sono i crossdresser.

  • Gender fluid chi sonoGenerazione Z, gender fluid e sognatrice: chi sono gli adolescenti oggi

    Sono impauriti dal futuro ma non si tirano indietro e cercano di cambiare il mondo: chi sono i ragazzi della Generazione Z?

  • mamme donne realizzateNon è vero che le donne si sentono realizzate solo con la maternità

    Le donne solo se mamme, secondo l’opinabile parere dell’europarlamentare Antonio Tajani, acquisirebbero la loro realizzazione.

  • astrazeneca donneAstrazeneca, Antonella Viola: “Non per le donne sotto i 60 anni, è rischioso”

    Il dibattito sulla differenza di genere rimane aperto anche in tema vaccini dopo il parere dell’immunologa Antonella Viola secondo cui Astrazeneca non andrebbe somministrato sulle donne al di sotto dei sessant’anni.

Contents.media