Giorno di ricordo delle foibe: una tragedia che non si dimentica

Dal 10 febbraio 2004 l'Italia si raccoglie per ricordare il giorno di ricordo delle foibe, perché cose simili non capitino più.

La seconda guerra mondiale, come qualsiasi conflitto d’altronde, ha portato con sé numerose tragedie. Noto a tutti, per esempio, il genocidio ebraico, che ancora oggi rimane una cicatrice dolorosa. Meno conosciuta, ma che necessita delle stesse attenzioni, la tragedia della regione del Carso.

Dedichiamoci qualche minuto per onorare il giorno di ricordo delle foibe.

Giorno di ricordo delle foibe, di cosa si tratta?

È doveroso innanzitutto introdurre il fenomeno per comprendere meglio cosa sono state le foibe. Con questo termine si definiscono delle cavità naturali, solitamente di una profondità di qualche centinaia di metri, situate nella regione del Carso. Durante il periodo del regime fascista vengono compiuti in queste zone di confine e di conflitto tra attuale Italia, Slovenia e Croazia, dei massacri contro la popolazione italiana.

giorno di memoria delle foibe

Per ordine del governo comunista di Tito in Jugoslavia, i partigiani filo sovietici, dovevano occuparsi degli italiani, considerati tutti fascisti e anticomunisti. Gli uomini a servizio del maresciallo, torturavano gli uomini della penisola che vivevano in Istria e Dalmazia e in seguito li gettavano in queste fosse naturali, le foibe.

La fine della tragedia e l’istituzione della memoria

Queste barbarie non sono definibili in termini numerici, gli storici parlano anche di oltre diecimila persone morte in questo modo. Le ragioni si trovano naturalmente nell’insoddisfazione delle città di confine tra stati che rivendicano i propri territori. Si riesce infatti a trovare una soluzione pacifica solo con il trattato di pace di Parigi del 10 febbraio 1947 che definisce una volta per tutte quali città appartengono all’Italia e quali alla Jugoslavia.

In onore di questa giornata, nel 2004, il deputato Roberto Menia istituisce il giorno di ricordo delle foibe con la volontà di

«conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale».

Le azioni e i momenti per non dimenticare

L’introduzione di questa giornata vuole essere un invito a conoscere e non dimenticare la storia. Come solito nella celebrazione di queste giornate si chiede un minuto di silenzio e riflessione. Alcuni enti si impegnano anche ad organizzare momenti celebrativi e in parlamento si svolgono cerimonie per questa giornata.

giorno di memoria delle foibe

La volontà di diffondere consapevolezza è fondamentale a partire dall’ambiente scolastico, che attraverso la conoscenza può evitare che azioni simili si ripetano. Può essere utile, per avere un’idea più approfondita dell’argomento, consultare dei testi che lo presentino con cura e dei documentari che, attraverso le immagini, rendano ancora più espliciti i concetti.

LEGGI ANCHE: Chi era Robert Capa: storia del grande fotografo di guerra

Scritto da Alessandra Coman
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chi è Ylenia Demeo, la ragazza violentata da Genovese

Mangiare sano: i consigli per dimagrire in modo equilibrato

Leggi anche
  • nuove abitudini adolescenti covidNuove abitudini degli adolescenti nell’era Covid: cybersex e solitudine

    Tra solitudine e social network, gli adolescenti hanno cambiato le loro abitudini con l’inizio della pandemia e ora una ricerca ne svela i risultati.

  • colombia cosa succedeCosa succede in Colombia: il Paese sudamericano protesta contro la riforma fiscale

    L’economia colombiana, già in declino da tempo, stava per subire un’ultima batosta finale con la riforma fiscale proposta dal Presidente Iván Duque Márquez che ha causato scontri e misure repressive.

  • omotransfobia legge zanOmotransfobia e legge Zan, cos’è e perché è importante parlarne

    La legge Zan contro l’omotransfobia, misoginia e abilismo è stata da poco calendarizzata in Senato, cosa prevede e quali critiche ha riscosso?

  • Denise Pipitone, Piera Maggio a Chi l'ha vistoDenise Pipitone, Piera Maggio a Chi l’ha visto: “Dopo anni dovete parlare”

    Il caso Denise Pipitone è riapparso con alcuni elementi contro Jessica Pulizzi e la madre Anna Corona, Piera Maggio lancia l’appello “Fatevi avanti”.

Contents.media