Georgette Polizzi torna in ospedale per la prima terapia

Georgette Polizzi è pronta a cominciare l'ennesima battaglia contro la scleorosi e promette di raccontare il suo percorso ai follower.

Georgette Polizzi è pronta a scrivere un altro capitolo della sua difficile battaglia contro la sclerosi multipla. L’ex tentatrice di Temptation Island ha comunicato ai fan che è intenzionata a seguire un percorso terapeutico innovativo e ancora in fase di sperimentazione. Dopo “averne sentite di tutti i colori” negli ultimi due mesi, ha deciso di provare sulla sua pelle i progressi della medicina nel campo della lotta alla sclerosi e ha promesso ai propri follower di fare un racconto puntuale di ogni dettaglio che riguardi la guarigione o gli effetti collaterali.

La malattia di Georgette Polizzi

Dopo essere stata costretta a tornare a casa in carrozza come una vera Cenerentola, Georgette Polizzi ha concentrato tutte le proprie forze nel riprendere rapidamente l’utilizzo di tutti e quattro gli arti, ma soprattutto delle gambe.

Fin dal periodo del suo ricovero in un ospedale di Perugia, la Polizzi dimostrò una volontà ferrea e una grandissima determinazione a migliorare. Gli allenamenti costanti e la riabilitazione a cui si sottopose con grande rigore le permisero di raggiungere risultati eccezionali, anche a detta dei medici che seguivano il suo caso, i quali non credevano che Georgette sarebbe tornata a muovere i primi passi a pochissimi giorni dalla diagnosi della malattia e dall’essere rimasta immobilizzata dalla vita in giù.

Una volta tornata a casa, Georgette ha potuto ricominciare a dedicarsi al lavoro quasi a tempo pieno, ma anche tornando a lavorare ha trovato il modo di impiegare la propria creatività a favore di tutti coloro che sono affetti da sclerosi: ha creato una maglietta con il suo motto contro la malattia e le vendite del capo saranno destinate al sostegno della ricerca.

La prima terapia

Trascorse ormai diverse settimane dalla sua uscita dall’ospedale, Georgette è pronta a cominciare il primo ciclo della nuova terapia farmacologica che i medici le hanno proposto di seguire.

Si tratta di una terapia ancora in fase sperimentale: vuol dire che non si può fornire una certezza assoluta in merito ai risultati che assicurerà. Sembra inoltre che gli effetti collaterali potrebbero essere difficili da sopportare anche per una persona forte e ottimista come Georgette. Nonostante il fatto che sia un po’ spaventata proprio dalle conseguenze collaterali della terapia, Georgette ha deciso di riporre massima fiducia nella scienza e di mettere la sua situazione clinica ancora una volta nelle mani dei medici.

Le prime informazioni sul farmaco che Georgette si prepara ad assumere sono state fornite da lei stessa:

È un farmaco nuovo in commercio che si chiama: Ocrelizumab che è un anticorpo monoclonale umanizzato, progettato per agire in maniera selettiva nei confronti delle cellule B CD20+,u n tipo specifico di cellule immunitarie considerate tra le principali responsabili del danno alla mielina e all’assone che nella sclerosi multipla determina disabilità. I dottori mi hanno elencato gli effetti collaterali e lo ammetto un pochino di paura c’è! Ma ho deciso che vi racconterò il mio percorso, nel bene e nel male! Perché in questi 2 mesi ne ho sentite tante, forse troppe a riguardo!

Il matrimonio con Davide Tresse

La preoccupazione principale di Georgette è probabilmente quella di riuscire ad arrivare in buone condizioni al matrimonio con Davide Tresse che, a quanto pare, sarà celebrato tra non troppo tempo. Il ragazzo, che le è sempre rimasto accanto nelle difficilissime settimane della scoperta della malattia, ha tutta l’intenzione di rimanere con lei per tutta la vita, anche se Georgette dovesse rimanere “in carrozza”.

Scritto da Olga Luce
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Amy Winehouse anniversario morte: 7 curiosità per ricordarla

Chi è Tina Kunakey, modella e moglie di Vincent Cassel

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.