Freddie Mercury e Saddam Hussein: i nuovi volti di Sacha Baron Cohen

Una svolta di carriera niente male per Sacha Baron Cohen, che dopo essersi fatto conoscere in tutto il mondo per le commedie dissacranti e al limite della volgarità come Borat e Bruno, si prepara a due film molto più impegnativi che arriveranno nelle sale nel 2012.

Il primo riguarda uno dei più grandi artisti della storia della musica: Sacha interpreterà Freddie Mercury nel film che ripercorre la carriera dei Queen. Se ne parla da alcuni anni, e ora il progetto sta per diventare realtà: sul sito ufficiale Brian May e Roger Taylor scrivono che il film diretto da Peter Morgan uscirà nell’autunno 2012 e ripercorrerà la storia della band dagli esordi al Live Aid del 1985.

E’ atteso invece per maggio 2012 il ritorno della crew di Borat – incluso il regista Larry Charles – per The Dictator, film ispirato alla figura di Saddam Hussein e tratto dal romanzo Zabibah and the King, scritto (pare) dallo stesso dittatore iracheno.

Qui sotto alcune foto dell’attore (clicca sulle immagini per ingrandirle).

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • NetflixNetflix blocca la condivisione di password e account

    L’aveva anticipato e sta avvenendo: Netflix sta attuando il blocco di condivisione di password e account, scatenando una serie di reazioni negative

  • MandrakeChi è Mandrake? Tutto sull’influencer brindisino

    Mandrake, nome d’arte di Giuseppe Ninno, è brindisino doc che ha conquistato il grande pubblico dei social grazie alla verità raccontata in chiave comica

  • Simone DominiciChi è Simone Dominici? Tutto sull’amministratore delegato di KIKO

    Il nuovo amministratore delegato di KIKO MILANO è Simone Dominici: uomo dalla carriera professionale ricca e importante, Dominici dimostra il suo talento

  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

Contentsads.com