First Lady, look di insediamento: la classifica degli americani

La classifica dei look più amati di sempre scelti dalle First Ladu per l'insediamento: Jill Biden è al quarto posto.

Joe Biden è il 46° Presidente degli Stati Uniti d’America. La cerimonia di insediamento alla Casa Bianca, diversa rispetto agli altri anni a causa dell’emergenza Coronavirus, ha visto la presenza di molte ex First Lady. L’attenzione è stata rivolta soprattutto ai look: l’outfit di Jill non ha riscosso grande successo.

First Lady: il look di insediamento

Jill Biden è la nuova First Lady. Molto diversa da Melania Trump, è sempre stata al fianco dell’adorato marito Joe fin dall’inizio della campagna elettorale. Per la cerimonia di insediamento, ha sfoggiato un cappotto in tweed turchese con i reverse e i polsini in velluto, abbinato a guanti e pochette della stessa nuance. Firmato Markarian, griffe newyorkese disegnata dalla stilista Alexandra O’Neill, Jill ha preferito sostenere una designer americana, dettaglio che non è passato inosservato.

Il motivo è presto detto: il nuovo Presidente Usa e la sua dolce metà intendono supportare le piccole aziende del Paese. L’unico dettaglio di lusso della nuova First Lady sono le scarpe, le “Love” pump di Jimmy Choo.

Così come avvenuto per il look del marito Joe, anche il colore dell’abito di Jill ha un significato specifico. L’azienda Markarian, in un comunicato stampa, ha dichiarato: “Il colore blu è stato voluto per trasmettere fiducia, sicurezza e stabilità”.

Nonostante la motivazione, però, l’outfit di insediamento non è piaciuto agli americani. Non a caso, secondo un sondaggio condotto su un campione di quasi 4000 fashion addicted da OnBuy Clothes la nuova First Lady ha conquistato solo il quarto posto.

Jill Biden

La classifica dei look

La classifica di OnBuy Clothes parla chiaro: Jill Biden non ha fatto breccia nel cuore delle fashioniste americane. Il suo abito firmato Markarian è stato messo a confronto con i look di quante l’hanno preceduta e ha conquistato solo il quarto posto. Per uno strano scherzo del destino, la moglie di Joe è a pari merito con Melania Trump.

Al primo posto, con il 64% dei voti, troviamo Michelle Obama (per l’insediamento di Biden ha sfoggiato un bellissimo look vinaccia), mentre al secondo Hillary Clinton, con il 55% delle preferenze. Terza posizione per la bellissima Jackie Kennedy (41%), una vera e propria icona della moda. Nel 1961, il look scelto per l’insediamento lasciò il mondo intero con la bocca spalancata: un abito chiffon di seta senza maniche, color bianco sporco, con un corpetto senza spalline ricamato con fili d’argento.

Al quarto posto abbiamo Jill Biden e Melania Trump, che hanno ottenuto entrambe il 40% delle preferenze. Lou Hoover, First Lady dal 1929 al 1933, ha ottenuto un magro 7%, mentre Barbara Bush il 5%. L’ultima classificata, con lo 0% dei voti, è stata Elizabeth Truman.

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chi era Sandro Penna: vita del poeta italiano

Chi è Matteo Pisano: tutto sul concorrente de La Pupa e il Secchione

Leggi anche
  • kasia lenhardt morta indagato boatengKasia Lenhardt trovata morta in casa: indagato Boateng per violenza

    Jerome Boateng è indagato per violenza fisica sull’ex fidanzata e modella Kasia Lenhardt, trovata morta suicida lo scorso 9 febbraio.

  • francia assorbenti gratisFrancia, assorbenti gratis da settembre per tutte le studentesse

    Con l’avvio del nuovo anno scolastico, migliaia di studentesse francesi troveranno assorbenti gratis nelle università e residenze studentesche.

  • donne dirigenti nel mondoDonne dirigenti nel mondo: nel 2021 in aumento ma non in Italia

    I risultati emersi dalla ricerca “Women in business 2021” parlano chiaro: le donne dirigenti sono in aumento ma rimangono ancora troppo poche.

  • Eldina Jaganjac chi èChi è Eldina Jaganjac, la ragazza che ha sfidato i canoni di bellezza

    La trentunenne danese Eldina Jaganjac dal marzo 2020 ha smesso di depilarsi e invita tutte le donne a liberarsi dalle costrizioni sociali.

Contents.media