Dichiarazione dei diritti umani, qual è stato il ruolo delle donne

La Dichiarazione dei Diritti Umani ha tra i suoi redattori molte donne, ognuna di esse ha contribuito a gettare le basi per la parità di genere.

Il 10 dicembre si festeggia la Giornata Mondiale dei Diritti Umani che ha l’obiettivo di diffondere i valori di democrazia, diversità e tolleranza, in pochi sanno però il ruolo che le donne hanno avuto nell’affermazione di tali valori.

Donne incredibili e di diverse etnie hanno identificato e sostenuto i diritti anche del genere femminile e a loro dobbiamo questa conquista che vale ancora oggi.

Diritti umani, il ruolo delle donne

Libertà, giustizia e pace nel mondo, questi i principali diritti che consideriamo fondamentali per tutti gli uomini e per i quali molte minoranze stanno lottando ancora oggi. L’istituzione della Giornata mondiale dei Diritti Umani ha le sue origini nel 10 dicembre 1948, quando, a Parigi, all’indomani della Seconda Guerra Mondiale, si sono riuniti rappresentanti provenienti da tutto il mondo per stilare un documento che sancisse quali fossero i diritti inalienabili delle persone.

Votarono a favore 48 membri su 58, nessun paese si dichiarò contrario, e ne emerse la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) che sarebbe dovuta essere applicata in tutti gli stati membri delle Nazioni Unite. Questa è la vicenda universalmente conosciuta, ma quello di cui sentiamo parlare meno è il ruolo fondamentale che ebbero le donne. Donne di diverse etnie furono incaricate di identificare e difendere i diritti di tutto il genere femminile perché apparissero esplicitamente nel testo grazie sia a modifiche del lessico preesistente che si riferiva esclusivamente agli uomini e sia grazie all’inserimento di articoli specifici.

Leggi anche: Equal Pay Day, le donne continuano a guadagnare meno degli uomini

In una posizione centrale tra queste grandi donne, le pioniere della DUDU, c’era Eleanor Roosevelt, moglie dell’ex presidente che da poco aveva terminato il suo mandato. Proprio grazie alla notorietà di cui godeva, Eleanor ha diretto il processo di scrittura del documento ed è stata scelta come delegata all’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Un’altra grande personalità è stata Hansa Mehta un’attivista per i diritti delle donne indiana a cui è stata accreditata la frase “Tutti gli uomini nascono liberi ed uguali dall’articolo 1. La pakistana Begum Shaista Ikramullah poi, a cui premeva risolvere la piaga dei matrimoni forzati, sottolineò l’importanza della parità di diritti nel matrimonio, mentre la francese Marie-Hélène Lefaucheux sostenne la proposta di aggiungere all’articolo 2 di una menzione della non discriminazione basata sul sesso. La parità di retribuzione delle donne, sebbene non ancora totalmente raggiunta, è stata oggetto della battaglia di Evdokia Uralova della Repubblica Socialista Sovietica Bielorussa e Fryderyka Kalinowska dalla Polonia ed Elizavieta Popova dall’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche sono riuscite a includere i diritti delle persone nei territori non autonomi.

La diplomatica della Repubblica Dominicana Minerva Bernardino, è stata, con due altre donne latine Bertha Lutz dal Brasile e Isabel de Vidal dall’Uruguay, responsabile dell’inclusione dei diritti delle donne e della non discriminazione in base al sesso presenti nella Dichiarazione dei Diritti Umani. Queste tre donne, coadiuvate da molte altre, si sono fatte carico della tutela e della difesa delle donne di tutto il mondo, di quelle presenti e delle generazioni a venire, per far sì che, almeno sulla carta, e in un tempo non troppo lontano anche nella realtà, si realizzi la tanto agognata parità di genere.

Leggi anche: Forbes stila la classifica delle 100 donne più influenti al mondo del 2020

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Come abbinare gli stivali alti sopra il ginocchio: i consigli

Maschera capelli fai da te per capelli grassi: le ricette efficaci

Leggi anche
  • Crossdressing uomini eteroCrossdressing, perché uomini etero si sentono bene con abiti femminili

    L’abbigliamento è sempre più gender fluid e uomini etero che preferiscono vestirsi da donna ne sono l’esempio, sono i crossdresser.

  • Gender fluid chi sonoGenerazione Z, gender fluid e sognatrice: chi sono gli adolescenti oggi

    Sono impauriti dal futuro ma non si tirano indietro e cercano di cambiare il mondo: chi sono i ragazzi della Generazione Z?

  • mamme donne realizzateNon è vero che le donne si sentono realizzate solo con la maternità

    Le donne solo se mamme, secondo l’opinabile parere dell’europarlamentare Antonio Tajani, acquisirebbero la loro realizzazione.

  • astrazeneca donneAstrazeneca, Antonella Viola: “Non per le donne sotto i 60 anni, è rischioso”

    Il dibattito sulla differenza di genere rimane aperto anche in tema vaccini dopo il parere dell’immunologa Antonella Viola secondo cui Astrazeneca non andrebbe somministrato sulle donne al di sotto dei sessant’anni.

Contents.media