Celiachia: tutti i consigli per vivere bene e serenamente

La celiachia è un disturbo molto diffuso, scopriamo come vivere senza farsi condizionare la vita da questa patologia

La celiachia è una malattia molto diffusa che colpisce una grande fetta della popolazione, vediamo alcuni consigli per vivere senza che questa patologia comprometta la routine quotidiana.

Cosa mangiare fuori casa

La celiachia è una malattia cronica, determinata geneticamente, per la quale il soggetto che ne soffre non può ingerire il glutine, una proteina presente nei cereali.

Una dieta così strutturata deve essere seguita per tutta la vita perchè non si può guarire da questo disturbo, però esistono dei cibi alternativi da consumare, si tratta degli alimenti “senza glutine“. Dal 2014 l’Unione Europea ha stabilito che sulle confezioni dei prodotti privi di questa proteina deve essere riportata la dicitura “gluten free“, in questo modo i consumatori riescono a fare una scelta più consapevole ed i celiaci non corrono rischi nel consumare questo tipo di prodotti.

Anche i ristoranti ed i bar si sono adeguati a ciò, sempre più spesso, nel menù vengono riportati tutti gli allergeni presenti nei cibi, inoltre c’è sempre una sessione dello stesso dedicata ai celiaci. Il locale che ha fatto una scelta di questo genere deve avere una parte della cucina, compresi forni ed utensili, da usare solo per la preparazione di questi alimenti, per evitare che ci siano contaminazioni. Se il locale non dovesse avere un menù di questo tipo i celiaci possono ordinare, per andare sul sicuro, alcuni alimenti che sono naturalmente privi di glutine:

  • Carne, da preferire quella cotta in modo semplice, ad esempio arrosto, priva d salse o impanture;
  • Pesce, anche in questo caso, come per la carne, si consigliano le ricette non troppo eleborate per evitare la presenza di farina, che si usa molto spesso in cucina;
  • Verdure, le più indicate sono: insalata, patate e funghi;
  • Legumi come ceci, fagioli o lenticchie, da consumare in una zuppa o in un’insalata;
  • Uova, è un alimento totalmente privo di glutine.

Come risparmiare sui prodotti per celiaci

I soggetti malati di celiachia dal 2006 possono fare richiesta di un buono per acquistare alimenti senza glutine nelle: farmacie, parafarmacie o nei negozi convenzionati. Viene erogato dalla ASL mensilmente, dopo aver presentato la documentazione che attesta la malattia. Il suo importo varia a seconda dell’età del soggetto ed anche da regione a regione, in quanto annualmente, si stanziano dei soldi in questo senso. Il buono ha una cifra stimata in modo tale che sia sufficiente per l’acquisto di tutti gli alimenti che un soggetto celiaco ha bisogno in un mese ma spesso non basta.

Un consiglio è quello di non impegarlo per acquistare esclusivamente prodotti finiti e raffinati come: pizze congelate e dolci. Dedicarsi più a: panini, pasta e soprattutto farina, questa ha un prezzo non molto elevato e può essere impiegata per fare delle ricette casalinghe più buone e salutari. Si ricorda che si può aggiungere il cioccolato alle preparazioni dolci perchè non contiene glutine, così come il latte e i suoi derivati, come la mozzarella, da addizionare, a piacere alle pizze salate.

Quando bisogna integrare la spesa con prodotti comprati al supermercato, la spesa può essere anche molto alta ma, negli ultimi anni sempre più marche hanno deciso di dedicare una linea al senza glutine, in questo modo, aumentando la scelta, i prezzi si sono ridotti. Anche nei supermercati low cost, c’è una sessione dedicata a prodotti gluten free, questo è un altro modo per risparmiare. Quest’ ultima soluzione è utile per chi ha una sensibilità al glutine cioè ha dei disturbi provocati dall’assunzione dello stesso, ma non ha una vera e propria celiachia conclamata, in questo caso, non avrà diritto al buono erogato dallo stato e dovrà acquistare integralmente a suo carico i cibi di questo tipo.

Tutti i cibi da evitare con la celiachia

Il glutine, nei soggetti affetti da celiachia irrita il tratto intestinale determinando la comparsa di diversi sintomi, quello più comune è la diarrea ma, a volte si associa, a manifestazioni cutanee che prendono il nome di dermatite erpetiforme. Questi sintomi spariscono quando non si consumano più cereali in particolare i “colpevoli” sono il grano, orzo e segale presenti nelle farine alimentari. E’ importante eliminare completamente questi prodotti dalla propria routine, se si è celiaci, perchè potrebbero creare davvero molti problemi, il primo dei quali è l’appiattimento dei villi intestinali, che comporta una riduzione dell’assorbimento di nutrienti. Gli alimenti da evitare totalmente sono:

  • la pasta, quella a base di grano;
  • la pizza, se è impastata con farina zero o doppio zero;
  • il pane, se è a base di cereali;
  • i dolci, quelli con pan di spagna e mille foglie, possono essere assunti invece quelli al cucchiaio fatti con creme e mousse che utilizzano come addensante un agente alternativo alla farina;
  • non dimenticate che il glutine è presente anche nella birra.
Scritto da Karen Angelucci
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Gf Vip, il vincitore: Giulia De Lellis è la favorita

Detox: tutti i prodotti fondamentali da acquistare

Leggi anche
  • come sbiancare i dentiCome sbiancare i denti direttamente a casa

    Come sbiancare i denti per un sorriso splendente è possibile grazie al miglior prodotto in circolazione a base di rimedi naturali.

  • come togliere un tatuaggioCome togliere un tatuaggio con rimedi naturali

    Come togliere un tatuaggio è possibile senza spendere cifre esorbitanti, grazie a una crema a copertura totale.

  • slip mestruali cosa sonoSlip mestruali, l’alternativa green per il ciclo: cosa sono?

    Dopo coppette mestruali e dischi, arriva un’altra alternativa green per sostituire gli assorbenti usa e getta, ma ne vale davvero la pena?

  • crioterapia a cosa serveCrioterapia: a cosa serve, come funziona e quali benefici apporta

    Tutto quello che c’è da sapere sulla crioterapia, la terapia che sfrutta i benefici del freddo.

Contents.media