Blake Lively è la donna più desiderabile del 2011

Il magazine Askmen incorona Blake Lively, star del telefilm ‘Gossip girl’, la donna più desiderabile del 2011. Scopri tutto su Blogosfere Spettacoli

Mettetela come vi pare, ma a me queste classifiche sembrano un po’ tutte uguali: che sia donna più bella, donna più sexy, donna più hot, donna più hard e così via, dicono tutte in pratica la stessa cosa.

Ora spunta anche la donna più desiderabile, che secondo il magazine Askmen una delle protagoniste della serie tv Gossip girl. Trattasi di Blake Lively, alias Serena Van Der Woodsen. La giovanissima attrice (appena 23 anni) ha ottenuto 5 milioni di voti nel sondaggio online del sito, battendo illustri colleghe del calibro di Scarlett Johannson e Katy Perry.

Sul podio della classifica la Lively è in ottima compagnia: in seconda posizione l’attrice Mila Kunis, ex moglie di Macaulay Culkin e coprotagonista in Black swan, e al terzo posto l’attrice e modella Sofia Vergara, che è stata madrina dell’ultimo Super Bowl.

Qui sotto alcune foto di Blake Lively (clicca sulle immagini per ingrandirle).

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • NetflixNetflix blocca la condivisione di password e account

    L’aveva anticipato e sta avvenendo: Netflix sta attuando il blocco di condivisione di password e account, scatenando una serie di reazioni negative

  • MandrakeChi è Mandrake? Tutto sull’influencer brindisino

    Mandrake, nome d’arte di Giuseppe Ninno, è brindisino doc che ha conquistato il grande pubblico dei social grazie alla verità raccontata in chiave comica

  • Simone DominiciChi è Simone Dominici? Tutto sull’amministratore delegato di KIKO

    Il nuovo amministratore delegato di KIKO MILANO è Simone Dominici: uomo dalla carriera professionale ricca e importante, Dominici dimostra il suo talento

  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

Contentsads.com