Coronavirus, aumento richiesta di divorzio dopo il lockdown: i dati

Boom di richiesta di divorzio e di chiamate ai centri antiviolenza: il lockdown ha avuto effetti non trascurabili anche sui nuclei familiari.

Moltissime le ripercussioni del Covid anche sul lato psicologico degli individui. Nel campo familiare poi, il lockdown ha indotto convivenze forzate che si sono tramutate nei casi peggiori in un aumento delle violenze domestiche e, nei casi minori, in un boom di divorzi.

Per quanto riguarda quest’ultimo fenomeno, nel 2020 i dati parlano di una crescita di richieste del 60%.

Lockdown: aumento di richiesta di divorzio

L’Associazione nazionale di divorzisti parla chiaro: nel 2020 c’è stato un aumento delle richieste di divorzio del 60% rispetto al 2019, e, per buona parte delle richieste la causa risiede nella convivenza forzata a cui sono state obbligate le coppie. Nel 40% dei casi il motivo era, più specificatamente, per infedeltà coniugale, anche virtuale, e questo secondo gli avvocati perché con le restrizioni per Covid sarebbe stato più difficile per il coniuge infedele nascondere al partner la doppia vita che si conduceva fino a poco tempo prima.

Sembra quindi che questa situazione abbia fatto esplodere tensioni già latenti.

“Vivere sotto lo stesso tetto per tanti mesi specialmente per le coppie in crisi ha prodotto situazioni insostenibili ed è evidente che tutte queste tensioni non potevano non comportare un aumento delle separazioni” ha spiegato il presidente dell’Associazione Matrimonialisti italiani (AMI), l’avvocato Gian Ettore Gassani. Secondo l’Ami, infatti, nel corso dell’anno scorso si è verificato un aumento del 30% di richieste di separazioni di cui la metà giudiziali, quindi non consensuali, un aumento del 20% dei femminicidi e un aumento del 70% di violenze all’interno della famiglia.

Da aggiungersi il fatto che anche le coppie già in attesa di giudizio provvisorio, circa 10mila, sono state obbligate a continuare a convivere sotto lo stesso tetto a causa del blocco temporaneo dei tribunali.

“La pandemia ha creato l’emergenza familiare non solo quella economica”, afferma l’avvocato matrimonialista, Gian Ettore Gassani, che denuncia gli episodi di violenza all’interno della famiglia. In effetti, i dati sulle violenze domestiche del 2020 segnano un aumento vertiginoso del 119% di chiamate al numero verde anti-violenza 1522 solo nel primo lockdown, da marzo a giugno. Le richieste di aiuto tramite chat sono quintuplicate passando da 417 a 2.666 messaggi totali. Ovviamente l’aumento delle richieste non implica necessariamente un corrispondente aumento delle violenze però questi numeri indicano con certezza che più persone (per la maggioranza donne) hanno trovato il coraggio di denunciare situazioni che di solito proseguivano da tempo. Sono state 4.236 le chiamate di persone che da anni vivevano violenza in casa, il doppio di quelle del 2019.

Leggi anche: Violenza psicologica: cos’è, come riconoscerla e come uscirne

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Dawson’s Creek, il cast oggi: cosa fanno gli attori 20 anni dopo?

Cosa farebbe Sophia Loren? Tutto sul docu-film Netflix dedicato all’attrice

Leggi anche
  • fabio cantelli chi èChi è Fabio Cantelli, dalla carriera come scrittore a San Patrignano

    Fabio Cantelli è uno dei protagonisti della docu-serie Netflix SanPa, nella comunità aveva vissuto 10 anni sia come ospite che come collaboratore.

  • revenge porn maestra torino licenziata direttriceRevenge porn maestra di Torino licenziata: condanna per la direttrice

    Maestra d’asilo di Torino vittima di revenge porn nel 2018: richiesta la condanna per la preside che l’aveva licenziata e per una mamma.

  • pubblicità nuvenia codice media e minoriLa pubblicità Nuvenia ha infranto il codice media e minori: i motivi

    Lo spot “Nuvenia – Viva la vulva” è stato giudicato inadatto a un pubblico di minori, ma perché tanto scalpore su alcuni fenomeni legati alle donne?

  • lisa montgomery chi eraChi era Lisa Montgomery, la donna giustiziata negli USA dopo 70 anni

    Stanotte è avvenuta l’undicesima condanna a morte sotto la presidenza Trump, la prima di una donna dopo 70 anni. Si tratta di Lisa Montgomery.

Contents.media