Chi era Arturo Toscanini: storia del direttore d’orchestra

Idolatrato dalla critica per tutta la sua vita, Arturo Toscanini ha avuto la fortuna di essere riconosciuto per il talento che era.

Arturo Toscanini è stato uno dei più grandi direttori d’orchestra che l’Italia può vantare. Scopriamo la sua storia e gli anedotti più interessanti della sua vita.

Chi era Arturo Toscanini

Arturo Toscanini (Parma, 25 marzo 1867 – New York, 16 gennaio 1957) è stato un direttore d’orchestra italiano.

Cresce con una famiglia appassionata di opera che frequenta spesso il teatro e inevitabilmente ne eredita la predisposizione. Frequenta infatti la Regia Scuola di Musica vincendo anche una borsa di studio in violoncello e composizione diplomandosi poi con lode.

chi era arturo toscanini

Termina il periodo di istruzione e prende parte ad una tournée in Sudamerica con il maestro del coro e la sua compagnia suonando le opere più celebri tra cui si ricorda l’Aida di Giuseppe Verdi. Un giorno infatti in seguito al panico del nuovo direttore si trova prendere in mano la situazione e dare l’attacco proprio di quest’opera. Si avvia così una carriera che lo accompagna per tutta la sua esistenza.

La carriera come direttore d’orchestra

Il 21 maggio 1892 dirige la sua prima opera al Teatro Dal Verme a Milano. Esordisce successivamente sui più celebri palchi d’Italia dando memoria ai musicisti più amati della storia. Le sue regole erano note a tutti in quanto atipiche: luci spente durante le rappresentazioni, vietato l’ingresso al pubblico in ritardo, alle donne del pubblico è vietato il cappello, non si esegue il bis.

chi era arturo toscanini

Il successo e l’amore ricevuto in Italia fa un passaparola intercontinentale portandolo a dirigere anche al teatro Metropolitan di New York, luogo che chiamerà casa per gli anni successivi. Torna in Italia durante il primo conflitto mondiale per supportare la propria patria e difenderla dal successivo regime fascista. Mantiene indipendente il lavoro del Teatro alla Scala, rifiutandosi addirittura di dirigere per il grande amico Giacomo Puccini con Mussolini in sala.

Una vita a cavallo tra New York e Milano

Torna negli Stati Uniti opponendosi a distanza a fascismo e nazismo. Si organizza per sostenere ebrei, oppositori, politici e chiunque fosse oppresso e perseguitato dai diversi regimi. Gli viene conferita una laurea honoris causa dall’Università di Georgetown a Washington e gli viene dedicata la creazione della NBC Symphony Orchestra.

chi è arturo toscanini

Durante il secondo conflitto, così come nel primo, si impegna in concerti di beneficienza a favore della Croce Rossa e delle forze armate americane. La rivista Life gli dedica per questo un articolo, un pezzo lungo in cui si aggiunge una richiesta personale del musicista al presidente Roosevelt.

Nel 1946 riesce a tornare in patria e a festeggiare il suo ritorno si riempie fino allo scoppio il Teatro alla Scala. La riapertura festeggia la liberazione e auspicare alla Repubblica, oggetto di voto nei giorni successivi. Suona numerosi pezzi quella sera, che viene ricordata come una delle più memorabili di Toscanini.

Scritto da Alessandra Coman
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chi è Kate Moss: vita dell’iconica topmodel

Chi è Jim Carrey: vita del grande attore statunitense

Leggi anche
  • serie tv diversitàSerie tv sulla “diversità”: quali sono le più belle?

    Numerose sono le serie tv sulla diversità che popolano tv e piattaforme-streaming, quali sono le imperdibili?

  • Chi era Andrea PazienzaChi era Andrea Pazienza: vita del fumettista italiano

    Ecco la storia di Andrea Pazienza, un artista a 360° che ha dimostrato di sapersi muovere tra l’arte del fumetto, della scenografia e della pittura.

  • Chi è Courteney CoxChi è Courteney Cox: tutto sull’attrice

    Courteney Cox è la nota attrice televisiva diventata famosa grazie a “Friends” in cui interpreta Monica Geller.

  • edith bruck chi èChi è Edith Bruck: scrittrice e testimone degli orrori della Shoah

    L’infanzia stravolta dalla follia nazista l’ha portata a farsi portavoce delle vittime, come lei, degli orrori della Shoah. Ecco la storia di Edith Bruck.

Contents.media