Voglia a forma di cuore: le tenerissime foto del neonato

Succede in Turchia, nella città di Ankara, dove Murat Engin, 30 anni, e sua moglie Ceyda, 28 anni hanno dato vita al piccolo Çinar Engin. L’infermiera che è intervenuta al parto, assistendo la mamma, ha subito notato che quel faccino tenero nascondeva qualcosa di sensazionale.

Insieme al padre che era con lei durante la pulizia del neonato dal sangue materno, hanno visto questo particolare arrossamento sulla fronte, tra l’attaccatura del naso e l’occhio destro. A un primo acchito, si pensava fosse un’irritazione ma poi hanno scoperto l’aspetto unico di questa “macchia”. Si tratta, piuttosto, di una voglia a forma di cuore.

voglia

La voglia dell’amore

La presenza di questo segno ha intenerito ancora di più i genitori che sono stati letteralmente invasi da moltissime richieste di fotografie, facendo il giro dei social network. Quello che potrebbe essere considerato a volte un difetto fisico, in Çinar Engin assume un significato particolare, come se avesse ricevuto in dono il sentimento dell’amore. Non è un caso se questo bambino, in giro per le strade, sorride a tutti ed è molto solare.

Chissà se questa voglia a forma di cuore rimarrà indelebile sulla fronte del bambino o si schiarirà con il passare degli anni?

Voglia sulla pelle: cos’è?

Cos’è una voglia cutanea? Per voglia si intende un difetto della pelle che si forma ben prima della nascita. Si presentano come dei rigonfiamenti morbidi della pelle, che assumono, generalmente un colore rosa intenso e per questo vengono chiamate anche “voglie di fragola”.

Sebbene si formino prima della nascita, le voglie risultano visibili solo dopo un mese di vita del neonato. Ecco perché la storia di Çinar Engin, con la sua voglia a forma di cuore, ha dell’incredibile.

Per quanto riguarda la causa che provoca la formazione di una voglia, sono stati eseguiti e sono tuttora in corso delle ricerche che dimostrino la loro origine, sebbene non sia ancora molto chiara. Tra le ipotesi più accertate c’è lo sbilanciamento dei fattori alla base della formazione e della migrazione delle cellule della pelle.

Testimonianze di desideri insoddisfatti

Oltre alla versione scientifica, sono molte le teorie che si susseguono in merito alla formazione delle voglie. Il termine “voglia”, comune in tutte le altre lingue del mondo, designa un particolare desiderio insoddisfatto da parte della madre durante la gravidanza. Ad esempio, una donna incinta che ha desiderio insoddisfatto di mangiare le fragole, potrebbe causare la formazione di una voglia di fragola nel corpo del bambino. Per tale ragione, secondo alcune credenze popolari, la donna presa da una voglia insoddisfatta dovrebbe toccarsi su un punto del corpo non visibile perché la voglia si formerà sul corpo del feto in quel preciso punto.

Tornando alla notizia con cui abbiamo aperto l’articolo, quale potrebbe essere la causa che ha originato la voglia a forma di cuore sulla fronte del piccolo Çinar Engin? La teoria del desiderio insoddisfatto non regge molto…chi non è contornato da amore in una circostanza simile dove si è prossimi alla nascita di una nuova vita? Lasciamo gli scienziati ai loro studi e auguriamo il meglio a questa piccola creatura che ha già avuto un dono subito dopo la sua nascita.

Scritto da Fabiana Augugliaro

Scrivi un commento

1000

Vacanza extra-lusso per una studentessa: ecco come ha fatto

Finisce in ospedale per aver assunto ecstasy: le foto-denuncia della madre

Leggi anche
  • baby sitterCome trovare la baby sitter perfetta: i consigli

    La baby sitter perfetta esiste: tutti i consigli utili su come trovare quella più adatta ai vostri bambini.

  • mamme lesbicheMamme lesbiche, come vive una famiglia omogenitoriale

    Cosa vuol dire vivere in una famiglia omogenitoriale e che tipo di vita sociale possono avere queste persone? Scopriamolo meglio.

  • disabileAbbandona il figlio disabile

    Abbandona il figlio disable: 17 anni dopo il riscatto del piccolo Gabe. Dal Brasile allo Utah grazie ad una foto vista quasi per caso

  • georgia tannGeorgia Tann rubò ai poveri 5000 bimbi per darli ai ricchi

    Georgia Tann, tra gli anni ’20 e gli anni ’50, rubò più di 5000 bambini ai poveri per venderli alle famiglie ricche.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.