Varsavia, 7 ragazzi italiani picchiati fuori da una discoteca

Ci sarebbe uno scambio di persona alla base della violenta aggressione a danno di 7 ragazzi italiani, picchiati a Varsavia. 3 di loro sono in ospedale.

È stata una notte di violenza nella Capitale polacca, dove 7 ragazzi italiani sono stati picchiati. 3 di loro sono finiti in ospedale. Pare che si sia trattato di uno scambio di persone.

Varsavia, 7 ragazzi italiani picchiati

Alcuni malviventi polacchi hanno aggredito alle spalle 7 giovani italiani, provenienti da Scandicci, in provincia di Firenze, e li hanno picchiati a sangue.

Gli aggressori pare abbiano usato dei tirapugni, lasciando segni profondi sulle loro vittime, che hanno tutte circa 20 anni. I giovani sono stati picchiati con una violenza inaudita: 3 di loro sono finiti in ospedale.

I 7 amici avevano raggiunto Varsavia per trascorrere in compagnia il ponte di Ognissanti. I malviventi si sono avvicinati a loro fuori da una discoteca intorno alle 4 di notte.

Il violento episodio è avvenuto tra venerdì 29 e sabato 30 ottobre.

Varsavia, 7 ragazzi italiani picchiati: come stanno?

A distanza di circa 48 ore dall’aggressione, due dei tre ragazzi ricoverati per le gravi ferite riportate sono stati dimessi. Uno dei giovani amici resta in ospedale. Il ragazzo ha avuto una grave frattura al volto e rischia notevoli danni a un occhio. I familiari hanno raggiunto Varsavia e vorrebbero farlo operare a Firenze.

Dopo due giorni di osservazione, i medici hanno permesso di tornare a casa a un altro amico che nel pestaggio ha ricevuto numerosi calci all’addome, causa di una emorragia interna.

Varsavia, 7 ragazzi italiani picchiati: la dinamica

I giovani fiorentini sono stati aggrediti dopo essere usciti dalla discoteca in cui hanno trascorso la serata. Insieme si stavano dirigendo verso un altro locale, per incontrare un altro amico.

È in quel momento che hanno incrociati i loro aggressori, dai quali sono stati attaccati alle spalle.

Scritto da Asia Angaroni
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Articoli correlati
Leggi anche
  • PensioniCalderone sulle pensioni: “Prendiamo Quota 41 come riferimento”

    La ministra del Lavoro e delle Politiche sociali, Marina Calderone, ha parlato dei prossimi interventi sulle pensioni: a riferimento Quota 41

  • Catherine DahmerCatherine Dahmer: chi era la nonna di Jeffrey Dahmer

    Catherine Dahmer era la nonna di Jeffrey Dahmer, serial killer e cannibale, di cui si è parlato anche nella famosa serie Netflix.

  • Sabrina MinardiVatican Girl: chi è Sabrina Minardi

    Sabrina Minardi è stata legata per ben dieci anni ad Enrico De Pedis, Boss della Banda della Magliana, conosciuto come Renatino.

  • Renatino De PedisVatican Girl: chi è Renatino de Pedis

    Enrico De Pedis, conosciuto come Renatino, è stato il boss della Banda della Magliana, ucciso nel 1990 a Campo de’ Fiori.

Contentsads.com