Stiratura chimica: tutto quello che devi sapere prima di farla

Cosa devi sapere prima di fare la stiratura chimica ai capelli? Tutti i pro e i contro del trattamento lisciante.

Vorreste una fluente chioma liscia invece che la vostra indomabile di capelli ricci? Spesso si ricorre al metodo spazzola e piastra, ma può risultare lungo e noioso dedicare ogni giorno così tanto tempo alla cura dei capelli, specie durante l’estate.

Inoltre, basta poco e si è al punto di partenza: tutto il lavoro fatto è finito e i capelli sono ritornati ad essere un cespuglio di ricci. Esiste un metodo permanente che vi farà provare le brezza di avere i tanto desiderati capelli lisci ben più a lungo: la stiratura chimica.

Stiratura chimica: cos’è?

La stiratura chimica è un procedimento che, come la permanente per i ricci, utilizza sostanze specifiche per ottenere un effetto liscio sui capelli.

E’ un trattamento di lunga durata, ma questa può variare a seconda del tipo di capello e dei prodotti usati dal parrucchiere. Ovviamente, con la ricrescita del capello e se si vuole mantenere l’effetto si dovrà tornare dall’hairstylist per una nuova seduta.

Chi può farla

Questo trattamento può farlo chiunque abbia intenzione di dare una piega decisa e più domata ai propri capelli. La stiratura, però, è delicata e necessita di una mano esperta.

Non può assolutamente essere fatta in casa, ma solo ed esclusivamente da un parrucchiere esperto. Quest’ultimo, dopo aver analizzato il capello, vedrà se lo stesso è adatto per ricevere il trattamento. Se si hanno capigliature troppo delicate o indebolite da tinte & Co, o ancora soggette a problemi della cute, è il caso di evitare l’utilizzo di prodotti chimici.

Stiratura: rovina i capelli?

La stiratura chimica può indebolire il capello. In caso di caduta di capelli o indebolimento e assottigliamento degli stessi, meglio interrompere il trattamento.

Più in generale, è buona pratica accompagnare il trattamento a prodotti specifici, come maschere e impacchi anti-crespo e rinvigorenti. Inoltre, sarebbe bene evitare di tingersi i capelli in concomitanza, in quanto un’eccessiva applicazione di sostanze chimiche potrebbe danneggiare la cute.

Come curare i capelli lisci

Una volta eseguita la stiratura, si possono dimenticare le lunghe ore dedicate alla piastra, ma non bisogna certo trascurare la propria chioma, anzi. Bisogna avere maggior cura dei capelli, in quanto, sono indeboliti o comunque resi più sensibili da un trattamento chimico.

Risulta benefico un trattamento alla cheratina che rinvigorisce il tono del capello, così come sono necessari balsami e maschere. La camelia, l’argan e il lino, ad esempio, sono rimedi naturali che possono rafforzare la chioma.

Infine, appena effettuato il trattamento bisogna evitare di lavare i capelli, o anche solo di bagnarli. E’ sconsigliato anche fare acconciature o legarli con l’elastico perché la forma della chioma potrebbe subire modifiche.

Scritto da Fabrizia Volponi
Tag

Scrivi un commento

1000

Infusi, tisane e decotti: che differenza c’è e a chi possono servire?

Costumi interi estate 2020: le collezioni dei brand

Leggi anche
  • Capelli castani con riflessi biondi scelti dalle starCapelli castani con riflessi biondi: tutti gli hair look delle star

    Lasciatevi ispirare dalle star che hanno sfoggiato chiome castane vivacizzate da pennellate biondo miele, rosso rame o caramello.

  • Balayage rosso: come si fa?Balayage rosso per illuminare la chioma: come si fa?

    Se siete alla ricerca di un metodo per schiarire i vostri capelli, ma non volete tingerli completamente la soluzione è il balayage: ecco come si fa.

  • olio di jojoba sui capelli a cosa serveOlio di jojoba capelli: a cosa serve e come utilizzarlo

    L’olio di jojoba rende la chioma più morbida e brillante rinforzando la struttura del capello, ma può essere usato anche per forfora e secchezza.

  • Acconciatura semiraccolto con trecce e foulardAcconciatura semiraccolto con trecce e foulard: come realizzarla?

    Tra le acconciature più trendy e originali del momento a cui incorporare il foulard c’è il semiraccolto realizzato con una o più trecce.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.